Poveri tutti, la parola d’ordine del Nuovo ordine mondiale

di Riccardo Cascioli.

“Poveri tutti – All’economia fa bene la conversione non l’utopia” è il titolo della conferenza in diretta online che si svolgerà mercoledì 18 novembre alle 18 per affrontare criticamente i temi economici, morali e religiosi, posti dall’enciclica Fratelli Tutti e dal convegno L’economia di Francesco. Relatori saranno Ettore Gotti Tedeschi, Julio Loredo, Stefano Fontana e Riccardo Cascioli.

Che in ambito Onu si persegua ormai da decenni un progetto di global governance non è un segreto. Che questo progetto preveda di fatto il governo di una élite, di matrice socialista, che punta a un’economia centralizzata e pianificata e che vede nella presenza e nell’attività umana una minaccia, è facile verificarlo. Che l’allarmismo climatico sia soprattutto a servizio di questo progetto politico, è facile da capire: la paura instillata nella popolazione crea consenso a politiche (aumento delle tasse, limitazioni delle libertà personali e associative, imposizioni di strumenti e prodotti, ecc.) che sarebbero altrimenti rifiutate con forza. Che quindi il Covid si stia rivelando un’opportunità favolosa per accelerare la realizzazione di questi progetti centralistici e liberticidi, sostanzialmente totalitari, non è difficile da intuire.

La vera novità di questi ultimi anni invece è che a questo disegno mondialista abbia dato grande impulso la Santa Sede che, fino a Benedetto XVI, aveva invece costituito un argine, un punto di resistenza in nome della dignità dell’uomo, creato a immagine e somiglianza di Dio. Soprattutto con Giovanni Paolo II si era assistito negli anni ’90 del XX secolo a uno scontro frontale in occasione delle grandi Conferenze internazionali dell’ONU (su ambiente, sviluppo, diritti umani, donna, alimentazione) dove tali politiche sono diventate oggetto di trattati internazionali.

Con l’attuale pontificato invece si è invertita la strada e, sull’onda del pauperismo di stampo latino-americano, c’è stato un rapido allineamento alle posizioni sposate dall’ONU. E anzi, papa Francesco ha preso in qualche modo la leadership di questo movimento. L’enciclica Laudato Si’, sull’ecologia, ha da questo punto di vista rappresentato il vero punto di svolta e così la interpreta anche papa Francesco, al punto da richiedere che tutti la leggano, la approfondiscano e ci organizzino giornate e settimane di studio.

Ma recentemente il magistero di papa Francesco si è arricchito di due ulteriori eventi che ancor di più declinano questa utopia mondialista e tentano di integrarla nel magistero della Chiesa: l’enciclica Fratelli Tutti, firmata lo scorso 3 ottobre ad Assisi, e l’incontro dedicato alla «Economia di Francesco», che si terrà online dal 19 al 21 novembre, in diretta sempre da Assisi.

Da una parte c’è la descrizione di princìpi e linee guida per un mondo dove il riconoscimento di una fratellanza universale diventa strumentale alla richiesta di una radicale riforma politica; dall’altra si passa all’azione mettendo le basi di un nuovo sistema economico che dovrà prendere forma nei prossimi decenni. Non per niente all’incontro di Assisi partecipano molti giovani economisti.

Si tratta di una deriva inquietante, che pone la Chiesa al servizio di ideologie, utopìe destinate solo a provocare maggiore povertà e conflitti.

Per questo l’associazione Tradizione, Famiglia e Povertà (Tfp), l’Osservatorio internazionale cardinale Van Thuan per la Dottrina sociale della Chiesa e la Nuova Bussola Quotidianaper informare e approfondire i temi sollevati da queste iniziative di papa Francesco, hanno organizzato per mercoledì 18 novembre alle 18 una Conferenza che vedrà la presenza dell’economista Ettore Gotti Tedeschi, di Julio Loredo, direttore di Tfp, Stefano Fontana, direttore dell’Osservatorio Van Thuan e il sottoscritto. Tema della conferenza, in diretta streaming anche da questo sito, è “Poveri tutti – All’economia fa bene la conversione non l’utopia”.

La grave tentazione è infatti quella di inseguire utopie politiche ed economiche che di fatto puntano a una povertà generalizzata, nella errata convinzione che sviluppo e crescita economica provochino la distruzione del pianeta. Si dimentica invece che anche l’economia è uno strumento il cui esito dipende dal cuore dell’uomo, che è il peccato a generare ingiustizia e violenza, e che quindi è la conversione a Cristo Salvatore a incanalare gli strumenti economici verso il bene.

Le quattro relazioni avranno questi temi: Le utopie economiche in Fratelli Tutti e nell’Economia di Francesco (Gotti Tedeschi); Povertà e disuguaglianze, cosa pensarne? (Loredo); La vera fraternità oltre l’ideologia della fratellanza (Fontana); L’ecologia (anti)umana (Cascioli).

Fonte: La nuova Bussola Quotidiana

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • La presunzione “statuale” dei giganti del web e la “lotta all’odio” come resistenza delle élite in declino

      di Antonio Pilati. La libertà d’espressione, un architrave delle democrazie consolidate, è sotto minaccia in molti Stati occidentali: l’insidia è doppia e proviene da due diverse fonti, una tecnica, l’altra sociale. Quella tecnica riguarda le piattaforme, ovvero gli ambienti immateriali che con i loro costrutti operativi – app, motori di ricerca, cluster – potenziano e trasformano la vita collettiva mentre la sganciano dall’interazione fisica. Quella sociale deriva da una capillare e articolata ideologia che sempre più coinvolge l’opinione pubblica. Leggi il seguito…

    • Disonora il padre e la madre

      di Marcello Veneziani. Genitore 1 a genitore 2, passo e chiudo la famiglia. Non è una comunicazione in codice della Volante ma è il nuovo codice della famiglia, già adottato in mezza Europa e ora negli Stati Uniti e ripristinato in questi giorni da noi da questo governo (come annunciato dal ministro dell’Interno Luciana Lamorgese, sulla carta d’identità dei minori tornerà la dicitura “genitore 1 e genitore 2”); noi che siamo provinciali e ci adeguiamo sempre “all’estero”, come dicono gli idioti, ma in differita. La cancel culture non cancella solo i grandi del passato, ma anche la madre e il padre. La famiglia finisce in coda, prendi il numeretto e ti metti in fila. Magari sarà previsto anche un genitore 3, 4, e così via o i genitori decimali, dopo la virgola. Non importa il sesso e l’effettivo rapporto col minore, basta avere i numeri. Leggi il seguito…

    • L’etica in soccorso del medico che non vuole vaccinarsi

      di Tommaso Scandroglio. Sempre più medici non vogliono farsi vaccinare e sconsigliano il vaccino anti- Covid ai propri pazienti. E le associazioni di categoria minacciano perfino l'espulsione dall'Ordine. Ma l'etica è dalla loro parte. E anche la legge.  Leggi il seguito…

    • Trump ri-impicciato (forse). Vincono i neocon

      Il percorso per eliminare Trump dalla scena politica del prossimo futuro prosegue, ma non è così facile come ritenevano all’inizio i democratici e potrebbe anche finire sugli scogli. Se è vero che diversi repubblicani si sono detti favorevoli all’impeachement, non è ancora stata raggiunta la massa critica necessaria a far passare la legge, che necessita i tre quarti dei voti del Congresso. E il tempo scarseggia, dato che la procedura deve passare entro il 20 gennaio, data dell’insediamento di Joe Biden. Leggi il seguito…