Eco-globalismo, nuova religione del secolo

L’incubo ecologista nell’ultimo Rapporto Van Thuân e intervento del prof. Stefano Fontana

Giovedì 28 gennaio 2021, si è svolto on-line il Convegno “Eco-globalismo, nuova religione del secolo”, organizzato dall’Osservatorio Cardinale Van Thuân, dal quotidiano la Nuova Bussola Quotidiana e da Tradizione Famiglia Proprietà.

Nell’occasione è stato presentato il recente Rapporto sulla Dottrina sociale della Chiesa nel Mondo (Cantagalli, Siena 2020) pubblicato dall’Osservatorio e che ha per oggetto l’ambientalismo.

Alla Conferenza, condotta da Federico Catani, hanno partecipato Stefano Fontana, direttore del Van Thuân, Julio Loredo, presidente di TFP Italia, Riccardo Cascioli, direttore della Nuova Bussola Quotidiana, Don Samuele Cecotti, teologo, Gaetano Quagliarello, senatore e presidente di Magna Carta, Maurizio Milano, economista.

L’ecologismo è una enorme ideologia ormai planetaria o, addirittura, una nuova grande religione senza dogmi e incentrata sulla collaborazione di tutti per la salvaguardia dell’ambiente, di cui si prevede una imminente catastrofe. L’incubo, però, non è questo della supposta imminente catastrofe, ma è l’ecologismo stesso che prelude ad un nuovo ordine mondiale fortemente impositivo, accentrato, dispotico e tenuto insieme dal collante dell’ecologismo come nuova religione civile, della quale ogni potere ha bisogno per opprimere gli uomini con il loro consenso: felici di essere controllati e oppressi.

La nuova religione ecologista ha già fatto tacere la ragione, inibendone le capacità critiche. Solo la religione vera ha dei dogmi ma non cade nel dogmatismo, la religione falsa cade nel dogmatismo pur non avendo dogmi. Il dogmatismo più evidente nell’attuale ecologismo è che il riscaldamento globale sarebbe prodotto dall’uomo. La scienza non sostiene per niente questa ideologia, ma il potere mondiale ha deciso che così tutti devono credere. Un video promozionale di National Geografic, che forse tutti abbiamo visto in tv, faceva vedere il campanile di San Marco a Venezia quasi completamente sommerso dall’acqua mentre lo speaker diceva che se entro il 2030 non avessimo ridotta a zero l’emissione di anidride carbonica quella sarebbe stata la conseguenza. Ma le emissioni di anidride carbonica non influenzano il riscaldamento che ha mille altre cause, molte delle quali ancora sconosciute, come dimostra il Rapporto dell’Osservatorio.

Le falsità della falsa religione ecologista sono molte e vanno sfatate. Esse riguardano la presunta esauribilità delle fonti energetiche non rinnovabili, l’idea che l’agenda verde sia economicamente leggera, il concetto che la sostenibilità sia un criterio oggettivo, la previsione secondo cui la natalità è un male per il pianeta, la valutazione secondo cui il green sia più economico e quindi a portata di tutti, l’idea secondo cui le tecnologie delle rinnovabili non sono inquinanti, la convinzione secondo cui la speculazione finanziaria sarebbe estranea al mondo verde e così via. Il Convegno cercherà di confutare tutte queste falsità che oggi sono imposte più che proposte tramite il connubio tra potere politico e grande stampa.

Oltre a sfatare le falsità, bisogna però contestare anche il quadro teorico di fondo su cui l’ecologismo si fonda, la sua visione dell’uomo in rapporto alla natura, il suo concetto stesso di natura, la sua visione panteistica della stessa. Ecco perché desta molta preoccupazione che la Chiesa cattolica collabori al progetto ecologista, che contrasta apertamente con la visione cattolica della creazione del mondo da parte di Dio, del suo finalismo e dell’uomo stesso.

****************

LA CHIESA E LA NUOVA ECUMENE ECOLOGISTA. Intervento al Convegno “Eco-globalismo, nuova religione del secolo”

di Stefano Fontana

Ogni anno, da dodici anni, l’Osservatorio Cardinale Van Thuân pubblica un Rapporto sulla Dottrina sociale della Chiesa nel mondo. Quest’anno abbiamo dedicato il Rapporto al tema dell’ambientalismo o ecologismo. Perché abbiamo scelto questa problematica per il nostro 12mo Rapporto? Vorrei soffermami brevemente su quanto ritengo essere il motivo principale di questa scelta.

