Super ex: le morbide bastonate di Pell a Bergoglio

di Marco Tosatti.

Alla fine Bergoglio ha dovuto incontrare, obtorto collo, il cardinal Pell. E lo ha persino ringraziato. Chissà però quanti fulmini usciranno dalle sue labbra misericordiose, quando leggerà il diario del cardinale australiano (in uscita in America, promosso in Italia, con la pubblicazione di alcuni estratti, dal mensile Il Timone)

***************

Carissimi amici e nemici di Stilum Curiae, al nostro Super EX (ex di Avvenire, ex di Movimento per la Vita e di un’altra costellazione di manifestazioni cattoliche e pseudo cattoliche non è sfuggita l’udienza che il Pontefice Regnante ha concesso al cardinale George Pell, martire prima dei tradimenti vaticani – a cominciare dal Vertice – e poi di una delle più ignobili montature a cui ci sia stato dato di assistere, un caso Dreyfus cattolico se mai ce n’è stato uno. Ne ha tratto alcune riflessioni, che ben volentieri condividiamo. Buona lettura. 

§§

Le “morbide” bastonate di Pell a Bergoglio

Con lui, dopo quanto è successo, non poteva fare come con il cardinal Zen: lasciarlo alla porta, ad attendere invano, dopo un lungo viaggio.

E quindi alla fine Bergoglio ha dovuto incontrare, obtorto collo, il cardinal Pell. E lo ha persino ringraziato. Chissà però quanti fulmini usciranno dalle sue labbra misericordiose, quando leggerà il diario del cardinale australiano (in uscita in America, promosso in Italia, con la pubblicazione di alcuni estratti, dal mensile Il Timone).

Ma torniamo un attimo indietro. Alla lunga intervista concessa da Bergoglio a Televisa nel maggio 2019.

In quella lunga chiacchierata con Valentina Alazraki, Bergoglio vestì i panni dell’avvocato difensore di sé stesso (false le accuse di mons. Viganò!), del cardinal Maradiaga, suo intimo collaboratore coinvolto in vari scandali (“Gli dicono di tutto, ma non c’è nulla di certo, no, è onesto e mi sono preoccupato di esaminare bene le cose. Si tratta di calunnie”) e di monsignor Zanchetta, il vescovo argentino incriminato nel suo paese e promosso con un incarico romano ad hoc (“Sì, ma alla fine si è difeso dicendo che lo avevano hackerato, e si è difeso bene. Allora di fronte all’evidenza e a una buona difesa resta il dubbio, ma in dubio pro reo…”).

L’unico “reo dubbio” di cui Bergoglio non prese le difese era proprio l’unico sicuramente innocente: il cardinal Pell!

Riguardo a lui il giudizio fu categorico: “Il cardinale Pell lavorava qui nella Curia e l’ho scelto io perché me lo avevano chiesto (notare la precisazione, ndr). Stava per essere nominato qui già prima, c’era stato qualche indizio, ma c’era anche stato un processo dal quale era uscito pulito…Il cardinale Pell ovviamente è in carcere ed è stato condannato. È ricorso in appello, ma è stato condannato” (https://www.vaticannews.va/it/papa/news/2019-05/papa-televisa-violenza-contro-donne-migrazioni.html). Leggiamo con attenzione: Bergoglio fa capire che non è stato lui a volere Pell in quel ruolo chiave; e poi lo scarica senza indugi!

Chi credeva davvero alla colpevolezza di Pell, in Vaticano? Nessuno. O forse solo Bergoglio? Perché nel caso del cardinale australiano nessuna dichiarazione prudenziale, come per gli altri amici? Ad essere cattivi si potrebbe notare che mentre Pell era mal sopportato, il suo nemico, Becciu, veniva esaltato!

Ecco, ora possiamo tornare al diario. Si tratta di un’opera pregevole, da cui si evince una fede granitica, straordinaria, provata dalla galera e dal tradimento subito proprio dentro la chiesa stessa; un diario quasi privo di polemica, ma, qua e là, salace.

Riporto solo qualche battuta utile a capire lo scontro non tra due uomini, ma tra un uomo di fede, un vero e proprio martire, e l’attuale occupante del soglio pontificio.

Ad un certo punto, dopo aver più volte invitato i pastori a non tradire Cristo con falsi aggiornamenti, Pell scrive: “Per questo l’interpretazione argentina e quella maltese ‘approvate’ di Amoris laetitia sono tanto pericolose”. Non c’è traccia, se non mi sbaglio, di polemiche legate alla sua persona: Pell non perde tempo a ricordare di essere stato abbandonato ai carnefici dal suo diretto superiore, non accenna ai Giuda di cui forse sospetta l’esistenza, ma non può tacere di fronte al tentativo di Bergoglio di stravolgere la morale cattolica nel campo del matrimonio.

