Ambientalismo e globalismo nuove ideologie? Puntata dell’Osservatorio Van Thuân a Radio Maria

Con la presentazione del Dodicesimo Rapporto sulla Dottrina sociale della Chiesa nel mondo, si esamineranno le possibilità che l’ambientalismo e il globalismo possano sempre più diventare nuove ideologie politiche.

 La prossima puntata della trasmissione “La Dottrina sociale della Chiesa oggi”, curata dall’Osservatorio ogni terzo sabato del mese su Radio Maria, sarà dedicata al tema: “Il Rapporto sulla Dottrina sociale della Chiesa nel mondo”. Questo sabato, dunque, 16 gennaio, dalle ore 21.00 alle 22.30, tratterranno dell’argomento Antonio Casciano (Dottore di ricerca in Etica e filosofia politico-giuridica, collaboratore del Centro Studi “Rosario Livatino”), che parlerà  delle politiche comunitarie in materia di tutela ambientale e sviluppo socio-economico e Gianfranco Battisti (Già Professore associato di Geografia politica ed economica e ordinario di Geografia presso l’Università di Trieste), che presenterà il ruolo dei fattori geopolitici, in particolare analizzando la questione legata al petrolio.

L’intento è sempre quello di affrontare i temi cari al Magistero della Chiesa, approfondendo  la riflessione del rapporto tra “ecologia naturale” ed “ecologia umana”, analizzando le derive ideologiche dell’ambientalismo e del globalismo . Il conduttore Fabio Trevisan tratterà, con l’ausilio dei graditi ospiti, quanto l’ecologismo debba essere visto alla luce della Dottrina sociale della Chiesa, anche attraverso interviste e domande.

L’appuntamento è quindi per sabato prossimo, con la possibilità da parte degli ascoltatori d’intervenire in diretta, a partire dalle ore 22, telefonando al numero della redazione di Radio Maria031/610.610.

Fonte: Osservatorio Internazionale Card. Van Thuân

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • I compiti del governo Draghi e gli obblighi di chi lo ha voluto

      di Gaetano Quagliariello. La vicenda dei sottosegretari segna una battuta d’arresto per il governo Draghi. Per i modi con i quali si è pervenuti alla lista. E, ancor di più, per i nomi che la lista contiene. In principio era il governo “dei migliori”. Poi si è trasformato nel governo “dei comuni mortali”. Chi può faccia qualcosa per evitare l’avvento del governo “degli zombie”. Leggi il seguito…

    • Quando il magistero non è magistero? Uno spunto francese

      Dottrina sociale di Stefano Fontana. In questo blog ci si è già occupati del problema se e quando le affermazioni del magistero riguardanti la Dottrina sociale della Chiesa siano vincolanti per il credente ed esigano obbedienza. Con papa Francesco questo è ormai diventato un enorme problema. A tornare sull’argomento è ora la rivista francese Liberté Politique con il fascicolo n. 87 dal titolo “Parole et autorité dans l’Église”. Leggi il seguito…

    • La Cina a caccia dei porti dell’Adriatico. Ma Rijeka (Fiume) dice no

      di Vladimir Kosic. Ciò che né gli Stati Uniti d’America e né l’Unione Europea vogliono è che si ripeta quanto accaduto con il porto del Pireo e con la “Via della seta” (Sea&Belt Initiative) in cui è coinvolta l’autorità portuale di Trieste all’interno del disegno cinese che coinvolge non solo il nostro paese ma l’Europa intera. Il primo, sfacciato, risultato è stato segnato con l’ingresso/possesso del porto del Pireo, ormai completamente nelle mani di Pechino. Con l’accordo sottoscritto tra Xi Jinping e Kyriakos Mītsotakīs, premier greco, la Grecia è diventata l’ingresso della Cina in Europa ottenendo in cambio pochi spiccioli Leggi il seguito…

    • L’anno che ci invecchiò di colpo

      di Marcello Veneziani. Come riassumere in una sola immagine, in un solo pensiero, quasi in un’epigrafe storica per i posteri il senso dell’anno trascorso sotto la pandemia? In sintesi: fu l’anno che ci invecchiò di colpo. Nell’arco che va da marzo scorso a oggi, siamo invecchiati tutti più in fretta; donne, vecchi e bambini, giovani e adulti, in ogni parte del mondo. Abbiamo vissuto un anno da vecchi, con una mezza tregua estiva. Stando reclusi in casa, vivendo da pensionati, da cagionevoli, da convalescenti, distanti da tutti, isolati dagli altri, al riparo dal mondo; abbiamo curato la nostra sopravvivenza vivendo meno, non lavorando, non uscendo, non viaggiando, non rischiando. Leggi il seguito…