Inizia il 17 settembre il 3° corso online sul distributismo

III CORSO VIA SKYPE SUL DISTRIBUTISMO

Siamo lieti di annunciare che il Movimento Distributista Italiano intende organizzare il II corso interattivo via Skype sul distributismo, aperto a quanti fossero interessati a conoscere ed approfondire i contenuti e le modalita’ applicative del pensiero distributista di G.K.Chesterton, H.Belloc e padre McNabb.

Il corso avrà luogo a partire da giovedì 17 settembre 2020 alle 20.30, con collegamento via Skype alle ore 20.20, per 10 giovedì consecutivi.

Il corso è costituito da 10 sessioni di 60 minuti ciascuno, con ampio spazio lasciato all’interazione con i partecipanti, così  articolate:

–        Introduzione al distributismo – Dr M.Mazzariol, presidente Mov.Distributista (17 settembre 2020)

–        2 incontri su “La centralita’ economico-sociale della famiglia naturale” – Dr.ssa E.Arpaia, vice-presidente Mov.Distributista (24 settembre e 1 ottobre 2020)

–        2 incontri su “L’unione tra capitale e lavoro oltre liberal-capitalismo, social-comunismo e tutti i loro derivati (Keynesismo incluso)” –   Dr P. Calo’, socio Mov.Distribusta (8 e 15  ottobre 2020)

–        2 incontri su “Le gilde o corporazioni di arti e mestieri come unica strada verso una vera democrazia partecipata, oltre la palude della partitocrazia” – Dr M. Martinoli, membro del Com.direttivo del Mov.Distributista (22 e 29 ottobre 2020)

–        2 incontri su “Un denaro privo di interesse e di debito bancario ed una finanza al servizio del bene comune” – Matteo Mazzariol, presidente Mov.Distributista (5 e 12 novembre 2020)

–        Discussione finale e progetti futuri – tutti e quattro i relatori (19 novembre 2020)

Il corso è riservato a massimo 10 persone e si richiede gentilmente un contributo spese di minimo 20 euro. I partecipanti riceveranno via email materiale esplicativo ed una bibliografia inerente il corso ed al termine chi vuole potrà fare richiesta di iscrizione al Movimento Distributista Italiano. Nel caso il Comitato Direttivo desse parere favorire all’iscrizione, la quota versata verrà considerata come quota associative per l’anno solare 2021.

Verranno accettate le prime 10 domande, mentre le altre verranno inserite in una lista d’attesa per successivi corsi.

Per iscriversi è necessario inviare un email a movimentodistributista@gmail.com, facendone esplicita richiesta ed indicando nome, cognome, indirizzo, numero di telefono, username Skype, professione svolta ed una breve descrizione della motivazione al corso. Il versamento è da effettuare sull’iban. IT77C0503417000000000001225 del Movimento Distributista Italiano, inserendo nella causale nome e cognome e la dicitura “contributo spese II Corso Mov.Distributista. Verrano accettate le prime 10 iscrizioni.

Il Comitato Direttivo del Movimento Distributista Italiano

Per ulteriori informazioni visionare il sito distributismomovimento.blogspot.com

Fonte: Osservatorio Internazionale Card. Van Thuân

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Liberalismo e cattolicesimo, un confronto per capire

      di Giulia Tanel. I princìpi del liberalismo sono diffusi e sostenuti da forze politiche ed economiche. Le origini di questo pensiero sono complesse, ma l’ultimo libro di Roberto Marchesini - Liberalismo e cattolicesimo - conclude che esso «è il padre di ogni altra rivoluzione: quella protestante, quella illuminista, quella marxista». E anche nel Magistero c’è prevalentemente un giudizio negativo. Leggi il seguito…

    • Canada così “liberale” che vieta anche il vin santo

      di Luca Volontè. La ‘Legge sul Secolarismo’ del Quebec, esempio malvagio del laicismo canadese contro tutte le religioni e i fedeli cristiani, rimane in vigore (per ora). Impossibile per chiunque sia un impiegato pubblico portare simboli di appartenenza religiosi. Un passo ulteriore nella guerra totale per sradicare la fede ed i suoi simboli dalla vita pubblica nell’intero paese. Ci si avvicina alla abolizione della libertà religiosa (che include la dimensione pubblica) e all’obbligo di privatizzare la fede ed il ritorno alle catacombe per le celebrazioni eucaristiche come Dio comanda. Infatti, con una operazione poliziesca dei giorni scorsi, si è persino confiscato e vietato l’uso del ‘vin santo’ per le celebrazioni eucaristiche. Questo è il Canada del liberale Trudeau. Leggi il seguito…

    • Perché l’aggiornamento del Compendio non si farà mai

      Dottrina sociale di Stefano Fontana. Nel 2004, per volontà di Giovanni Paolo II, il Pontificio Consiglio della Giustizia e della Pace pubblicò il Compendio della Dottrina sociale della Chiesa, tradotto poi in moltissime lingue e diffuso in tutto il mondo. Dieci anni dopo, il vescovo Giampaolo Crepaldi, che firmò, assieme al Cardinale Martino, il Compendio in qualità di Segretario del Dicastero pontificio, rispose ad alcune mie domande in un libro-intervista che voleva fare il punto sulla “ricezione” del Compendio [vedi qui https://www.edizionicantagalli.com/shop/la-dottrina-sociale-della-chiesa/ ] nel primo decennio dalla sua pubblicazione. Leggi il seguito…

    • Il Mulino, trionfo del populismo illuminato

      di Stefano Fontana. Compie settant'anni la rivista bolognese punto di riferimento di una certa intelligentia progressista e si rilancia con un numero sulla crisi attuale che è la quintessenza del conformismo. Nell'ansia di combattere il populismo, nuovo cancro delle democrazie, divulga una concezione assolutamente populista del momento attuale. Leggi il seguito…