Già nel 2015, durante il sinodo della famiglia che tante divisioni ha portato e nessun frutto, Pell ebbe occasione, con i confratelli africani, i cardinali Burke, Caffarra…  di farsi sentire. Oggi lo ribadisce: la morale cattolica non è proprietà degli argentini, né di quelli a Roma né di quelli a Buenos Aires!

Un altro inciso interessante: “Una donna ritiene che il Signore mi stia facendo riparare per McCarrick… sarei felice di contribuire un po’ a questo, perché egli ha fatto molti danni, resi più profondi dall’insabbiamento e dal suo ritorno quando Benedetto si è dimesso”.

Caspita! Pell è chiaro: McCarrick, notoriamente fan di Bergoglio, messo all’angolo da Benedetto, è tornato in campo… proprio con l’elezione di Bergoglio (il quale, nella già citata intervista a Televisa, dichiarava: “Di McCarrick non sapevo nulla, naturalmente, nulla”).

Un’ultimo passaggio dal diario di Pell, che prendo sempre dall’ottimo mensile il Timone: “Durante i due sinodi sulla famiglia alcuni hanno proclamato ad alta voce che la Chiesa è un ospedale o un porto per rifugiati. Questa è solo una delle immagini della Chiesa, lontana da quella più utile e importante, perché la Chiesa deve mostrare come non diventare malati, come evitare il naufragio, e in ciò i Comandamenti sono fondamentali”.

Come dire, meglio di così, che la insistita e reiterata immagine di Bergoglio (la Chiesa come ospedale da campo, la chiesa come porto dei migranti) è assolutamente lontana da ciò che la Chiesa deve essere davvero?

Fonte

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • La vera fraternità oltre l’ideologia della fratellanza. Sulla conferenza di Stefano Fontana al Convegno “Poveri tutti”

      di Silvio Brachetta. Stefano Fontana, durante il convegno Poveri Tutti del 18 novembre scorso [qui], ha parlato sul tema “La vera fraternità oltre l’ideologia della fratellanza”. A seguito dell’enciclica Fratelli Tutti di Papa Francesco, Fontana si era già espresso sulla fratellanza [qui], come pure Silvio Brachetta in un articolo per l’Osservatorio [qui]. Fontana parla di due visioni della fraternità, a cominciare dall’avvento della modernità – cioè dall’Umanesimo e dal Rinascimento – che si sono imposte nella cultura e nella civiltà: la visione cattolica e la visione mondana. Leggi il seguito…

    • Francesco e la dottrina: i cambiamenti ci sono

      Dottrina sociale di Stefano Fontana. Molti si interrogano se ci sia continuità tra la Dottrina sociale della Chiesa insegnata da papa Francesco e quella insegnata fino a Benedetto XVI. La Laudato si’ e la Fratelli tutti (ma anche l’esortazione Evangelii Gaudium) sono in linea con la Centesimus annus e la Caritas in veritate? La tendenza prevalente nei commentatori è di pensarle in continuità, sia perché spiace dover constatare che quanto i papi dicevano ieri oggi venga detto in modo diverso o addirittura negato, sia perché il criterio della “riforma nella continuità”, suggerito da Benedetto XVI nel 2005, viene adoperato spesso in modo largo. Così si sostiene che le eventuali discontinuità sono di ordine pastorale e non dottrinale e che come tali non impegnano l’autorità magisteriale del papa. Spesso però questa via altro non è che una scappatoia per aggirare il problema, dato che oggi i principali cambianti dottrinali avvengono proprio per via pastorale. Leggi il seguito…

    • Francesco, la proprietà privata e la Teologia della Liberazione che non piace a Ratzinger (ma piace alle élite mondialiste)

      di Vito de Luca. Dopo le ultime affermazioni di papa Francesco, in cui afferma, rivolto ai giudici di Africa e America Latina che si occupano di diritti sociali, che il diritto alla proprietà privata non è intoccabile – in quanto diritto secondario – appare difficile allontanare dal pontefice l’aura di esponente della Teologia della Liberazione. Un po’ di storia, tanto per intenderci meglio, su questo filone dottrinario, in quanto nulla viene dal nulla. Leggi il seguito…

    • Divorzio, la “conquista” che sfasciò famiglia e società

      di Gianfranco Amato. Non c'è nulla da festeggiare per i 50 anni della legge sul divorzio: ha costituito il primo passo della rivoluzione antropologica che stiamo tuttora vivendo. L’indissolubilità del matrimonio era la linea Maginot di quella società che era ancora in grado di mantenere e garantire una certa solidità. La profezia di Fanfani e gli utili idioti Dc grazie ai quali poi abbiamo avuto anche aborto, unioni gay e prossimamente anche legge sull'omotransfobia.  Leggi il seguito…