Conte e il Natale new age: la Spiritualità piegata alla propaganda

di Giuseppe Leonelli.

“Considereremo la curva epidemiologica che avremo a dicembre ma il Natale non lo dobbiamo identificare solo con lo shopping, fare regali e dare un impulso all’economia. Natale, a prescindere dalla fede religiosa, è senz’altro anche un momento di raccoglimento spirituale. Il raccoglimento spirituale, farlo con tante persone non viene bene”. Dopo la lettera di risposta a Tommaso (o a chi per esso), il premier Conte si è lanciato ieri in una nuova omelia prenatalizia durante la tre giorni promossa dalla Cgil. Natale è raccoglimento non consumismo, Natale non è solo shopping ma riflessione, predica il premier. E sarebbero anche parole apprezzabili, pur oggettivamente un po’ abusate, se non fossero pronunciate in chiave evidentemente strumentale e finalizzate solo a giustificare un lockdown natalizio fino a poche settimane fa smentito ripetutamente.

Il Governo per la propria mancanza di prevenzione, per la propria incapacità a progettare una difesa davanti alla seconda ondata del coroanvirus, gioca ora la carta del sentimentalismo per far digerire l’indigeribile. Per far passare l’idea pauperistica e pseudo-francescana di un Natale in solitudine, da eremiti alla ricerca di se stessi. Eppure con la spiritualità, quella vera, non si scherza. Non è una carta da buttare sul tavolo per camuffare le proprie lacune. La spiritualità e il Silenzio, il ‘Deserto’ direbbero i Cristiani (cristiani che Conte si guarda bene da citare aggrappandosi al politicamente corretto della apertura a prescindere a ogni Fede religiosa), sono cose serie. Personali, intime, spesso dolorose. E invece eccole lì buttate in piazza, condite dal solito laicismo forzoso, per qualche consenso in più, per qualche like sulla bacheca Facebook.

Parole, quelle di Conte, che evocano un Senso ultimo, ma lo fanno solo per gioco, senza nemmeno nominarlo quel Dio Bambino che è il centro stesso del Natale. Tutto per non turbare la dittatura del relativismo religioso e per celare le radici cristiane, di più, vergognandosi delle radici cristiane, limitandosi a parlare di una spiritualità new age, una nebulosa buona per tutte le stagioni e che ha come unica condizione il “non assembramento”, altrimenti “non viene bene”.

Nemmeno Charles Dickens nel suo ‘Canto di Natale’ era riuscito ad immaginare cotanto cinismo. Scrooge, avido e arcigno vecchio ottocentesco, viene visitato dai tre Spiriti del Natale perchè dietro a quella maschera fredda Dickens stesso intravedeva dolcezza e verità. Ma se dietro alla maschera di dolcezza e verità traspare solo la freddezza, la proaganda e il calcolo machiavellico, allora – probabilmente – non c’è speranza. Nemmeno a Natale.

Fonte: l’Occidentale

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • La vera fraternità oltre l’ideologia della fratellanza. Sulla conferenza di Stefano Fontana al Convegno “Poveri tutti”

      di Silvio Brachetta. Stefano Fontana, durante il convegno Poveri Tutti del 18 novembre scorso [qui], ha parlato sul tema “La vera fraternità oltre l’ideologia della fratellanza”. A seguito dell’enciclica Fratelli Tutti di Papa Francesco, Fontana si era già espresso sulla fratellanza [qui], come pure Silvio Brachetta in un articolo per l’Osservatorio [qui]. Fontana parla di due visioni della fraternità, a cominciare dall’avvento della modernità – cioè dall’Umanesimo e dal Rinascimento – che si sono imposte nella cultura e nella civiltà: la visione cattolica e la visione mondana. Leggi il seguito…

    • Francesco e la dottrina: i cambiamenti ci sono

      Dottrina sociale di Stefano Fontana. Molti si interrogano se ci sia continuità tra la Dottrina sociale della Chiesa insegnata da papa Francesco e quella insegnata fino a Benedetto XVI. La Laudato si’ e la Fratelli tutti (ma anche l’esortazione Evangelii Gaudium) sono in linea con la Centesimus annus e la Caritas in veritate? La tendenza prevalente nei commentatori è di pensarle in continuità, sia perché spiace dover constatare che quanto i papi dicevano ieri oggi venga detto in modo diverso o addirittura negato, sia perché il criterio della “riforma nella continuità”, suggerito da Benedetto XVI nel 2005, viene adoperato spesso in modo largo. Così si sostiene che le eventuali discontinuità sono di ordine pastorale e non dottrinale e che come tali non impegnano l’autorità magisteriale del papa. Spesso però questa via altro non è che una scappatoia per aggirare il problema, dato che oggi i principali cambianti dottrinali avvengono proprio per via pastorale. Leggi il seguito…

    • Francesco, la proprietà privata e la Teologia della Liberazione che non piace a Ratzinger (ma piace alle élite mondialiste)

      di Vito de Luca. Dopo le ultime affermazioni di papa Francesco, in cui afferma, rivolto ai giudici di Africa e America Latina che si occupano di diritti sociali, che il diritto alla proprietà privata non è intoccabile – in quanto diritto secondario – appare difficile allontanare dal pontefice l’aura di esponente della Teologia della Liberazione. Un po’ di storia, tanto per intenderci meglio, su questo filone dottrinario, in quanto nulla viene dal nulla. Leggi il seguito…

    • Divorzio, la “conquista” che sfasciò famiglia e società

      di Gianfranco Amato. Non c'è nulla da festeggiare per i 50 anni della legge sul divorzio: ha costituito il primo passo della rivoluzione antropologica che stiamo tuttora vivendo. L’indissolubilità del matrimonio era la linea Maginot di quella società che era ancora in grado di mantenere e garantire una certa solidità. La profezia di Fanfani e gli utili idioti Dc grazie ai quali poi abbiamo avuto anche aborto, unioni gay e prossimamente anche legge sull'omotransfobia.  Leggi il seguito…