Medici abortisti ammettono: “Sì, uccidiamo bambini, non grumi di cellule. E mutiliamo le donne”

Il dottor Leroy Cahart, ottantenne, pratica aborti fino al nono mese. La lista delle violazioni sanitarie e delle lesioni provocate alle sue clienti è lunghissima e agghiacciante. È responsabile della morte di (almeno) due donne: la 19enne Christine Gilbert, campionessa paraolimpica di softball, nata con la trisomia 21, spinta dai genitori ad abortire alla 28 settimana un bambino concepito durante uno stupro.

L’agonia patita da questa ragazza mette i brividi: Carhart uccide il feto con un’iniezione di digossina e dilata la cervice con delle laminarie. Dopo qualche ora Christine partorisce il bambino (morto) nell’auto dei genitori, che non hanno fatto in tempo a tornare in clinica. Carhart, mentre esegue il raschiamento, perfora l’utero e lo sutura. Poi le somministra la pillola abortiva, nonostante negli USA sia vietata nelle gravidanze di oltre 10 settimane e l’evidente follia di indurre contrazioni in un utero lacerato e appena suturato.

Christine passa la notte tremando per la febbre, vomitando, svenendo e sanguinando. I genitori fanno come il medico ha detto loro, ovvero non chiamano il 118 ma la clinica, che manda nell’hotel in cui si trovavano una dipendente per farle un bagno caldo. I veri soccorsi furono chiamati solo la mattina dopo, quando dopo l’ennesimo svenimento non si risvegliò più. I paramedici trovarono Carhart seduto sopra Christine mentre le faceva deglutire dei liquidi con la forza. L’autopsia rivelò che si sarebbe potuta salvare se le fossero stati somministrati degli antibiotici.

Qualche anno dopo Carhart uccise la 29enne Jennifer Morbelli, incinta di 33 settimane, sempre a causa di una perforazione uterina, a cui seguì una coagulazione intravasale disseminata che la portò alla morte in una ventina di ore, tra atroci sofferenze.

Per queste morti e per le decine di altre donne che ha mandato al pronto soccorso Carhart non è mai finito in tribunale perché negli USA non esiste l’obbligo dell’azione penale e quindi i pm possono scegliere quali crimini perseguire e quali ignorare. Il massimo che è capitato a questo porco è stato doversi trasferire in un altro stato dopo il ritiro della licenza per esercitare aborti (quella per lavorare negli ospedali non c’è l’ha mai avuta).

Nel 1992 gli furono sequestrati quattro cavalli e due cani per maltrattamenti: tenuti nelle stalle immersi in fango ed escrementi erano così malnutriti che i veterinari dichiararono di averli salvati per il rotto della cuffia.

Carol Everett negli anni ‘70 ha aperto e diretto cinque cliniche abortive. Nel 1983, dopo l’incontro con un pastore protestante, ha abbandonato quella professione ed è diventata una fervente attivista pro-vita. Nel 1999 ha fondato l’associazione The Heidi’s group, per assistere psicologicamente genitori che si sono pentiti per aver abortito.

https://www.youtube.com/watch?v=9WxzA…

https://www.youtube.com/watch?v=W2SLN…

https://www.youtube.com/watch?v=fMBY9…

https://vimeo.com/397225156

https://www.liveaction.org/news/horri…

https://www.liveaction.org/news/leroy…

https://www.ncregister.com/commentari…

https://thelifeinstitute.net/learning…

https://www.liveaction.org/news/an-in…

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • La riserva indiana dei non garantiti

      di Claudio Togna. Del genocidio dei nativi americani conosciamo attraverso film e libri che hanno alimentato un’epopea dai tratti mitici la descrizione fattane dai vincitori ma poco conosciamo, se non da qualche tempo e grazie alle opere di qualche intellettuale coraggioso, della stessa storia vista dalla parte delle vittime così come loro l’hanno vissuta. Il dualismo, che ha portato ad un sostanziale genocidio, è stato tra due strutture archetipiche: l’uomo bianco civilizzato e con “garanzia di diritti” da un lato ed il nativo selvaggio e “non garantito” dall’altro. Leggi il seguito…

    • Sanità, vaccini e finalismo della natura

      Dottrina sociale di Stefano Fontana. Chi desidera assumere la visione della Dottrina sociale della Chiesa per vedere la realtà e intervenire in modo adeguato su di essa, non può assumere la visione oggi prevalente del determinismo, ma quella propria della filosofia cristiana del finalismo. Leggi il seguito…

    • Aiuto, si è ristretta l’intelligenza

      di Marcello Veneziani. Ragazzi, si sta accorciando il Quoziente Intellettivo. L’intelligenza si restringe, il regresso colpisce le menti. E non si tratta di una tesi avanzata da reazionari antimoderni. Una denuncia di Cristophe Clavé ci ha messo la pulce nel cervello. “Il QI medio della popolazione mondiale era sempre aumentato – scrive lo studioso di strategie d’impresa- nell’ultimo ventennio è invece in diminuzione, a partire dai paesi più sviluppati”. Leggi il seguito…

    • Una fede senza compromessi. Appunti per la Chiesa

      di Alberto Maria Careggio*. «Se si pensasse di rivitalizzare la Chiesa italiana ispirandosi a quella tedesca sempre più attratta dal modello protestante, s’importerebbe un virus mortifero. Facinorosi avventurieri del "nuovo ad ogni costo" hanno distrutto tutto: Dio e l’uomo». In vista del Sinodo della Chiesa italiana, la Bussola ospita la riflessione del vescovo emerito di Sanremo, Alberto Maria Careggio. «La nostra epoca è tornata pagana, dovremmo riprendere la predicazione di San Paolo, che non faceva sconti a nessuno e non ha tradito Gesù con compromessi». Leggi il seguito…