Ettore Gotti Tedeschi: “La prima risorsa economica: i figli”

Intervento di Ettore Gotti Tedeschi alla III Giornata Nazionale della Dottrina sociale della Chiesa, svoltasi a Lonigo (Vicenza) presso il Convento francescano di San Daniele, sabato 17 ottobre 2020

************

Ettore Gotti Tedeschi, nella sua relazione “La prima risorsa economica: i figli”, ha messo in luce l’inconsistenza della posizione neomalthusiana, secondo cui c’è un rapporto diretto tra aumento della popolazione e povertà. Gotti Tedeschi ha dimostrato, numeri alla mano, che la crisi economica in Occidente è – al contrario di quanto sostengono i malthusiani – in rapporto di stretta causalità con la denatalità e la conseguente crisi demografica dell’ultimo mezzo secolo. Quanto all’Oriente e circa gli ultimi decenni, i fatti confermano un progressivo incremento della ricchezza pro capite, proprio nel momento storico di maggiore sviluppo demografico in questi Paesi (soprattutto Cina e India). Non è dunque vero – sostiene Gotti Tedeschi – che fare figli sia una strada verso la povertà.

______________

Sito Osservatorio Card. Van Thuan: https://www.vanthuanobservatory.org

Pagina Facebook: OSSERVATORIO INTERNAZIONALE CARD. VAN THUÂN

Per comunicare con l’Osservatorio scrivi una mail a : info@vanthuanobservatory.org

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato: http://vanthuan.invionews.net/user/re…

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • La Messa antica fa bene alla Dottrina sociale

      di Stefano Fontana. Il Summorum pontificum aveva dato speranza a molti impegnati sul fronte della Dottrina sociale della Chiesa e che pure hanno continuato a partecipare alla Messa di Paolo VI. La DSC, infatti, non è aliena alla liturgia. Nella Messa antica la centralità di Dio, compresa la Sua regalità sociale, risulta più evidente che nel Novus Ordo. L’ultimo motu proprio di Francesco va invece nel senso di una “nuova” DSC dove il divino arretra e il primato della Chiesa sul mondo va scomparendo. Leggi il seguito…

    • Il colpo di coda di Bergoglio contro la messa in latino

      di Marcello Veneziani. Ma perché accanirsi contro la messa in latino? L’occidente si scristianizza, la gente non va più a messa, la blasfemia e l’oltraggio alla religione dilagano e Bergoglio colpisce i rari devoti seguaci dell’ordo missae. La sua gratuita censura della messa in latino è uno sfregio simbolico alla Tradizione, ai suoi fedeli ma anche alla libertà di culto. Che male può fare una messa in latino, riammessa da Ratzinger nel 2007, peraltro così discreta e marginale? Perché accogliere i non credenti, gli islamici, dialogare con i credenti di altre fedi, anche rivoluzionarie e anticristiane, e poi chiudere le porte della Chiesa ai pochi, irriducibili devoti della messa antica e della fede secondo tradizione? Per dirla in latino, senza traduzione, Piscis Ecclesia primum a capite foetet… Leggi il seguito…

    • Il Crocifisso, un’utilità etica

      Dottrina sociale di Stefano Fontana. Torna la questione del crocefisso nei luoghi pubblici. Si è in attesa di una sentenza che lascerà il segno. I cattolici sono preparati a questa sfida? Direi di no, perché essa implica chiarezza di vedute circa il rapporto tra religione e politica e tra cattolicesimo e altre religioni, argomenti sui quali nella Chiesa esistono purtroppo troppe scuole di pensiero. Le concezioni di laicità e di libertà religiosa oggi divulgate conducono alla rimozione del crocefisso dai luoghi pubblici, ma appunto esse sono ormai condivise anche da molti cattolici. Direi anche di più: poiché molti cattolici sono per l‘inutilità della propria religione nella sfera pubblica e per l’equivalenza di tutte le religioni, potranno essere essi stessi a pretendere la rimozione del crocefisso da scuole, ospedali, aule di tribunale e uffici comunali Leggi il seguito…

    • San Giuseppe, la Sacra Famiglia e cosa ne pensava Marx

      Dottrina sociale di Stefano Fontana. Stiamo vivendo l’anno dedicato a San Giuseppe, un anno che riguarda molto da vicino anche la Dottrina sociale della Chiesa. San Giuseppe, infatti, è sposo, è padre, è casto, è lavoratore. È quindi modello celeste della vita familiare e sociale. Pio IX lo aveva proclamato patrono della Chiesa universale l’8 dicembre 1870 e nel 1955 Pio XII ha proclamato San Giuseppe patrono degli artigiani e degli operai. La festa del lavoro per i cattolici è sempre stata il 19 marzo più che il primo maggio. Leggi il seguito…