Inequità e disuguaglianze: attenti! Lo dice la Rerum Novarum

Dottrina sociale di Stefano Fontana.

In molti insegnamenti sociali della Chiesa di oggi si parla con insistenza di equità e uguaglianza. Papa Francesco adopera con molta frequenza questi due termini. L’equità e l’uguaglianza però sono concetti non sempre chiari e possono addirittura condurre a interventi correttivi contrari alla giustizia

***************

In molti insegnamenti sociali della Chiesa di oggi si parla con insistenza di equità e uguaglianza. Papa Francesco adopera con molta frequenza questi due termini, sostenendo che la inequità nei rapporti economici e le disuguaglianze sociali sono la causa del degrado morale delle relazioni e della violenza. Egli sostiene spesso anche che lo sviluppo deve avvenire secondo equità e uguaglianza e critica l’economia attuale appunto perché fondata sulla inequità e quindi sulla cultura dello scarto. Nelle società attuali, egli sostiene, l’inequità è strutturale e comporta la povertà e questa impedisce la pace.

Certamente l’equità e l’uguaglianza vengono intese nell’ambito della giustizia, però sono concetti non sempre chiari, se presi in se stessi, e che addirittura possono condurre a interventi correttivi contrari alla giustizia. I concetti di equità e di uguaglianza sono anche debitori di varie ideologie politiche moderne.  La concezione neoliberale di John Rawls si fonda sull’equità, le dottrine socialiste o socialdemocratiche si fondano sull’uguaglianza. In ambedue i casi, però, quei concetti non hanno niente a che fare con la visione della Dottrina sociale della Chiesa. Devono quindi essere maneggiati con cura, come si legge scritto sui pacchi dai contenuti fragili.

Due sono i pericoli che si corrono quando si parla di equità (e inequità) e di uguaglianza (e disuguaglianza). Il primo è che si dia loro un significato convenzionale e ipotetico e non veramente fondato sulla giustizia la quale ha sempre un fondamento oggettivo nell’essere delle cose. Per esempio Rawls dice che c’è equità quando le decisioni vengono prese in presenza di un “velo di ignoranza”, ossia ipotizzando di non avere interessi personali da difendere in quella decisione. Ma è evidente che si tratta di una pura ipotesi, applicata ad una persona intesa come individuo astratto. Il secondo pericolo è che si intenda l’uguaglianza solo in senso economico e sociale e si assegni a qualche potere particolare il compito di eliminare le disuguaglianze. In genere, questo potere particolare è quello dello Stato, che  dovrebbe porre tutti i cittadini sullo stesso piano sociale ed economico, sfociando nell’egualitarismo.

Può essere allora interessante riprendere un passaggio della Rerum novarum di Leone XIII che sembra proprio dire il contrario, ossia mettere in guardia dal cercare l’uguaglianza. Eccolo: “Si stabilisca dunque in primo luogo questo principio, che si deve sopportare la condizione propria dell’umanità: togliere dal mondo le disparità sociali, è cosa impossibile. Lo tentano, è vero, i socialisti, ma ogni tentativo contro la natura delle cose riesce inutile. Poiché la più grande varietà esiste per natura tra gli uomini: non tutti posseggono lo stesso ingegno, la stessa solerzia, non la sanità, non le forze in pari grado: e da queste inevitabili differenze nasce di necessità la differenza delle condizioni sociali. E ciò torna a vantaggio sia dei privati che del civile consorzio, perché la vita sociale abbisogna di attitudini varie e di uffici diversi, e l’impulso principale, che muove gli uomini ad esercitare tali uffici, è la disparità dello stato” (n. 14).

Quando la disuguaglianza è prodotta dalla mancanza della giustizia non può essere accettata, ma quando la disuguaglianza è prodotta dalla natura non solo va accettata ma deve essere considerata anche un bene, mentre una completa uguaglianza sociale deve essere considerata un male. È un bene perché la società ha bisogno di vari servizi che solo uomini che vivono in diverse condizioni sociali possono dare, ed è un bene perché le disparità sociali sono la molla per l’impegno personale a migliorare.

Questa visione di Leone XIII non significa l’accettazione delle disuguaglianze e una rinuncia alla giustizia. Essa, piuttosto, invita a non programmare il superamento delle ”disparità sociali” per via politica perché ciò condurrebbe all’utopia o all’ideologia, quindi “a dolori più grandi di quelli attuali”. Il miglioramento delle condizioni di vita deve essere perseguito dalla responsabilità delle persone e delle famiglie e non deve diventare una pretesa politica, ma una conquista morale.

Fonte: La nuova Bussola Quotidiana

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Verità senza più diritti, così cambia la dottrina, cari pompieri

      di Stefano Fontana. Molti cattolici dicono che la richiesta di papa Francesco di riconoscere giuridicamente le coppie omosessuali non intacca la dottrina. Ma la frase non nega solo la dottrina sull’omosessualità, ma anche la dottrina del diritto e dell’autorità politica. I diritti della coppia omosessuale non esistono. A nessuno fa piacere dire che il Papa sbaglia su questioni di dottrina. Ma anche la verità ha i suoi diritti. Leggi il seguito…

    • Dopo il Papa, primi vescovi allo scoperto. Serve chiarezza

      di Luisella Scrosati. Le parole di Papa Francesco sulle coppie gay stanno facendo uscire allo scoperto i primi vescovi: «Sì alle adozioni», dice il vescovo Ricchiuti. La Congregazione per la Dottrina della Fede deve intervenire e mettere in fuga ogni dubbio, è il suo compito e c'è anche già un precedente. L’errore di una possibile accettazione da parte della Chiesa delle unioni civili è stato diffuso dal Papa e ora è necessario fare chiarezza. La richiesta della Bussola.  Leggi il seguito…

    • Marcello Pera: “Così Bergoglio ci manda tutti a fondo”

      L'ex presidente del Senato commenta le frasi del Papa sugli omosessuali: “Francesco laicizza la chiesa, si adegua a un caposaldo del pensiero secolare odierno" “Che due omosessuali si uniscano in una relazione non semina scandalo. Si tratta di un rapporto di amore, amicizia, reciproco sostegno, che non deve essere discriminato e ancor meno penalizzato”. Marcello Pera, già presidente del Senato, intellettuale laico che per anni ha dialogato con Joseph Ratzinger, commenta con il Foglio le frasi di Papa Francesco sugli omosessuali contenute nel documentario presentato ieri alla Festa del Cinema di Roma. “Però – puntualizza – se questa unione si chiama ‘famiglia’, allora è un matrimonio, e se è un matrimonio, oltre che un sacramento, è un contratto che gode di tutti i diritti connessi, compreso quello ad avere figli, che nel caso di omosessuali si può soddisfare solo con l’utero in affitto”. Leggi il seguito…

    • Francesco non parlava dei gay ma del loro “diritto al figlio”. Ed è molto peggio

      di Idefix. In un certo senso è vero: papa Francesco non ha detto quello che molti pensano abbia voluto dire. Purtroppo ha detto molto di peggio. Non si tratta “soltanto” dell’invito al riconoscimento giuridico delle unioni omosessuali, fatto già abbastanza clamoroso per un Pontefice. Tantomeno si tratta del riferimento ai diritti individuali delle persone conviventi, indipendentemente dalla natura del loro rapporto: una legge del genere verrebbe approvata in cinque minuti all’unanimità. Men che mai le incaute dichiarazioni rilanciate dal documentario presentato in queste ore possono essere derubricate come una preoccupazione per il diritto degli omosessuali a non essere rifiutati dalla propria famiglia d’origine (ci mancherebbe). Leggi il seguito…