UNA questione di VERITA’: the media is the virus. Elezioni americane

Ero ancora al Liceo, quando scoppiò la I guerra del Golfo. I giornali e le tv avevano una narrazione identica e ossessiva: Saddam era il nuovo Hitler, aveva armi chimiche di distruzione di massa e il terzo esercito del mondo. Mio padre, magistrato, mi disse che erano tutte balle. Volli capire e lessi tutto quello che potevo leggere, per anni.

Capii che ci raccontavano un sacco di menzogne, per giustificare una guerra; che la CNN narrava il bellum ballicum, la guerra delle balle, come fu ribattezzata da Renato Farina, Gianni Minoli ed altri… Vedevamo scene di 10 anni prima, scene di Top gun, e ci dicevano trattarsi di avvenimenti della guerra in corso. Oggi sappiamo bene come è andata, e quanto ci avevano mentito, Bush e i media. Solo la Chiesa, che allora aveva un ruolo e una forza profetica che si è persa, si oppose con forza. Ratzinger scriveva, su 30 Giorni, che il “nuovo ordine mondiale” del repubblicano Bush era un sogno nefasto (abbiamo visto quanti morti e quanti disastri ha provocato).

Da allora ho imparato a diffidare dei media. Poi ci sono finito dentro, almeno in parte, e li ho capiti meglio. C’è chi cerca la verità, e chi vive vendendo menzogne utili. Oggi la questione non è il tifo politico, pro Trump o Biden, ma, ancora una volta, cercare di capire cosa accade davvero. essere interessati alla verità, al di là dei gusti politici. Tutte le sere leggo per qualche ora, soprattutto “roba” americana, e che queste elezioni siano piene di brogli, mi sembra ormai del tutto evidente. Voglio fare una sola, breve considerazione, non cogente ma interessante: BIDEN é Il Più VOTATO DI TUTTI I TEMPI!

Nonostante in passato abbia sempre sollevato ben scarsi entusiasmi; alle primarie del partito democratico ha vinto per grazia ricevuta e per l’intervento di Obama e di altri; durante la campagna elettorale ha sempre deluso (comizi mezzi vuoti). Improvvisamente è diventato il Top dei top. L’americano più votato di sempre, mentre per 47 anni, vissuti da senatore, vice presidente ecc., non aveva mai bucato. Che strano!

Quanti sono i suoi fans su facebook? Circa 6,5 milioni (2,5 meno della Clinton, pochi più di Bush, fuori dai giochi da 12 anni!); il suo ultimo post, ora che è appena stato votato da 80 milioni di persone (dicunt), ha 770 condivisioni in due ore. Trump ha 32 milioni di fans (5 volte tanto); il suo post, di 2 ore fa, ha 7731 condivisioni (10 volte tanto). Un po’ strano, no?

Prendiamo twitter. Biden ha 20M follower; Trump, brutto, sporco, cattivo, 88,8M. Non c’è partita. Come mai questa disparità? Biden ha dalla sua molti più finanziamenti, quasi tutti i grossi media., i grandi miliardari americani (Bezos, Bloomberg, Gates, Soros…) …, ma molto meno “seguaci”. Come mai?

ps su Instagram Biden 13,9 milioni, Trump 24,5, cioè quasi il doppio.

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • La presunzione “statuale” dei giganti del web e la “lotta all’odio” come resistenza delle élite in declino

      di Antonio Pilati. La libertà d’espressione, un architrave delle democrazie consolidate, è sotto minaccia in molti Stati occidentali: l’insidia è doppia e proviene da due diverse fonti, una tecnica, l’altra sociale. Quella tecnica riguarda le piattaforme, ovvero gli ambienti immateriali che con i loro costrutti operativi – app, motori di ricerca, cluster – potenziano e trasformano la vita collettiva mentre la sganciano dall’interazione fisica. Quella sociale deriva da una capillare e articolata ideologia che sempre più coinvolge l’opinione pubblica. Leggi il seguito…

    • Disonora il padre e la madre

      di Marcello Veneziani. Genitore 1 a genitore 2, passo e chiudo la famiglia. Non è una comunicazione in codice della Volante ma è il nuovo codice della famiglia, già adottato in mezza Europa e ora negli Stati Uniti e ripristinato in questi giorni da noi da questo governo (come annunciato dal ministro dell’Interno Luciana Lamorgese, sulla carta d’identità dei minori tornerà la dicitura “genitore 1 e genitore 2”); noi che siamo provinciali e ci adeguiamo sempre “all’estero”, come dicono gli idioti, ma in differita. La cancel culture non cancella solo i grandi del passato, ma anche la madre e il padre. La famiglia finisce in coda, prendi il numeretto e ti metti in fila. Magari sarà previsto anche un genitore 3, 4, e così via o i genitori decimali, dopo la virgola. Non importa il sesso e l’effettivo rapporto col minore, basta avere i numeri. Leggi il seguito…

    • L’etica in soccorso del medico che non vuole vaccinarsi

      di Tommaso Scandroglio. Sempre più medici non vogliono farsi vaccinare e sconsigliano il vaccino anti- Covid ai propri pazienti. E le associazioni di categoria minacciano perfino l'espulsione dall'Ordine. Ma l'etica è dalla loro parte. E anche la legge.  Leggi il seguito…

    • Trump ri-impicciato (forse). Vincono i neocon

      Il percorso per eliminare Trump dalla scena politica del prossimo futuro prosegue, ma non è così facile come ritenevano all’inizio i democratici e potrebbe anche finire sugli scogli. Se è vero che diversi repubblicani si sono detti favorevoli all’impeachement, non è ancora stata raggiunta la massa critica necessaria a far passare la legge, che necessita i tre quarti dei voti del Congresso. E il tempo scarseggia, dato che la procedura deve passare entro il 20 gennaio, data dell’insediamento di Joe Biden. Leggi il seguito…