VERITA’ E PREGIUDIZIO

San Michele Arcangelo

Il giorno di San Michele Arcangelo, oggi come nell’Apocalisse, è il giorno della Verità. «Chi come Dio?».

Così, dopo aver parlato, solo due gorni fa, della bellezza nella poesia, non possiamo rifugiarci in essa per ignorare la dura realtà.

Se la poesia non è estetismo fine a sé stesso, come non lo è, allora rimanda alla realtà e alla Verità e chiede conto. Anzi, la poesia ci apre gli occhi!

Il Prof. Roberto Filippetti

Ed oggi, il Prof. Filippetti, sempre prodigo di commenti artistici incisivi, brevi, quotidiani, sulla sua pagina Fecebook ci propone uno spunto che riprende da www.ilsussidiario.net del 28.09.2020, da un articolo a firma di Monica Mondo. 

Vi propongo il breve intervento così come il Professore l’ha pubblicato; parla da sé:

Amy Coney Barret

Voglio esagerare, con un terzo post nel giro di poche ore: ancora Clericetti e ancora un articolo del Sussidiario di oggi, scritto da Monica Mondo. Limpida risposta all’OVVIO DEI POPOLI (o meglio delle masse), cioè alla dittatura dell’omologante pensiero unico, politicamente corretto, su Amy Coney Barrett:

«Non so chi sia Amy Coney Barrett e se sia degna o no di far parte della Corte suprema degli Stati Uniti. Del resto non so se ne siano degni gli altri otto membri (sono nove in totale) e il loro nome non ha valicato gli oceani, è oscuro, se non per pochi addetti ai lavori. Sappiamo che Trump ha deciso di nominarla giudice per sostituire la compianta Ruth Bader Gissburg e ne ha facoltà. Benché siamo in dirittura d’arrivo per nuove elezioni presidenziali che confermino o meno il suo mandato. Quello che non torna nel coro di critiche e proteste acide e veementi contro questa scelta, è la definizione con cui la nuova giudice è presentata: “conservatrice, cattolica, antiabortista”. Nessuno che spieghi se è meritevole o meno, se è stimata o meno, se abbia il curriculum necessario, se sia caparbia o attenta o sapiente o dotata di umana pietà. Nulla: cattolica, antiabortista. Ora, non risulta che la dottrina della Chiesa sia mutata quanto alla condanna dell’aborto e di qualunque legge che lo favorisca, e le ultime accorate parole di papa Francesco ancora una volta la confermano. Dunque, “per la contraddizion che nol consente”, direbbe il Poeta, non è possibile essere cattolici e abortisti. Punto. Dobbiamo dedurre allora che il problema consista nell’essere cattolici, perché in quanto tale la giudice non potrebbe essere favorevole a una legislazione lassista sull’aborto, e chiunque lo sia non può dirsi cattolico, benché adulto, benché dubbioso, benché capace di volta in volta di condannare il peccato e non il peccatore. Dobbiamo concludere, allora, che è un problema per l’opinione progressista, moderna, per il mainstream americano essere cattolici. E non solo negli Usa, date le reazioni dei media e degli opinion leader di mezzo mondo, Italia compresa. Appoggiare, ammirare, disprezzare Trump non c’entra nulla, con la libertà di pensiero. Si può soltanto obiettare una ragione di opportunità: forse, a poche settimane dalle elezioni, meglio optare per una candidata meno divisiva. Ma anche questa nota di buon senso è ipocrita e pavida: preferisce chi non prende posizione, o peggio chi si accoda a quella dominante, secondo la malerba di “ogni desiderio un diritto”. A furia di non essere divisivi, i cattolici saranno inutili o spariranno. La Barrett poi presenta altre caratteristiche che la rendono particolarmente invisa a rappresentare l’America che svolta: è giovane (almeno se era vecchia se ne andava prima) ha sette figli, di cui due adottati, uno addirittura down. Dunque dev’essere per forza pazza e fanatica. Siamo a questo punto: che l’ammirazione per chi mostra generosità e accoglienza ai più fragili volge in strali e bolla d’ignominia. Ripeto: a nessuno importano le sue competenze, potrebbe essere geniale o succube di preoccupanti poteri. Ma l’unico tema di dibattito è stato l’essere cattolici e contrari all’aborto e questo cozza contro le pretese di libertà e la tutela dei diritti che troppi sbandierano solo quando conviene, quando li riguarda, quando coincide con la propria ideologia. Non si può tollerare che essere cattolici sia considerato una diminutio, una preoccupazione, un problema. Per rispetto della storia cui apparteniamo, per amore di Gesù, per non vergognarci dei tanti fratelli che per esprimere la loro fede rischiano oggi, e ogni giorno, la vita». https://www.ilsussidiario.net/…/amy-coney…/2074812/

