Boldrini-Feltri: i comunisti forse non mangiavano i bambini, ma…

di Eugenia Roccella.

Forse i comunisti i bambini non li hanno mai mangiati, ma certamente li hanno aizzati contro i genitori, spingendoli alla delazione. Mandare padre o madre nei gulag o davanti al plotone di esecuzione era considerato, nella Russia staliniana, un esempio eccelso di fedeltà alla patria e al partito. Non si contano i casi di genitori denunciati, e puniti, per aver nascosto in casa un sacco di patate o un po’ di grano, invece di consegnarlo ai Kolchoz. Le piccole spie, vittime anche loro di un’ideologia mostruosa, erano premiate, e nei casi più luminosi, come quello del quindicenne Pavel Morozov, assurgevano a eroi nazionali.

Qualcuno potrebbe pensare che sia questa la cultura che ha ispirato l’intrepido gesto di Laura Boldrini, che ha esposto Mattia Feltri alla pubblica esecrazione perché si è rifiutato di ospitare sul suo giornale un intervento della parlamentare in cui attaccava il padre Vittorio. La polemica è iniziata con uno scambio telefonico in cui il giovane Feltri, direttore dell’Huffington Post, pregava la Boldrini, che è ospite, come blogger, della testata, di evitare le critiche personali. La ex presidente della Camera, sdegnata, ha risposto con la minaccia di denunciare pubblicamente la “censura” se il direttore avesse insistito a rifiutare il pezzo. E così è stato, con altri botta e risposta pubblici, e con l’intervento del presidente dell’Ordine dei giornalisti che appoggiava totalmente la Boldrini con un comunicato di ferma condanna, benché grammaticalmente traballante. Inutilmente Mattia Feltri ha spiegato che ha scelto di non parlare mai del padre né per sostenerlo né per criticarlo, e di aver fatto questa scelta per semplice buongusto. L’eleganza, la discrezione sono qualità ormai rare, e non sono contemplate dall’etica sovietica.

Fonte: l’Occidentale

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • I Papi e l’UNESCO: qualcosa non va?

      Dottrina sociale di Stefano Fontana. Il 15 ottobre scorso papa Francesco ha inviato un messaggio all’incontro organizzato a Roma dall’Università del Laterano e dalla Congregazione per l’Educazione cattolica.  L’incontro era finalizzato a proporre un “patto educativo globale”. La proposta, assolutamente nuova per i Pontefici, intercettava alcune istanze internazionali, particolarmente quelle dell’UNESCO, l’agenzia delle Nazioni Unite per la cultura. Infatti Audrey Auzolay, direttrice dell’UNESCO e già ministro francese della cultura del governo Hollande, ha commentato ben positivamente l’iniziativa di Francesco. Leggi il seguito…

    • A san Biagio niente benedizione della gola. Viaggio a Lourdes con Alexis Carrell

      di don Marco Begato. Il fatto che in un momento di crisi medica, in cui la stessa scienza si mostra insufficiente e la politica inadeguata, noi rigettiamo anziché invocare le fonti taumaturgiche tradizionali, indica quanto fragili sono divenute fede e cultura nel nostro tempo. Leggi il seguito…

    • Se non poggia sulla legge naturale, ogni legge è ingiusta

      di Stefano Fontana. La legge umana si fonda sulla legge naturale, che rimanda al fondamento originario della legge eterna. Qui trova senso il concetto di legge ingiusta: essa è una legge umana non giustificata, non legittimata dalla sua corrispondenza alla legge naturale. Il nuovo libro di Tommaso Scandroglio su Leggi ingiuste e male minore.  Leggi il seguito…

    • L’emergenza ecologista e il nuovo ordine mondiale: perché i conservatori dovrebbero sparigliare

      di Gaetano Quagliariello. Continua l’approfondimento dell’Occidentale sul tema ambientale e il ruolo dei conservatori. Pubblichiamo qui l’intervento di Gaetano Quagliariello nel dodicesimo Rapporto sulla Dottrina sociale della Chiesa nel mondo, dal titolo “Ambientalismo e globalismo: nuove ideologie politiche”, realizzato dall’Osservatorio Van Thuan a cura di Riccardo Cascioli, Giampaolo Crepaldi e Stefano Fontana (ed. Cantagalli). Leggi il seguito…