NATALE IN SICUREZZA TRA REGOLE E INTRUSIONI!

Messa di Mezzanotte sì, Messa di Mezzanotte no. Il dictat giunge dalla onnipotente Presidente della Commissione Europea Ursula von der Leyen.

A suo dire, la Messa di Mezzanotte sarebbe un evidentemente problema per la salute. Forse, potrebbe esserlo la Messa di Mezzanotte seguita dal panettone, magari al freddo; potrebbe causare una congestione! Ma la Messa di Mezzanotte non sembra possa diffondere il Covid 19, e comunque, non più di altra situazione ritenuta necessaria. Ma la Presidente ha invitato i governi nazionali a sospendere questa Messa non necessaria.

Il Governo italiano l’ha, invece, confermata. Nell’uno e nell’altro caso, si tratta di un’ ingerenza di poteri esterni alla Chiesa in questioni specificamente legate al culto. Non sta né all’Europa -inesistente sul piano politico- né al Governo italiano. Tanto più che, in nessuna chiesa, si è fino ad oggi sviluppato un focolaio Covid 19. Le chiese sono, infatti, i luoghi più autocontrollati, che possiamo immaginare e verificare.

Il Governo Italiano, però, tiene a mantenere accordi con la Chiesa Italiana e viceversa. Sicché, la Chiesa Italiana ha accettato di favorire la mediazione modificando l’orario, come per altre situazioni verificatesi negli scorsi mesi.

E’ altresì vero che, come non è liturgico seguire la messa on line, così anche la Messa di Mezzanotte, lungi da essere una mera tradizione umana, riveste un carattere profondamente simbolico nella guerra tra luce e tenebre, che non può essere pienamente manifestata nelle altre messe, se si voglia restare all’intreno di una corretta economia dei segni. Pensiamo, in vero, anche alla Messa dell’Aurora e a quella del Giorno. Che dovrebbero fare, d’altro canto, i fedeli di Nigeria, o India, o di altre zone della terra, ove celebrare il Natale, e a qualunque ora, significa rischiare la morte?

Tuttavia, mentre la mortificazione della pastorale sacramentale ecclesiale è un danno, che nell’ assenza può ricordare ai cuori sensibili il grande valore di ciò a cui eravano troppo “abituati”, contestualmente, anche l’uomo non credente, o non praticante, rischia di perdere quegli spazi di umanità che venivano garantiti anche dal Natale. E ciò non dovrebbe lasciare indifferenti nessuno.

Nel ringraziare il Dio trascendente, che nel Natale manifesta la sua vicinanza all’uomo, non manchiamo di vivere momenti evidenti di comunione, ricordando che prima di rispondere agli uomini del mondo, anche per il loro bene dobbiamo rispondere a Dio (Preziosa a tal riguardo, in particolare, la prima parte della riflessione di Padre Livio Fanzaga nella trasmissione di Giovedì 3 Dicembre 2020 qui).

.

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • La riserva indiana dei non garantiti

      di Claudio Togna. Del genocidio dei nativi americani conosciamo attraverso film e libri che hanno alimentato un’epopea dai tratti mitici la descrizione fattane dai vincitori ma poco conosciamo, se non da qualche tempo e grazie alle opere di qualche intellettuale coraggioso, della stessa storia vista dalla parte delle vittime così come loro l’hanno vissuta. Il dualismo, che ha portato ad un sostanziale genocidio, è stato tra due strutture archetipiche: l’uomo bianco civilizzato e con “garanzia di diritti” da un lato ed il nativo selvaggio e “non garantito” dall’altro. Leggi il seguito…

    • Sanità, vaccini e finalismo della natura

      Dottrina sociale di Stefano Fontana. Chi desidera assumere la visione della Dottrina sociale della Chiesa per vedere la realtà e intervenire in modo adeguato su di essa, non può assumere la visione oggi prevalente del determinismo, ma quella propria della filosofia cristiana del finalismo. Leggi il seguito…

    • Aiuto, si è ristretta l’intelligenza

      di Marcello Veneziani. Ragazzi, si sta accorciando il Quoziente Intellettivo. L’intelligenza si restringe, il regresso colpisce le menti. E non si tratta di una tesi avanzata da reazionari antimoderni. Una denuncia di Cristophe Clavé ci ha messo la pulce nel cervello. “Il QI medio della popolazione mondiale era sempre aumentato – scrive lo studioso di strategie d’impresa- nell’ultimo ventennio è invece in diminuzione, a partire dai paesi più sviluppati”. Leggi il seguito…

    • Una fede senza compromessi. Appunti per la Chiesa

      di Alberto Maria Careggio*. «Se si pensasse di rivitalizzare la Chiesa italiana ispirandosi a quella tedesca sempre più attratta dal modello protestante, s’importerebbe un virus mortifero. Facinorosi avventurieri del "nuovo ad ogni costo" hanno distrutto tutto: Dio e l’uomo». In vista del Sinodo della Chiesa italiana, la Bussola ospita la riflessione del vescovo emerito di Sanremo, Alberto Maria Careggio. «La nostra epoca è tornata pagana, dovremmo riprendere la predicazione di San Paolo, che non faceva sconti a nessuno e non ha tradito Gesù con compromessi». Leggi il seguito…