M5S e i rituali “democristiani” degli ex anti-Casta sedotti dal potere

di Corrado Ocone.

È indubbio che c’era qualcosa della vecchia DC, e dei suoi congressi, in questi Stati Generali che hanno certificato l’avvenuta e rapida trasformazione in Casta del partito anti-Casta. Anche se è altrettanto indubbio che dietro l’ipocrisia democristiana, che come d’incanto ricomponeva nei momenti clou le aspre divisioni interne al partito e la lotta fratricida per il potere, ci fosse anche una cultura, e precise scelte politiche, che qui sembrano del tutto mancare.

Alle non articolate suggestioni futuristiche casaleggiane  e all’intransigenza giustizialistica degli inizi si è sostituita una spregiudicata occupazione dei posti di potere. Il potere per il potere, senza altro fine.

Con qualche tabù (il Mes, il “doppio mandato”) pronto ad essere aggirato se del caso e con idee mutevoli a seconda delle convenienze. Dietro la DC c’era anche un blocco sociale, che era poi l’Italia profonda che non voleva avventurismi politici, e che perciò non era comunista ma voleva solo essere lasciata libera di lavorare e intraprendere, guadagnarsi il pane e guardare con fiducia il futuro costruendoselo con le proprie mani. Casomai anche “turandosi il naso” al momento del voto.

Era un tempo di vacche grasse, va detto, mentre oggi la torta da dividere, fosse pure con il reddito di cittadinanza e altri sussidi, è sempre più piccola. Sorgerebbe allora spontanea una domanda: fino a quando può durare in queste condizioni un partito fondato su basi così liquide o evanescenti? E può in democrazia un’alleanza per il potere rimanere alleanza se perde, o vede drasticamente ridimensionata, la possibilità di occupare e gestire quel potere?

In fondo, anche la lotta fra Alessandro Di Battista (con Davide Casaleggio a fargli da sponda) e Luigi di Maio (che, vicepremier o no, ha compattato attorno a sé tutti gli altri e si è confermato il vero leader del partito), la lotta fra i fedeli allo “spirito delle origini” e i “governisti”, era destinata a ricomporsi e nei prossimi giorni si ricomporrà. Per quanto radicali e “puriste” possano sembrare le richieste del ragazzo educato di Roma Nord, anch’esse vagano nel vuoto dell’assenza di una cultura politica che sia qualcosa di più articolato delle suggestioni pauperistiche e terzomondiste e delle singole issues, come  le sei presentate al congresso. Né alcuna credibilità poteva avere la battaglia di Casaleggio per la trasparenza dei risultati del voto sui delegati chiamati a parlare, vista la gestione del tutto intrasparente persino degli elenchi degli iiscritti che sono in mano alla piattaforma Rousseau.

In questa situazione, l’operazione “recupero” di Di Maio, da vecchio e consumato democristiano, “inclusivo” perché sa che fin quando c’è il potere tutti possono essere “comprati” e che al massimo bisogna negoziare sul prezzo, non poteva che avere la via spianata. E il potere, almeno per questa legislatura (nulla sembra più improbabile di elezioni politiche nazionali anticipate), ancora ce ne è tanto. “Troveremo una nuova sinergia con Rousseau …  continueremo a lavorare con Davide…”. Di scissioni, almeno per il momento, non se ne parla. E d’altronde ci si scinde, come i vecchi comunisti, sulle idee, non certo sul potere: su quello, fin quanto c’è (o si presume che ci sia), un accordo si trova sempre.

L’elemento più interessante lo dà sempre Di Maio, che parla da leader quale di fatto è sempre rimasto (anche sotto la reggenza di Crimi) e ancor più lo è oggi. Il Movimento vuole “entrare in una grande famiglia europea”. E, democristianeria per democristianeria, uno pensa subito ai Popolari, ove ci si ritroverebbe insieme a Berlusconi, la vera “besta nera” del Movimento delle “origini”. Se ciò mai accadesse, anche con un Movimento ridotto a percentuali residuali, l’effetto destrutturante per lo statico sistema politico italiano sarebbe probabilmente rilevante.

Fonte: l’Occidentale

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • La vera fraternità oltre l’ideologia della fratellanza. Sulla conferenza di Stefano Fontana al Convegno “Poveri tutti”

      di Silvio Brachetta. Stefano Fontana, durante il convegno Poveri Tutti del 18 novembre scorso [qui], ha parlato sul tema “La vera fraternità oltre l’ideologia della fratellanza”. A seguito dell’enciclica Fratelli Tutti di Papa Francesco, Fontana si era già espresso sulla fratellanza [qui], come pure Silvio Brachetta in un articolo per l’Osservatorio [qui]. Fontana parla di due visioni della fraternità, a cominciare dall’avvento della modernità – cioè dall’Umanesimo e dal Rinascimento – che si sono imposte nella cultura e nella civiltà: la visione cattolica e la visione mondana. Leggi il seguito…

    • Francesco e la dottrina: i cambiamenti ci sono

      Dottrina sociale di Stefano Fontana. Molti si interrogano se ci sia continuità tra la Dottrina sociale della Chiesa insegnata da papa Francesco e quella insegnata fino a Benedetto XVI. La Laudato si’ e la Fratelli tutti (ma anche l’esortazione Evangelii Gaudium) sono in linea con la Centesimus annus e la Caritas in veritate? La tendenza prevalente nei commentatori è di pensarle in continuità, sia perché spiace dover constatare che quanto i papi dicevano ieri oggi venga detto in modo diverso o addirittura negato, sia perché il criterio della “riforma nella continuità”, suggerito da Benedetto XVI nel 2005, viene adoperato spesso in modo largo. Così si sostiene che le eventuali discontinuità sono di ordine pastorale e non dottrinale e che come tali non impegnano l’autorità magisteriale del papa. Spesso però questa via altro non è che una scappatoia per aggirare il problema, dato che oggi i principali cambianti dottrinali avvengono proprio per via pastorale. Leggi il seguito…

    • Francesco, la proprietà privata e la Teologia della Liberazione che non piace a Ratzinger (ma piace alle élite mondialiste)

      di Vito de Luca. Dopo le ultime affermazioni di papa Francesco, in cui afferma, rivolto ai giudici di Africa e America Latina che si occupano di diritti sociali, che il diritto alla proprietà privata non è intoccabile – in quanto diritto secondario – appare difficile allontanare dal pontefice l’aura di esponente della Teologia della Liberazione. Un po’ di storia, tanto per intenderci meglio, su questo filone dottrinario, in quanto nulla viene dal nulla. Leggi il seguito…

    • Divorzio, la “conquista” che sfasciò famiglia e società

      di Gianfranco Amato. Non c'è nulla da festeggiare per i 50 anni della legge sul divorzio: ha costituito il primo passo della rivoluzione antropologica che stiamo tuttora vivendo. L’indissolubilità del matrimonio era la linea Maginot di quella società che era ancora in grado di mantenere e garantire una certa solidità. La profezia di Fanfani e gli utili idioti Dc grazie ai quali poi abbiamo avuto anche aborto, unioni gay e prossimamente anche legge sull'omotransfobia.  Leggi il seguito…