Fenomeno Meloni

“Fenomeno Meloni, viaggio nella Generazione Atreju” è il primo saggio giornalistico su Giorgia Meloni e sulla genesi di Fratelli d’Italia. Una leadership ed una storia che partono da lontano e che meritavano di essere raccontate. Il testo è edito da Fede e Cultura, per la collana Gondolin.

In sintesi: un pezzo della storia della destra italiana. Un passaggio che le librerie non avevano ancora avuto modo di conoscere. L’uscita in libreria, su Amazon e sugli altri canali di vendita, è prevista per il 28 settembre, ma il libro è già disponibile da qualche giorno sul sito della casa editrice (https://www.edizionigondolin.com/2016/04/blog-post_12.html#!/Fenomeno-Meloni/p/234115489/category=18911001). 


Dalla quarta di copertina: “Giorgia Meloni, dopo anni di beghe e guerre intestine alla destra, ha ricompattato un ambiente intero. Oggi la Meloni è un vero e proprio fenomeno politico. Ma da dove arriva la spinta che ha permesso alla “ragazza della Garbatella” di poter ambire alla leadership di una coalizione? Dal congresso in cui è stata eletta presidente di Azione Giovani al “salto nel buio” che ha fatto sì che Fratelli d’Italia prendesse parte all’agone politico: Giorgia Meloni e la generazione che l’ha accompagnata sin dai primi passi – la “Generazione Atreju” – hanno una storia più complessa di come si potrebbe immaginare, una “storia infinita” per definizione, che questo libro racconta facendo parlare i suoi protagonisti”. 
Il libro è composto anche da sei ritratti tramite cui l’autore, mediante delle interviste, ripercorre le vicende politiche degli esponenti che hanno accompagnato l’azione della Meloni, sin dal congresso in cui è stata eletta presidente di Azione Giovani (il movimento giovanile di Alleanza Nazionale), Viterbo 2004. Gli onorevoli Augusta Montaruli, Carolina Varchi, Giovanni Donzelli e Francesco Lollobrigida, il senatore Giovan Battista Fazzolari e gli europarlamentari Nicola Procaccini e Carlo Fidanza: queste le sette personalità politiche scelte per una cronistoria che è molto più ampia e che tocca l’intera parabola della “Generazione Atreju”, partendo dalla militanza giovanile ed arrivando sino al “salto nel buio”, la fuoriuscita dal Pdl durante il montismo e la nascita di Fratelli d’Italia. Tra i capitoli più approfonditi, ci sentiamo di segnalare quello relativo alle “Contee”, le realtà in cui Fdi ha attecchito nonostante lo sfavore dei pronostici, Qualche accento è stato posto sul caso di quegli esponenti che, dopo aver percorso tutto il loro sentiero politico al fianco della Meloni, sono stati eletti a vari livelli istituzionali. 
Tra le voci presenti all’interno del testo, invece, vale la pena sottolineare la presenza di contributi e pareri ad opera del professor Ryszard Antoni Legutko, del professor Marco Gervasoni, del presidente di Nazione Futura e della Fondazione Tatarella Francesco Giubilei e del professor Renato Cristin, che disegna la parabola politica di Giorgia Meloni e di Fratelli d’Italia all’interno dell’appendice del libro. Due capitoli sono dedicati alle “battaglie per i valori non negoziabili”. Per la parte dell’opera dedicata al dialogo tra l’universo di Giorgia Meloni e l’universo cattolico, sono state ascoltate le voci di  Massimo Gandolfini, Alfredo Mantovano, Pino Morandini, Maria Rachele Ruiu ed Emmanuele Di Leo. 


L’autore: 
Francesco Boezi è nato a Roma, dove vive, nel 1989, ma è cresciuto ad Alatri, in Ciociaria. Giornalista, collabora con ilGiornale.it e con InsideOver. Si è laureato in Scienze Politiche e Relazioni internazionali alla Sapienza di Roma con una tesi sul populismo. Per la collana “Fuori dal Coro” de IlGiornale ha scritto “Benedetti populisti” e “Ratzinger, il rivoluzionario incompreso”. Boezi è stato finalista al premio Voltaire con “Ratzinger, la rivoluzione interrotta” (https://www.ilgiornale.it/autore/francesco-boezi-120516.html).

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • La vera fraternità oltre l’ideologia della fratellanza. Sulla conferenza di Stefano Fontana al Convegno “Poveri tutti”

      di Silvio Brachetta. Stefano Fontana, durante il convegno Poveri Tutti del 18 novembre scorso [qui], ha parlato sul tema “La vera fraternità oltre l’ideologia della fratellanza”. A seguito dell’enciclica Fratelli Tutti di Papa Francesco, Fontana si era già espresso sulla fratellanza [qui], come pure Silvio Brachetta in un articolo per l’Osservatorio [qui]. Fontana parla di due visioni della fraternità, a cominciare dall’avvento della modernità – cioè dall’Umanesimo e dal Rinascimento – che si sono imposte nella cultura e nella civiltà: la visione cattolica e la visione mondana. Leggi il seguito…

    • Francesco e la dottrina: i cambiamenti ci sono

      Dottrina sociale di Stefano Fontana. Molti si interrogano se ci sia continuità tra la Dottrina sociale della Chiesa insegnata da papa Francesco e quella insegnata fino a Benedetto XVI. La Laudato si’ e la Fratelli tutti (ma anche l’esortazione Evangelii Gaudium) sono in linea con la Centesimus annus e la Caritas in veritate? La tendenza prevalente nei commentatori è di pensarle in continuità, sia perché spiace dover constatare che quanto i papi dicevano ieri oggi venga detto in modo diverso o addirittura negato, sia perché il criterio della “riforma nella continuità”, suggerito da Benedetto XVI nel 2005, viene adoperato spesso in modo largo. Così si sostiene che le eventuali discontinuità sono di ordine pastorale e non dottrinale e che come tali non impegnano l’autorità magisteriale del papa. Spesso però questa via altro non è che una scappatoia per aggirare il problema, dato che oggi i principali cambianti dottrinali avvengono proprio per via pastorale. Leggi il seguito…

    • Francesco, la proprietà privata e la Teologia della Liberazione che non piace a Ratzinger (ma piace alle élite mondialiste)

      di Vito de Luca. Dopo le ultime affermazioni di papa Francesco, in cui afferma, rivolto ai giudici di Africa e America Latina che si occupano di diritti sociali, che il diritto alla proprietà privata non è intoccabile – in quanto diritto secondario – appare difficile allontanare dal pontefice l’aura di esponente della Teologia della Liberazione. Un po’ di storia, tanto per intenderci meglio, su questo filone dottrinario, in quanto nulla viene dal nulla. Leggi il seguito…

    • Divorzio, la “conquista” che sfasciò famiglia e società

      di Gianfranco Amato. Non c'è nulla da festeggiare per i 50 anni della legge sul divorzio: ha costituito il primo passo della rivoluzione antropologica che stiamo tuttora vivendo. L’indissolubilità del matrimonio era la linea Maginot di quella società che era ancora in grado di mantenere e garantire una certa solidità. La profezia di Fanfani e gli utili idioti Dc grazie ai quali poi abbiamo avuto anche aborto, unioni gay e prossimamente anche legge sull'omotransfobia.  Leggi il seguito…