Si sta formando una nuova ecumene globale che fa dell’ecologismo la propria religione civile. Ogni religione civile è a servizio del potere e serve a rendere gli uomini contenti di essere oppressi. Ogni potere ha bisogno di non mostrare il proprio volto di nudo potere e quindi adotta una religione civile che tenga uniti i cittadini per convinzione e che faccia loro credere che il potere abbia un senso. La religione civile non indebolisce il potere, lo rafforza perché lo rende accettabile a accettato.

La Chiesa cattolica ha intrapreso la strada di entrare a far parte di questa nuova ecumene e di collaborare per questa nuova religione civile ecologista globale. Su questo non ci possono essere più dubbi, se ormai i parroci, nel giorno della prima comunione, regalano ai ragazzi comunicandi una pianticella per salvaguardare il pianeta. Il rischio che la Chiesa corre però è molto alto. Rischia di uscirne con le ossa rotte. Questa è la grande preoccupazione che ci ha indotti alla redazione di questo Rapporto dedicato all’ecologismo.

L’ecumene ecologista è una nuova chiesa (Kant direbbe una chiesa morale, la le chiese solo morali diventano facilmente immorali) e l’ecologismo ecumenico è una nuova religione. Essa ha il suo dio (la Madre Terra), i suoi dogmi indiscutibili (come il riscaldamento globale prodotto dall’uomo), ha i suoi testi sacri (come i libri di Lovelock), ha i suoi fini ultimi (come gli obiettivi ONU del 2030), ha le sue Inquisizioni (come l’IPCC, il panel intergovernativo dell’ONU sui cambiamenti climatici), ha le sue parole sacre da pronunciare con reverenza come “sostenibilità”, ha i suoi sacerdoti e le sue sacerdotesse (come la giovane Greta), ha i suoi eretici (come per esempio il prof. Molion che nel nostro Rapporto nega i dogmi ambientalisti), ha i suoi strumenti di propaganda come la grande stampa e la grande TV, ha le sue catechesi impartite dagli insegnanti di religione nelle scuole di Stato in ossequio ai nuovi insegnamenti di educazione civica … alla nuova religione mancano solo due cose: i martiri e la croce, infatti essa è gradita al mondo, che per essa non prepara un Calvario, non è proscritta, anzi è essa a stendere le liste di proscrizione.

Ma cosa succede se la Chiesa cattolica entra a collaborare con questa nuova religione? prima di tutto deve rinunciare all’uso della ragione. Deve anch’essa prendere per buono il riscaldamento globale antropico e deve perfino invitare alla vaccinazione come imperativo categorico eticamente assoluto, unico modo per realizzare il Vangelo e collaborare al bene comune, nascondendo che la ragione scientifica stessa sul punto è assolutamente incerta. Su questi temi la Chiesa sta perdendo l’uso della ragione. Prende per veri i dati assolutamente improbabili circa l’esaurimento delle risorse non rinnovabili come mostra, in riferimento al petrolio, il prof. Battisti nel nostro Rapporto, prende per buoni i dati sui morti per Covid forniti dalle istituzioni, non vede che l’inquinamento maggiore è prodotto dalle società arretrate e non da quelle sviluppate, sposa ciecamente le tecnologie per le energie alternative senza considerare i costi di smaltimento, appoggia leader politici funzionali all’ecumene ecologista nonostante siano sostenitori dell’aborto universalizzato.

Come la Chiesa italiana diventa “Chiesa di Stato” e sulla questione Covid ragiona con le ragioni del governo italiano, così la Chiesa universale accetta l’assimilazione in una indistinta ecumene ecologista voluta dall’ONU.

Oltre a perdere la ragione, la Chiesa cattolica che si propone come agenzia di animazione della nuova ecumene ecologista perde anche le proprie ragioni, ossia le ragioni della fede.

Elenco in breve tre ragioni della fede cattolica che oggi sono in pericolo.

