Inizia il 17 settembre il 3° corso online sul distributismo

III CORSO VIA SKYPE SUL DISTRIBUTISMO

Siamo lieti di annunciare che il Movimento Distributista Italiano intende organizzare il II corso interattivo via Skype sul distributismo, aperto a quanti fossero interessati a conoscere ed approfondire i contenuti e le modalita’ applicative del pensiero distributista di G.K.Chesterton, H.Belloc e padre McNabb.

Il corso avrà luogo a partire da giovedì 17 settembre 2020 alle 20.30, con collegamento via Skype alle ore 20.20, per 10 giovedì consecutivi.

Il corso è costituito da 10 sessioni di 60 minuti ciascuno, con ampio spazio lasciato all’interazione con i partecipanti, così  articolate:

–        Introduzione al distributismo – Dr M.Mazzariol, presidente Mov.Distributista (17 settembre 2020)

–        2 incontri su “La centralita’ economico-sociale della famiglia naturale” – Dr.ssa E.Arpaia, vice-presidente Mov.Distributista (24 settembre e 1 ottobre 2020)

–        2 incontri su “L’unione tra capitale e lavoro oltre liberal-capitalismo, social-comunismo e tutti i loro derivati (Keynesismo incluso)” –   Dr P. Calo’, socio Mov.Distribusta (8 e 15  ottobre 2020)

–        2 incontri su “Le gilde o corporazioni di arti e mestieri come unica strada verso una vera democrazia partecipata, oltre la palude della partitocrazia” – Dr M. Martinoli, membro del Com.direttivo del Mov.Distributista (22 e 29 ottobre 2020)

–        2 incontri su “Un denaro privo di interesse e di debito bancario ed una finanza al servizio del bene comune” – Matteo Mazzariol, presidente Mov.Distributista (5 e 12 novembre 2020)

–        Discussione finale e progetti futuri – tutti e quattro i relatori (19 novembre 2020)

Il corso è riservato a massimo 10 persone e si richiede gentilmente un contributo spese di minimo 20 euro. I partecipanti riceveranno via email materiale esplicativo ed una bibliografia inerente il corso ed al termine chi vuole potrà fare richiesta di iscrizione al Movimento Distributista Italiano. Nel caso il Comitato Direttivo desse parere favorire all’iscrizione, la quota versata verrà considerata come quota associative per l’anno solare 2021.

Verranno accettate le prime 10 domande, mentre le altre verranno inserite in una lista d’attesa per successivi corsi.

Per iscriversi è necessario inviare un email a movimentodistributista@gmail.com, facendone esplicita richiesta ed indicando nome, cognome, indirizzo, numero di telefono, username Skype, professione svolta ed una breve descrizione della motivazione al corso. Il versamento è da effettuare sull’iban. IT77C0503417000000000001225 del Movimento Distributista Italiano, inserendo nella causale nome e cognome e la dicitura “contributo spese II Corso Mov.Distributista. Verrano accettate le prime 10 iscrizioni.

Il Comitato Direttivo del Movimento Distributista Italiano

Per ulteriori informazioni visionare il sito distributismomovimento.blogspot.com

Fonte: Osservatorio Internazionale Card. Van Thuân

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • In pellegrinaggio verso il santuario del mondo. Il cammino “Laudato si’” dei vescovi italiani

      Dottrina sociale di Stefano Fontana. I vescovi italiani se ne sono inventata un’altra. Ecco cosa dice il sito della CEI (Conferenza episcopale italiana): “Nasce in Italia il “Cammino Laudato si’”, una nuova via di pellegrinaggio che unisce la valorizzazione del territorio e un approccio esperienziale ai temi dell’ecologia integrale. A lanciare l’iniziativa è l’Ufficio Nazionale per i problemi sociali e il lavoro, in collaborazione con l’Ufficio nazionale per la pastorale del tempo libero, turismo e sport e la diocesi di Tursi-Lagonegro, in occasione del 25° anniversario del Progetto Policoro, voluto dalla Cei per formare i giovani ad evangelizzare il lavoro e a creare impresa”. Leggi il seguito…

    • Super ex: le morbide bastonate di Pell a Bergoglio

      di Marco Tosatti. Alla fine Bergoglio ha dovuto incontrare, obtorto collo, il cardinal Pell. E lo ha persino ringraziato. Chissà però quanti fulmini usciranno dalle sue labbra misericordiose, quando leggerà il diario del cardinale australiano (in uscita in America, promosso in Italia, con la pubblicazione di alcuni estratti, dal mensile Il Timone) Leggi il seguito…

    • Covid, una psicosi dell’Occidente anziano

      di Eugenio Capozzi. C'è una psicosi pandemica che non è più giustificata dall'emergenza sanitaria, ormai superata. Ma la paura del futuro, la rinuncia a vivere sono caratteristiche di società gerontocratiche e infertili, in cui la spinta vitale si è ormai quasi arrestata. Il panico da Covid è diventato un sintomo ed al contempo un propellente della loro decadenza. Leggi il seguito…

    • Un popolo di depressi e le famiglie ridotte a focolai

      di Marcello Veneziani. Per Natale avremo un bilancio di 40mila morti, 400mila ammalati e 40 milioni di depressi cronici, anche gravi. Il primo bilancio è terribile nella prossimità, cioè per le vittime, i loro familiari e conoscenti, ma nella media storica di 640mila decessi all’anno il dato si ridimensiona. Il secondo è oneroso per i pazienti, per i medici, per le strutture ospedaliere e di terapia intensiva. Ma il terzo, impalpabile, trascurato, riguarda i due terzi del popolo italiano. Non so cosa stia accadendo all’estero, non circolano le esperienze, non ci sono più viaggi, non sappiamo come stiano vivendo davvero gli altri popoli la pandemia-bis. Ma in Italia si è fatta insopportabile e il paese vive sull’orlo di una crisi di nervi. Crisi individuale benché di massa, crisi privata benché il cumulo di crisi private ne fa una gigantesca e pubblica. Non ha trovato il collettore per coagularsi, non ha ben focalizzato il target. Ma fiumi di lava scorrono sotterranei nel nostro paese, un ribollire di pozze, si vedono fumi e focolai dappertutto. Leggi il seguito…