Alla Corte Suprema inizia l’era Barrett: via le restrizioni al culto nello Stato di New York

La Corte Suprema dell’era Amy Coney Barrett si fa sentire. Mentre in Italia discutiamo sull’orario di nascita di Gesù Bambino, il supremo organo giurisdizionale degli Stati Uniti, accogliendo il ricorso della diocesi cattolica di Brooklyn e dell’Agudath Israel of America, ha cancellato le restrizioni imposte dal governatore di New York, Andrew Cuomo, alle presenze nei luoghi di culto. Decisivo per il verdetto, pronunciato con una maggioranza di 5 a 4, il voto della neo giudice designata da Donald Trump.

La Corte ha ritenuto fondate le obiezioni dei ricorrenti, secondo i quali le norme anti-Covid imposte da Cuomo ai luoghi di culto erano più severe di quelle vigenti per gli altri luoghi pubblici, e questo confligge con la clausola sulla libertà religiosa del Primo Emendamento della Costituzione americana. Tali misure – si legge nelle motivazioni della sentenza – “sono molto più restrittive dei regolamenti relativi al Covid posti finora all’esame della Corte, molto più stringenti di quelle adottate da molti altri enti colpiti duramente dalla pandemia e molto più severe di quelle che hanno dimostrato di essere necessarie per impedire la diffusione del virus” nei luoghi di culto.

Non l’ha presa bene il governatore, che accusa la Corte Suprema di “partigianeria” e punta apertamente il dito contro la Barrett e contro Donald Trump. Del resto la nomina della giudice cattolica era risultata fin dal primo giorno indigesta alla sinistra e agli ambienti liberal d’Oltreoceano. Per lei nessun festeggiamento femminista, solo contumelie. Ma la legge è legge, e il nuovo giudice ha dichiarato fin dal primo giorno che si sarebbe impegnata per applicarla e non per inventarla.

Fonte: l’Occidentale

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • La presunzione “statuale” dei giganti del web e la “lotta all’odio” come resistenza delle élite in declino

      di Antonio Pilati. La libertà d’espressione, un architrave delle democrazie consolidate, è sotto minaccia in molti Stati occidentali: l’insidia è doppia e proviene da due diverse fonti, una tecnica, l’altra sociale. Quella tecnica riguarda le piattaforme, ovvero gli ambienti immateriali che con i loro costrutti operativi – app, motori di ricerca, cluster – potenziano e trasformano la vita collettiva mentre la sganciano dall’interazione fisica. Quella sociale deriva da una capillare e articolata ideologia che sempre più coinvolge l’opinione pubblica. Leggi il seguito…

    • Disonora il padre e la madre

      di Marcello Veneziani. Genitore 1 a genitore 2, passo e chiudo la famiglia. Non è una comunicazione in codice della Volante ma è il nuovo codice della famiglia, già adottato in mezza Europa e ora negli Stati Uniti e ripristinato in questi giorni da noi da questo governo (come annunciato dal ministro dell’Interno Luciana Lamorgese, sulla carta d’identità dei minori tornerà la dicitura “genitore 1 e genitore 2”); noi che siamo provinciali e ci adeguiamo sempre “all’estero”, come dicono gli idioti, ma in differita. La cancel culture non cancella solo i grandi del passato, ma anche la madre e il padre. La famiglia finisce in coda, prendi il numeretto e ti metti in fila. Magari sarà previsto anche un genitore 3, 4, e così via o i genitori decimali, dopo la virgola. Non importa il sesso e l’effettivo rapporto col minore, basta avere i numeri. Leggi il seguito…

    • L’etica in soccorso del medico che non vuole vaccinarsi

      di Tommaso Scandroglio. Sempre più medici non vogliono farsi vaccinare e sconsigliano il vaccino anti- Covid ai propri pazienti. E le associazioni di categoria minacciano perfino l'espulsione dall'Ordine. Ma l'etica è dalla loro parte. E anche la legge.  Leggi il seguito…

    • Trump ri-impicciato (forse). Vincono i neocon

      Il percorso per eliminare Trump dalla scena politica del prossimo futuro prosegue, ma non è così facile come ritenevano all’inizio i democratici e potrebbe anche finire sugli scogli. Se è vero che diversi repubblicani si sono detti favorevoli all’impeachement, non è ancora stata raggiunta la massa critica necessaria a far passare la legge, che necessita i tre quarti dei voti del Congresso. E il tempo scarseggia, dato che la procedura deve passare entro il 20 gennaio, data dell’insediamento di Joe Biden. Leggi il seguito…