La prima è il principio della creazione del mondo di Dio dal nulla. La teologia cattolica accreditata ormai tace su questo punto, oppure lo interpreta in altro modo, come una creazione dall’interno dell’evoluzione. Così la intendono i seguaci di Teihlard de Chardin e di Karl Rahner, che oggi sono la maggior parte dei teologi. Nessun pastore ci ha invitato a pregare affinché Dio faccia terminare la pandemia da Covid, nessuno ciha invitato a riflettere spiritualmente sul suo senso nella provvidenza divina … perché Dio non opera dall’esterno ma solo dall’interno dell’evoluzione della storia. Dio opera solo con le nostre mani, con le mani di tutti.

La seconda ragione della fede è la creazione immediata dell’anima di ogni singolo uomo da parte di Dio. Anche su questo oggi la teologia tace, oppure sostiene che anche l’anima è frutto di una creazione evolutiva interna, sicché dalla materia nascerebbe lo spirito, ciò che richiede di negare il principio secondo cui il più non viene dal meno.

In terzo luogo oggi la teologia rifiuta l’idea di Dio come fine ultimo, alla cui gloria tutto è destinato e soprattutto l’uomo. Dio non si sostituisce  – così si dice – ai fini umani e storici ma coincide con essi, vive in essi, si snoda e si fa valere dentro di essi.

Questi tre nuovi principi che ho elencato hanno una caratteristica comune, pongono Dio stesso, e a maggior ragione l’uomo, dentro l’evoluzione della natura e della storia. La creazione è evoluzione, l’anima è uno sviluppo della materia, il fine ultimo coincide con i fini intermedi.

Come si vede l’ingresso della Chiesa nell’ecumene ecologista globale ha alle spalle una lunga preparazione. Per questo dobbiamo essere molto preoccupati e per questo bisogna sforzarci di impostare bene il problema ecologico, fuori di ogni ecologismo.

Fonte: Osservatorio Internazionale Card. Van Thuân

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • I compiti del governo Draghi e gli obblighi di chi lo ha voluto

      di Gaetano Quagliariello. La vicenda dei sottosegretari segna una battuta d’arresto per il governo Draghi. Per i modi con i quali si è pervenuti alla lista. E, ancor di più, per i nomi che la lista contiene. In principio era il governo “dei migliori”. Poi si è trasformato nel governo “dei comuni mortali”. Chi può faccia qualcosa per evitare l’avvento del governo “degli zombie”. Leggi il seguito…

    • Quando il magistero non è magistero? Uno spunto francese

      Dottrina sociale di Stefano Fontana. In questo blog ci si è già occupati del problema se e quando le affermazioni del magistero riguardanti la Dottrina sociale della Chiesa siano vincolanti per il credente ed esigano obbedienza. Con papa Francesco questo è ormai diventato un enorme problema. A tornare sull’argomento è ora la rivista francese Liberté Politique con il fascicolo n. 87 dal titolo “Parole et autorité dans l’Église”. Leggi il seguito…

    • La Cina a caccia dei porti dell’Adriatico. Ma Rijeka (Fiume) dice no

      di Vladimir Kosic. Ciò che né gli Stati Uniti d’America e né l’Unione Europea vogliono è che si ripeta quanto accaduto con il porto del Pireo e con la “Via della seta” (Sea&Belt Initiative) in cui è coinvolta l’autorità portuale di Trieste all’interno del disegno cinese che coinvolge non solo il nostro paese ma l’Europa intera. Il primo, sfacciato, risultato è stato segnato con l’ingresso/possesso del porto del Pireo, ormai completamente nelle mani di Pechino. Con l’accordo sottoscritto tra Xi Jinping e Kyriakos Mītsotakīs, premier greco, la Grecia è diventata l’ingresso della Cina in Europa ottenendo in cambio pochi spiccioli Leggi il seguito…

    • L’anno che ci invecchiò di colpo

      di Marcello Veneziani. Come riassumere in una sola immagine, in un solo pensiero, quasi in un’epigrafe storica per i posteri il senso dell’anno trascorso sotto la pandemia? In sintesi: fu l’anno che ci invecchiò di colpo. Nell’arco che va da marzo scorso a oggi, siamo invecchiati tutti più in fretta; donne, vecchi e bambini, giovani e adulti, in ogni parte del mondo. Abbiamo vissuto un anno da vecchi, con una mezza tregua estiva. Stando reclusi in casa, vivendo da pensionati, da cagionevoli, da convalescenti, distanti da tutti, isolati dagli altri, al riparo dal mondo; abbiamo curato la nostra sopravvivenza vivendo meno, non lavorando, non uscendo, non viaggiando, non rischiando. Leggi il seguito…