Salvini a un bivio: o nasce un centrodestra nuovo o sarà opposizione permanente

di Giuseppe Leonelli.

L’invito a una svolta decisa, a un nuovo predellino, finora non è stato raccolto dal leader della Lega. Matteo Salvini, dopo i risultati deludenti delle Regionali e, soprattutto dei Ballottaggi alle Comunali, sembra voler continuare sulla stessa strada di sempre, nonostante le pressioni giunte dall’interno del partito (da Giorgetti su tutti) e dall’esterno (in primis da Toti). Uno stato di inerzia che difficilmente può continuare, anche in vista della scelta dei candidati del centrodestra a Roma e Milano. E’ vero, la Lega resta ancora il primo partito della coalizione (un ruolo che peraltro impone l’onere di guidare evoluzioni necessarie), ma al momento il Carroccio deve fare i conti con un doppio e opposto fronte politico.

Da un lato vi è la crescita a destra del partito della Meloni, dall’altro vi sono le pressioni dell’ala liberale e moderata che, orfana di Forza Italia, chiede alla Lega di occupare l’evidente vuoto politico creatosi. E’ evidente però come una corsa a due sul campo dei valori identitari e sovranisti finirebbe per penalizzare l’intera coalizione lasciando per strada un intero, enorme, bacino elettorale. E’ per questo che l’unica vera svolta alla quale la Lega è chiamata è quella invocata da Giorgetti. Il punto è che per Salvini si tratterebbe non di un semplice cambio di passo, ma di una autentica mutazione genetica e non sempre le metamorfosi politiche hanno successo.

L’ex ministro dell’interno è riuscito nel miracolo di portare il suo partito a un passo dal 40% a livello nazionale e per farlo ha usato due armi, l’antieuropeismo e l’addio della questione settentrionale, che oggi appaiono non più così efficaci. La nazionalizzazione del partito ha infatti subito una profonda battuta d’arresto con l’ultima tornata elettorale che ha consegnato una serie inaspettata di sconfitte al sud, mentre la pandemia ha finito per rafforzare l’Europa, proprio per le risorse che verranno messe in campo e con le quali i singoli Paesi non potrebbero nemmeno immaginare di competere.

Tutto questo Salvini lo ha capito benissimo, ma invertire la rotta non è semplice. Prima di abbandonare le vecchie armi occorre costruirne di nuove e imparare ad utilizzarle: un percorso lungo, complicato e non sempre di successo. Eppure oggi il centrodestra di questo cambio di paradigma ha bisogno, in ballo non vi è infatti solo il futuro della Lega ma le fondamenta stessa della casa politica che non si riconosce nell’asse giallo-rosso. Su quel predellino, insomma, Salvini può certamente scegliere di non salire, ma se non lo farà a breve, senza cioè percorrere un’altra strada che porti la sua coalizione ad essere potenzialmente maggioritaria (indipendentemente dal sistema elettorale), dovrà probabilmente accontentarsi di essere confinato nel ruolo di leader di un partito di opposizione permanente. E, viste le premesse, sarebbe davvero uno spreco.

Fonte: l’Occidentale

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Verità senza più diritti, così cambia la dottrina, cari pompieri

      di Stefano Fontana. Molti cattolici dicono che la richiesta di papa Francesco di riconoscere giuridicamente le coppie omosessuali non intacca la dottrina. Ma la frase non nega solo la dottrina sull’omosessualità, ma anche la dottrina del diritto e dell’autorità politica. I diritti della coppia omosessuale non esistono. A nessuno fa piacere dire che il Papa sbaglia su questioni di dottrina. Ma anche la verità ha i suoi diritti. Leggi il seguito…

    • Dopo il Papa, primi vescovi allo scoperto. Serve chiarezza

      di Luisella Scrosati. Le parole di Papa Francesco sulle coppie gay stanno facendo uscire allo scoperto i primi vescovi: «Sì alle adozioni», dice il vescovo Ricchiuti. La Congregazione per la Dottrina della Fede deve intervenire e mettere in fuga ogni dubbio, è il suo compito e c'è anche già un precedente. L’errore di una possibile accettazione da parte della Chiesa delle unioni civili è stato diffuso dal Papa e ora è necessario fare chiarezza. La richiesta della Bussola.  Leggi il seguito…

    • Marcello Pera: “Così Bergoglio ci manda tutti a fondo”

      L'ex presidente del Senato commenta le frasi del Papa sugli omosessuali: “Francesco laicizza la chiesa, si adegua a un caposaldo del pensiero secolare odierno" “Che due omosessuali si uniscano in una relazione non semina scandalo. Si tratta di un rapporto di amore, amicizia, reciproco sostegno, che non deve essere discriminato e ancor meno penalizzato”. Marcello Pera, già presidente del Senato, intellettuale laico che per anni ha dialogato con Joseph Ratzinger, commenta con il Foglio le frasi di Papa Francesco sugli omosessuali contenute nel documentario presentato ieri alla Festa del Cinema di Roma. “Però – puntualizza – se questa unione si chiama ‘famiglia’, allora è un matrimonio, e se è un matrimonio, oltre che un sacramento, è un contratto che gode di tutti i diritti connessi, compreso quello ad avere figli, che nel caso di omosessuali si può soddisfare solo con l’utero in affitto”. Leggi il seguito…

    • Francesco non parlava dei gay ma del loro “diritto al figlio”. Ed è molto peggio

      di Idefix. In un certo senso è vero: papa Francesco non ha detto quello che molti pensano abbia voluto dire. Purtroppo ha detto molto di peggio. Non si tratta “soltanto” dell’invito al riconoscimento giuridico delle unioni omosessuali, fatto già abbastanza clamoroso per un Pontefice. Tantomeno si tratta del riferimento ai diritti individuali delle persone conviventi, indipendentemente dalla natura del loro rapporto: una legge del genere verrebbe approvata in cinque minuti all’unanimità. Men che mai le incaute dichiarazioni rilanciate dal documentario presentato in queste ore possono essere derubricate come una preoccupazione per il diritto degli omosessuali a non essere rifiutati dalla propria famiglia d’origine (ci mancherebbe). Leggi il seguito…