La Cina alla conquista dei media

La Cina comunista sta facendo un’operazione analoga a quella dell’URSS comunista: la conquista dei media

Come noto, durante gli anni della guerra fredda, l’oro di Mosca serviva a finanziare i partiti comunisti d’Europa e a comperare politici, imprenditori, funzionari e giornalisti (alcuni già disponibili per motivi ideali, altri più propensi a cedere solo al dio soldo).

Il nome più famoso, oggi, di giornalisti quantomeno conniventi con il comunismo è quello di Corrado Augias, ma l’archivio Mitrokhin ci ha svelato come tra i collaboratori ci fossero il redattore capo di Nuovi tempi, Giorgio Girardet, il direttore dell’agenzia Adista, Franco Leonori, il direttore del giornale Settegiorni Carlo Longo, il vice capo redattore de l’Avanti Francesco Gozzano... e moltissimi altri ( L’archivio Mitrokhin, Rizzoli, 1999).

Oggi la Cina sta facendo lo stesso gioco in molti paesi del mondo, compresi gli Usa (lo scandalo Hunter Biden è ormai conosciuto) e l’Italia.

Mentre al suo interno impone una censura durissima, trovando a quanto sembra persino la collaborazione di Google (qui l’esaustivo articolo del sole24ore in proposito) ), all’estero compera pezzi di giornali e tv per influenzarli e dirigerli.

In particolare nel nostro paese il Partito Comunista Cinese (un mix di comunismo e capitalismo selvaggio), ha stretto recentemente accordi, tramite altri suoi giornali, università, ministeri… con il Sole 24 Ore, Rai, Mediaset…

«A marzo 2019 sono stati firmati i seguenti accordi: agenzie di stampa Agi, Ansa e Milano Finanza con Xinhua; quotidiano Il Sole 24 Ore con China Economic Daily; emittenti radiotelevisive Rai e Mediaset e Class con China Media Group (Cmg)… Il contenuto è segreto» (leggi qui).

Se a ciò aggiungiamo una relazione privilegiata con alcuni partiti politici (con i democratici, ma anche una parte dei repubblicani negli Usa, con Beppe Grillo e i 5Stelle in Italia…) possiamo capire qualcosa dell’Imperialismo comunista cinese, implacabile con il suo stesso popolo (in Cina ci sono ancora i campi di concentramento, noti come laogai), con l’Africa, continente preda di continui sfruttamenti, e con un Occidente sempre più decadente e prono unicamente al potere del denaro.

da: la Voce del Trentino

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Caso Grillo, uno schifo che è lo specchio dell’Italia

      di Roberto Marchesini. Qualcuno, notando l’esasperazione del politico genovese, ha ipotizzato che fosse dovuta alla disperazione di chi ha sacrificato il partito per salvare il figlio e si è reso conto che si è trattato di un sacrificio inutile. Qualcun altro ha risposto alla domanda posta da Grillo («Mio figlio è su tutti i giornali come stupratore seriale insieme ad altri 3 ragazzi...io voglio chiedere chiedere veramente perché un gruppo di stupratori seriali non sono stati arrestati, la legge dice che vanno presi e messi in galera e interrogati. Sono liberi da due anni, ce li avrei portati io in galera a calci nel culo. Allora perché non li avete arrestati?») con velenose insinuazioni (clicca qui): «È una vicenda che è nata alla vigilia – credo un mese prima – che si creasse una nuova maggioranza tra PD e Cinque Stelle ed è una vicenda che ha avuto il suo epilogo due mesi dopo che quel governo è finito». Leggi il seguito…

    • Qualche dubbio sul Caso Grillo

      di Marcello Veneziani. A parte l’umana comprensione per un padre che vuol difendere e salvare un figlio, Beppe Grillo ha decisamente sbagliato col suo video, mostrando tutta la sua prepotenza aggressiva: ha sostenuto una tesi innocentista dopo anni di feroce giustizialismo solo perché era in ballo suo figlio, ha ferito e offeso la ragazza che ha denunciato di aver subito lo stupro, accusandola in pratica di fingere e quindi di speculare. E ha ripercorso il repertorio classico dei “maschilisti” che a un certo punto sfoderano la solita parola chiave: lei ci stava, era consenziente. Non starò lì a ripetere quello che dicono tutti. Vorrei però notare un’implicazione politica. Leggi il seguito…

    • Nuovi preti: sinodali, “moderni”, tutto ma non santi

      di Stefano Fontana. Ripensare il sacerdozio, questo l’obiettivo del Simposio teologico internazionale progettato dalla Congregazione dei Vescovi e presentato alla stampa dal cardinale Marc Ouellet nel segno dello stare al passo coi tempi e della sinodalità. Nessuno ha parlato della “santità” del sacerdote, la quale, in fondo, è l’unica cosa che conta e che sta alla base anche della soluzione dei cosiddetti problemi concreti. Leggi il seguito…

    • La disputa filosofica sul vaccino, oltre i No vax e i Dio vax

      di Marcello Veneziani. Nonostante l’avvento del colore da quasi mezzo secolo, la tv e i media dividono l’umanità in bianco e nero; il video come i social premia chi dice bianco o nero, senza sfumature. Infatti la rappresentazione dominante sul vaccino è perentoria: il vaccino è la salvezza per i saggi e la dannazione per gli stolti. Dio vax e No vax, e in mezzo il vuoto. E ambedue abusano della credulità popolare per spargere cieco ottimismo e ottuso allarmismo. Ma il mondo è più vario, non si ferma nemmeno al grigio, cioè a metà tra i due estremi; ma è colorato, a volte colorito. Basta sentire i discorsi veri della gente per accorgersi che sono pochi i credenti e i miscredenti radicali, nel mezzo i più sono esitanti, mutevoli, diffidenti, guardinghi, circostanziati o rassegnati. Lo scetticismo si è fatto ipotetico e selettivo: va bene ma non AstraZeneca. Oltre la fede dei dio vax e la sfiducia dei no vax, prevale lo spirito critico e vigile. Leggi il seguito…