E ora non stupiamoci della rabbia

di Corrado Ocone.

L’Italia tutta, non solo Napoli, è in rivolta. E le proteste non si fermeranno qui, come prevede Catello Maresca, il sostituto procuratore della città partenopea. Ora parleranno di strumentalizzazioni, di forze che cinicamente speculano sulla situazione, ecc. ecc. E sicuramente ci sarà stato pure chi lo ha fatto o lo sta facendo (camorra, ultras, centri sociali, “neofascisti”). Ma il problema non è questo. Il problema si chiama rabbia, disperazione, frustrazione, paura e mancanza di speranza (quella non velleitaria), fiducia (quella che si dà alle persone che hanno saputo meritarsela). E si chiama soprattutto in un modo: stanchezza di essere illusi, presi per i fondelli, trattati come bambini o dementi. Questo l’italiano medio, non solo chi va in piazza, non lo tollera più, non può tollerarlo.

L’italiano medio si fida, agisce responsabilmente, ma poi, se non sente parole di verità – quelle parole di verità che sono mancate sin dal primo momento in questa brutta vicenda- esplode: prima una miccia, poi un fuocherellino, poi il fuoco. E il popolo si fa anche plebe, lazzaro, ma tocca a una classe dirigente seria prevedere e fermare in anticipo questa débacle.

Agli italiani piacerà pure il Grande Fratello in tv, ma, alla fine, quando ne va di mezzo la loro libertà, il loro lavoro e la loro salute, sanno distinguere, soprattutto non possono permettersi che la gestione della cosa pubblica sia solo un reality show a caccia di link sui social. Ove sono i miliardi annunciati imminenti dall’Europa con tutti i megaprogetti da far partire? Ove è la “ripartenza” forte e felice annunciata in conferenza stampa dopo le varie kermesse, ad esempio quella -che oggi appare semplicemente ridicola- di Villa Pamphili? E ciò che di semplice e rapido, persino banale, si poteva e si doveva fare – ad esempio aumentare i posti letto in ospedale- perché non è stato fatto? Perché si sono buttati soldi al vento per finanziare monopattini e banchi a rotelle, soluzioni stupide per ogni mente dotata di un minimo di raziocinio o buon senso, invece di fare quel minimo che era indispensabile per non trovarci impreparati diventi alla “seconda ondata”, o anche semplicemente davanti a qualsiasi altra urgenza epidemiologica?

Ora che la frittata è fatta, bisogna spegnere l’incendio. Non possono però spegnerlo, fare da pompieri, gli stessi apprendisti stregoni che, con le loro azioni, hanno favorito il suo divampare. Non saremmo voluti arrivare a questo punto, ma ci siamo arrivati. In questo momento, ognuno faccia il suo dovere a cominciare dalle forze dell’ordine. Nessuno soffi sul fuoco, tutti siano responsabili. Ma il presidente della Repubblica, che ne ha il potere e l’onere, non stia fermo e prenda le soluzioni adeguate al caso. Per gli italiani onesti è l’unica ancora di salvezza rimasta in questo deserto.

Fonte: l’Occidentale

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • La vera fraternità oltre l’ideologia della fratellanza. Sulla conferenza di Stefano Fontana al Convegno “Poveri tutti”

      di Silvio Brachetta. Stefano Fontana, durante il convegno Poveri Tutti del 18 novembre scorso [qui], ha parlato sul tema “La vera fraternità oltre l’ideologia della fratellanza”. A seguito dell’enciclica Fratelli Tutti di Papa Francesco, Fontana si era già espresso sulla fratellanza [qui], come pure Silvio Brachetta in un articolo per l’Osservatorio [qui]. Fontana parla di due visioni della fraternità, a cominciare dall’avvento della modernità – cioè dall’Umanesimo e dal Rinascimento – che si sono imposte nella cultura e nella civiltà: la visione cattolica e la visione mondana. Leggi il seguito…

    • Francesco e la dottrina: i cambiamenti ci sono

      Dottrina sociale di Stefano Fontana. Molti si interrogano se ci sia continuità tra la Dottrina sociale della Chiesa insegnata da papa Francesco e quella insegnata fino a Benedetto XVI. La Laudato si’ e la Fratelli tutti (ma anche l’esortazione Evangelii Gaudium) sono in linea con la Centesimus annus e la Caritas in veritate? La tendenza prevalente nei commentatori è di pensarle in continuità, sia perché spiace dover constatare che quanto i papi dicevano ieri oggi venga detto in modo diverso o addirittura negato, sia perché il criterio della “riforma nella continuità”, suggerito da Benedetto XVI nel 2005, viene adoperato spesso in modo largo. Così si sostiene che le eventuali discontinuità sono di ordine pastorale e non dottrinale e che come tali non impegnano l’autorità magisteriale del papa. Spesso però questa via altro non è che una scappatoia per aggirare il problema, dato che oggi i principali cambianti dottrinali avvengono proprio per via pastorale. Leggi il seguito…

    • Francesco, la proprietà privata e la Teologia della Liberazione che non piace a Ratzinger (ma piace alle élite mondialiste)

      di Vito de Luca. Dopo le ultime affermazioni di papa Francesco, in cui afferma, rivolto ai giudici di Africa e America Latina che si occupano di diritti sociali, che il diritto alla proprietà privata non è intoccabile – in quanto diritto secondario – appare difficile allontanare dal pontefice l’aura di esponente della Teologia della Liberazione. Un po’ di storia, tanto per intenderci meglio, su questo filone dottrinario, in quanto nulla viene dal nulla. Leggi il seguito…

    • Divorzio, la “conquista” che sfasciò famiglia e società

      di Gianfranco Amato. Non c'è nulla da festeggiare per i 50 anni della legge sul divorzio: ha costituito il primo passo della rivoluzione antropologica che stiamo tuttora vivendo. L’indissolubilità del matrimonio era la linea Maginot di quella società che era ancora in grado di mantenere e garantire una certa solidità. La profezia di Fanfani e gli utili idioti Dc grazie ai quali poi abbiamo avuto anche aborto, unioni gay e prossimamente anche legge sull'omotransfobia.  Leggi il seguito…