Super ex: Zuppi è il candidato papa che piace ai massoni

di Marco Tosatti.

Cecilia Marogna, ribattezzata dai media la “dama di Becciu”, appartiene al movimento massonico Roosevelt fondato da Gioele Magaldi, Gran Maestro del Grande Oriente Democratico. Divulgatore brillante, vicino ad ambienti 5Stelle, ma, da buon massone, aperto a qualsiasi frequentazione importante, Magaldi, secondo la biografia ufficiale,  ” viene iniziato Libero Muratore nella Loggia “Har Tzion/Monte Sion” n°705 all’Oriente di Roma, all’Obbedienza del Grande Oriente d’Italia di Palazzo Giustiniani

**************

Carissimi amici e nemici di Stilum Curiae, si parla sempre più spesso di quello che accadrà quando – fra cento anni – papa Bergoglio lascerà il posto a un successore. Super Ex ci ha mandato una breve riflessione su uno dei nomi che circolano con particolare frequenza. Fra l’altro, un amico cardinale mi diceva qualche tempo fa che esponenti di Sant’Egidio in tutta discrezione facevano sapere di avere già ventisette voti di un futuro Conclave a favore dell’arcivescovo di Bologna…buona lettura. 

§§

Cardinal Zuppi, il papa che piacerebbe ai massoni?

Cecilia Marogna, ribattezzata dai media la “dama di Becciu”, appartiene al movimento massonico Roosevelt fondato da Gioele Magaldi, Gran Maestro del Grande Oriente Democratico. Divulgatore brillante, vicino ad ambienti 5Stelle, ma, da buon massone, aperto a qualsiasi frequentazione importante, Magaldi, secondo la biografia ufficiale,  ” viene iniziato Libero Muratore nella Loggia “Har Tzion/Monte Sion” n°705 all’Oriente di Roma, all’Obbedienza del Grande Oriente d’Italia di Palazzo Giustiniani.

Qui, in una delle officine massoniche più prestigiose del GOI (specializzata, tra le altre cose, nella ricerca esoterica tout-court e negli studi ermetico-kabbalisti in particolare), percorre tutto il cursus honorum, sino a diventarne Maestro Venerabile nel 2005 (anno in cui consegue anche l’iniziazione al 30°grado del Rito Scozzese Antico ed Accettato).

Nel 2004 è fra i coordinatori della campagna elettorale che porterà alla storica rielezione del Gran Maestro Gustavo Raffi”, noto per il suo radicale laicismo fondato sull’ idea di una fratellanza universale in cui Cristo è, di fatto,  la pietra di inciampo.

Oggi Magaldi gioca in un’altra campionato massonico, e, come si diceva, può contare tra i suoi giocatori la signora Marogna, ma non il cardinal Becciu, che afferma di non conoscere: “Conosco però il mondo Vaticano e tra i cardinali quello che stimo di più è Matteo Zuppi, che tra l’altro mi ha sposato. Sarebbe un ottimo Papa”.

Fonte

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Verità senza più diritti, così cambia la dottrina, cari pompieri

      di Stefano Fontana. Molti cattolici dicono che la richiesta di papa Francesco di riconoscere giuridicamente le coppie omosessuali non intacca la dottrina. Ma la frase non nega solo la dottrina sull’omosessualità, ma anche la dottrina del diritto e dell’autorità politica. I diritti della coppia omosessuale non esistono. A nessuno fa piacere dire che il Papa sbaglia su questioni di dottrina. Ma anche la verità ha i suoi diritti. Leggi il seguito…

    • Dopo il Papa, primi vescovi allo scoperto. Serve chiarezza

      di Luisella Scrosati. Le parole di Papa Francesco sulle coppie gay stanno facendo uscire allo scoperto i primi vescovi: «Sì alle adozioni», dice il vescovo Ricchiuti. La Congregazione per la Dottrina della Fede deve intervenire e mettere in fuga ogni dubbio, è il suo compito e c'è anche già un precedente. L’errore di una possibile accettazione da parte della Chiesa delle unioni civili è stato diffuso dal Papa e ora è necessario fare chiarezza. La richiesta della Bussola.  Leggi il seguito…

    • Marcello Pera: “Così Bergoglio ci manda tutti a fondo”

      L'ex presidente del Senato commenta le frasi del Papa sugli omosessuali: “Francesco laicizza la chiesa, si adegua a un caposaldo del pensiero secolare odierno" “Che due omosessuali si uniscano in una relazione non semina scandalo. Si tratta di un rapporto di amore, amicizia, reciproco sostegno, che non deve essere discriminato e ancor meno penalizzato”. Marcello Pera, già presidente del Senato, intellettuale laico che per anni ha dialogato con Joseph Ratzinger, commenta con il Foglio le frasi di Papa Francesco sugli omosessuali contenute nel documentario presentato ieri alla Festa del Cinema di Roma. “Però – puntualizza – se questa unione si chiama ‘famiglia’, allora è un matrimonio, e se è un matrimonio, oltre che un sacramento, è un contratto che gode di tutti i diritti connessi, compreso quello ad avere figli, che nel caso di omosessuali si può soddisfare solo con l’utero in affitto”. Leggi il seguito…

    • Francesco non parlava dei gay ma del loro “diritto al figlio”. Ed è molto peggio

      di Idefix. In un certo senso è vero: papa Francesco non ha detto quello che molti pensano abbia voluto dire. Purtroppo ha detto molto di peggio. Non si tratta “soltanto” dell’invito al riconoscimento giuridico delle unioni omosessuali, fatto già abbastanza clamoroso per un Pontefice. Tantomeno si tratta del riferimento ai diritti individuali delle persone conviventi, indipendentemente dalla natura del loro rapporto: una legge del genere verrebbe approvata in cinque minuti all’unanimità. Men che mai le incaute dichiarazioni rilanciate dal documentario presentato in queste ore possono essere derubricate come una preoccupazione per il diritto degli omosessuali a non essere rifiutati dalla propria famiglia d’origine (ci mancherebbe). Leggi il seguito…