E Clericetti fa capolino. Riportiamo la prima e l’ultima vignetta.

Come volevasi dimostrare!

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Verità senza più diritti, così cambia la dottrina, cari pompieri

      di Stefano Fontana. Molti cattolici dicono che la richiesta di papa Francesco di riconoscere giuridicamente le coppie omosessuali non intacca la dottrina. Ma la frase non nega solo la dottrina sull’omosessualità, ma anche la dottrina del diritto e dell’autorità politica. I diritti della coppia omosessuale non esistono. A nessuno fa piacere dire che il Papa sbaglia su questioni di dottrina. Ma anche la verità ha i suoi diritti. Leggi il seguito…

    • Dopo il Papa, primi vescovi allo scoperto. Serve chiarezza

      di Luisella Scrosati. Le parole di Papa Francesco sulle coppie gay stanno facendo uscire allo scoperto i primi vescovi: «Sì alle adozioni», dice il vescovo Ricchiuti. La Congregazione per la Dottrina della Fede deve intervenire e mettere in fuga ogni dubbio, è il suo compito e c'è anche già un precedente. L’errore di una possibile accettazione da parte della Chiesa delle unioni civili è stato diffuso dal Papa e ora è necessario fare chiarezza. La richiesta della Bussola.  Leggi il seguito…

    • Marcello Pera: “Così Bergoglio ci manda tutti a fondo”

      L'ex presidente del Senato commenta le frasi del Papa sugli omosessuali: “Francesco laicizza la chiesa, si adegua a un caposaldo del pensiero secolare odierno" “Che due omosessuali si uniscano in una relazione non semina scandalo. Si tratta di un rapporto di amore, amicizia, reciproco sostegno, che non deve essere discriminato e ancor meno penalizzato”. Marcello Pera, già presidente del Senato, intellettuale laico che per anni ha dialogato con Joseph Ratzinger, commenta con il Foglio le frasi di Papa Francesco sugli omosessuali contenute nel documentario presentato ieri alla Festa del Cinema di Roma. “Però – puntualizza – se questa unione si chiama ‘famiglia’, allora è un matrimonio, e se è un matrimonio, oltre che un sacramento, è un contratto che gode di tutti i diritti connessi, compreso quello ad avere figli, che nel caso di omosessuali si può soddisfare solo con l’utero in affitto”. Leggi il seguito…

    • Francesco non parlava dei gay ma del loro “diritto al figlio”. Ed è molto peggio

      di Idefix. In un certo senso è vero: papa Francesco non ha detto quello che molti pensano abbia voluto dire. Purtroppo ha detto molto di peggio. Non si tratta “soltanto” dell’invito al riconoscimento giuridico delle unioni omosessuali, fatto già abbastanza clamoroso per un Pontefice. Tantomeno si tratta del riferimento ai diritti individuali delle persone conviventi, indipendentemente dalla natura del loro rapporto: una legge del genere verrebbe approvata in cinque minuti all’unanimità. Men che mai le incaute dichiarazioni rilanciate dal documentario presentato in queste ore possono essere derubricate come una preoccupazione per il diritto degli omosessuali a non essere rifiutati dalla propria famiglia d’origine (ci mancherebbe). Leggi il seguito…