«I cattolici servono per fare il partito di Conte»

di Andrea Zambrano.

Quagliariello: “Secondo me il problema dei responsabili non è tanto finalizzato al governo, quanto piuttosto la tentazione di entrare e gestire il partito di Conte. Si parla spesso di un partito di Conte con la benedizione del Vaticano. Ad un certo punto è uscito anche il nome, Insieme, guarda caso lo stesso della stessa formazione appena nata da Stefano Zamagni. Penso che alla fine si rivelerà una pericolosa illusione”

***************

Senatore Gaetano Quagliariello (Idea), è partita la caccia ai responsabili, ma guarda caso si pesca tra voi centristi.
La coalizione di maggioranza si sta trasformando sempre più in un hastag #noisiamoconConte. Mi sembra di respiro cortissimo.

È la vecchia arte del trasformismo…
Non è nemmeno trasformismo. Nel trasformismo i governi si trasformavano, l’arrivo di altri deputati cambiava l’asse del governo. Invece qui stanno chiedendo di aderire a una situazione uguale che si consolida.

Ce la faranno?
Dipende da che cosa ha chiesto Mattarella: se basta una maggioranza relativa la cosa è fatta con l’astensione di Renzi. Se invece Mattarella chiede la maggioranza assoluta, allora bisogna passare per una crisi di governo.

E qui entrano in campo i responsabili.
Secondo me il problema dei responsabili non è tanto finalizzato al governo, quanto piuttosto la tentazione di entrare e gestire il partito di Conte.

Si parla spesso di un partito di Conte con la benedizione del Vaticano. Ad un certo punto è uscito anche il nome, Insieme, guarda caso lo stesso della stessa formazione appena nata da Stefano Zamagni.
Penso che alla fine si rivelerà una pericolosa illusione.

Perché?
È un fenomeno mediatico legato alla centralità di Conte, ma la sua centralità non è infinita e non è detto che arrivi alle prossime elezioni.

Le hanno mai chiesto di entrarne a far parte?
No, ma comunque non credo a queste operazioni. Il problema è ricostruire i liberal-conservatori, questo manca al nostro Paese e manca anche a un Centrodestra come alternativa all’egemonia di Centrosinistra in campo ecclesiastico.

A proposito, le voci di Zamagni, che è presidente della Pontificia Accademia delle Scienze Sociali, come sherpa sotterraneo del partito di Conte si stanno facendo insistenti.
Mi sembra evidente che un certo mondo ecclesiastico si stia spendendo a favore di questa maggioranza, anche se non ho testimonianze dirette.

Che cosa pensa?
Come dire: contenti loro di sostenere chi inserisce nella carta di identità genitore 1 e genitore 2.

O la legge Zan…
Chiunque andrà dal mondo cattolico a sostenere Conte dovrà spiegare perché entra in coalizione con chi sta facendo leggi come questa.

Eppure, anche il presidente della Cei, il cardinal Bassetti, in un’intervista ha proprio parlato di “costruttori”, guarda caso l’appellativo che oggi va per la maggiore per trovare i voltagabbana pro Conte…
Rispetto le parole di Bassetti, ma non condivido il fatto che, poiché Renzi ha sbagliato, allora il governo vada appoggiato.

Si è parlato di Mastella, poi della Binetti: che cosa pensa dei cattolici come mosche cocchiere in queste operazioni?
Il problema è che quel mondo è chiaramente mal rappresentato. Quando ci si trova in una situazione di difficoltà si cercano queste soluzioni, ma penso che dipenda anche dal completo scollamento tra il mondo politico e quello ecclesiastico.

Durante il lockdown di marzo e aprile la Chiesa ha ceduto fette di autonomia allo Stato?
Sempre detto con molto rispetto, però alcune cose non le ho comprese.

Ad esempio?
L’atteggiamento del Governo rispetto alla Pasqua e al 25 aprile è emblematico di una situazione precisa.

Come dovrebbe finire la crisi?
È evidente che arrivati a questo punto da un punto di vista della democrazia costituzionale, la strada più dritta e con meno curve sono le elezioni.

Fonte: La nuova Bussola Quotidiana

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • I compiti del governo Draghi e gli obblighi di chi lo ha voluto

      di Gaetano Quagliariello. La vicenda dei sottosegretari segna una battuta d’arresto per il governo Draghi. Per i modi con i quali si è pervenuti alla lista. E, ancor di più, per i nomi che la lista contiene. In principio era il governo “dei migliori”. Poi si è trasformato nel governo “dei comuni mortali”. Chi può faccia qualcosa per evitare l’avvento del governo “degli zombie”. Leggi il seguito…

    • Quando il magistero non è magistero? Uno spunto francese

      Dottrina sociale di Stefano Fontana. In questo blog ci si è già occupati del problema se e quando le affermazioni del magistero riguardanti la Dottrina sociale della Chiesa siano vincolanti per il credente ed esigano obbedienza. Con papa Francesco questo è ormai diventato un enorme problema. A tornare sull’argomento è ora la rivista francese Liberté Politique con il fascicolo n. 87 dal titolo “Parole et autorité dans l’Église”. Leggi il seguito…

    • La Cina a caccia dei porti dell’Adriatico. Ma Rijeka (Fiume) dice no

      di Vladimir Kosic. Ciò che né gli Stati Uniti d’America e né l’Unione Europea vogliono è che si ripeta quanto accaduto con il porto del Pireo e con la “Via della seta” (Sea&Belt Initiative) in cui è coinvolta l’autorità portuale di Trieste all’interno del disegno cinese che coinvolge non solo il nostro paese ma l’Europa intera. Il primo, sfacciato, risultato è stato segnato con l’ingresso/possesso del porto del Pireo, ormai completamente nelle mani di Pechino. Con l’accordo sottoscritto tra Xi Jinping e Kyriakos Mītsotakīs, premier greco, la Grecia è diventata l’ingresso della Cina in Europa ottenendo in cambio pochi spiccioli Leggi il seguito…

    • L’anno che ci invecchiò di colpo

      di Marcello Veneziani. Come riassumere in una sola immagine, in un solo pensiero, quasi in un’epigrafe storica per i posteri il senso dell’anno trascorso sotto la pandemia? In sintesi: fu l’anno che ci invecchiò di colpo. Nell’arco che va da marzo scorso a oggi, siamo invecchiati tutti più in fretta; donne, vecchi e bambini, giovani e adulti, in ogni parte del mondo. Abbiamo vissuto un anno da vecchi, con una mezza tregua estiva. Stando reclusi in casa, vivendo da pensionati, da cagionevoli, da convalescenti, distanti da tutti, isolati dagli altri, al riparo dal mondo; abbiamo curato la nostra sopravvivenza vivendo meno, non lavorando, non uscendo, non viaggiando, non rischiando. Leggi il seguito…