UNA questione di VERITA’: the media is the virus. Elezioni americane

Ero ancora al Liceo, quando scoppiò la I guerra del Golfo. I giornali e le tv avevano una narrazione identica e ossessiva: Saddam era il nuovo Hitler, aveva armi chimiche di distruzione di massa e il terzo esercito del mondo. Mio padre, magistrato, mi disse che erano tutte balle. Volli capire e lessi tutto quello che potevo leggere, per anni.

Capii che ci raccontavano un sacco di menzogne, per giustificare una guerra; che la CNN narrava il bellum ballicum, la guerra delle balle, come fu ribattezzata da Renato Farina, Gianni Minoli ed altri… Vedevamo scene di 10 anni prima, scene di Top gun, e ci dicevano trattarsi di avvenimenti della guerra in corso. Oggi sappiamo bene come è andata, e quanto ci avevano mentito, Bush e i media. Solo la Chiesa, che allora aveva un ruolo e una forza profetica che si è persa, si oppose con forza. Ratzinger scriveva, su 30 Giorni, che il “nuovo ordine mondiale” del repubblicano Bush era un sogno nefasto (abbiamo visto quanti morti e quanti disastri ha provocato).

Da allora ho imparato a diffidare dei media. Poi ci sono finito dentro, almeno in parte, e li ho capiti meglio. C’è chi cerca la verità, e chi vive vendendo menzogne utili. Oggi la questione non è il tifo politico, pro Trump o Biden, ma, ancora una volta, cercare di capire cosa accade davvero. essere interessati alla verità, al di là dei gusti politici. Tutte le sere leggo per qualche ora, soprattutto “roba” americana, e che queste elezioni siano piene di brogli, mi sembra ormai del tutto evidente. Voglio fare una sola, breve considerazione, non cogente ma interessante: BIDEN é Il Più VOTATO DI TUTTI I TEMPI!

Nonostante in passato abbia sempre sollevato ben scarsi entusiasmi; alle primarie del partito democratico ha vinto per grazia ricevuta e per l’intervento di Obama e di altri; durante la campagna elettorale ha sempre deluso (comizi mezzi vuoti). Improvvisamente è diventato il Top dei top. L’americano più votato di sempre, mentre per 47 anni, vissuti da senatore, vice presidente ecc., non aveva mai bucato. Che strano!

Quanti sono i suoi fans su facebook? Circa 6,5 milioni (2,5 meno della Clinton, pochi più di Bush, fuori dai giochi da 12 anni!); il suo ultimo post, ora che è appena stato votato da 80 milioni di persone (dicunt), ha 770 condivisioni in due ore. Trump ha 32 milioni di fans (5 volte tanto); il suo post, di 2 ore fa, ha 7731 condivisioni (10 volte tanto). Un po’ strano, no?

Prendiamo twitter. Biden ha 20M follower; Trump, brutto, sporco, cattivo, 88,8M. Non c’è partita. Come mai questa disparità? Biden ha dalla sua molti più finanziamenti, quasi tutti i grossi media., i grandi miliardari americani (Bezos, Bloomberg, Gates, Soros…) …, ma molto meno “seguaci”. Come mai?

ps su Instagram Biden 13,9 milioni, Trump 24,5, cioè quasi il doppio.

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • La riserva indiana dei non garantiti

      di Claudio Togna. Del genocidio dei nativi americani conosciamo attraverso film e libri che hanno alimentato un’epopea dai tratti mitici la descrizione fattane dai vincitori ma poco conosciamo, se non da qualche tempo e grazie alle opere di qualche intellettuale coraggioso, della stessa storia vista dalla parte delle vittime così come loro l’hanno vissuta. Il dualismo, che ha portato ad un sostanziale genocidio, è stato tra due strutture archetipiche: l’uomo bianco civilizzato e con “garanzia di diritti” da un lato ed il nativo selvaggio e “non garantito” dall’altro. Leggi il seguito…

    • Sanità, vaccini e finalismo della natura

      Dottrina sociale di Stefano Fontana. Chi desidera assumere la visione della Dottrina sociale della Chiesa per vedere la realtà e intervenire in modo adeguato su di essa, non può assumere la visione oggi prevalente del determinismo, ma quella propria della filosofia cristiana del finalismo. Leggi il seguito…

    • Aiuto, si è ristretta l’intelligenza

      di Marcello Veneziani. Ragazzi, si sta accorciando il Quoziente Intellettivo. L’intelligenza si restringe, il regresso colpisce le menti. E non si tratta di una tesi avanzata da reazionari antimoderni. Una denuncia di Cristophe Clavé ci ha messo la pulce nel cervello. “Il QI medio della popolazione mondiale era sempre aumentato – scrive lo studioso di strategie d’impresa- nell’ultimo ventennio è invece in diminuzione, a partire dai paesi più sviluppati”. Leggi il seguito…

    • Una fede senza compromessi. Appunti per la Chiesa

      di Alberto Maria Careggio*. «Se si pensasse di rivitalizzare la Chiesa italiana ispirandosi a quella tedesca sempre più attratta dal modello protestante, s’importerebbe un virus mortifero. Facinorosi avventurieri del "nuovo ad ogni costo" hanno distrutto tutto: Dio e l’uomo». In vista del Sinodo della Chiesa italiana, la Bussola ospita la riflessione del vescovo emerito di Sanremo, Alberto Maria Careggio. «La nostra epoca è tornata pagana, dovremmo riprendere la predicazione di San Paolo, che non faceva sconti a nessuno e non ha tradito Gesù con compromessi». Leggi il seguito…