Il comunismo restò in cielo e mandò i popoli all’inferno

di Marcello Veneziani.

Un lungo corteo di elogi funebri ha accompagnato la morte di Rossana Rossanda. Necrologi rosso antico, testimonianze affettuose, ricordi di militanze dell’altro millennio. Il rispetto che si deve in generale per chi muore e in particolare per un nemico intellettuale, e uso la parola nemico senza un filo di disprezzo, sapendo di rispettare le sue volontà, non deve però trattenere dal tracciare un bilancio onesto. Non della vita e l’opera di Rossana Rossanda, e nemmeno del suo Manifesto, ma un bilancio ideologico e politico di una passione chiamata comunismo. Pace all’anima sua, anche se lei rigettò la pace e l’anima.

La Rossanda – non se ne dolgano le femministe per quel la, ma così è stata chiamata da tutti per una vita – ha sintetizzato nella sua vita tutte le stagioni cruciali del comunismo e della sinistra radicale. Fu antifascista e partigiana, poi militò nel Partito Comunista e si distinse per la sua fedeltà a Mosca ai tempi in cui il comunismo era staliniano; furono memorabili alcune sue censure e stroncature verso opere o compagni che osavano incrinare il Verbo sovietico. Fu poi tra quelli che cominciò a pensarla diversamente dopo i fatti d’Ungheria, fino alla clamorosa rottura del gruppo del manifesto con il Pci, rimasto filosovietico nonostante i carri armati e i misfatti ormai risaputi di Stalin. Ma non si trattò di un ravvedimento libertario, come ci raccontano le anime belle che fanno la storia a modo loro, perché la Rossanda, il manifesto & Compagni, passarono dalla padella alla brace, e dopo aver criticato lo stalinismo del vecchio Pci passarono a tessere le lodi del Grande Timoniere, il terribile Mao Tse Tung. Dittatura sanguinaria, repressione massiccia del dissenso, sterminio di popoli e rieducazione feroce, sradicamento di civiltà, culto della personalità, c’erano tutti in Mao e nel comunismo cinese, e in dosi più massicce dello stalinismo. Dunque la favola della reazione libertaria al vecchio Pci stalinista va raccontata agli ingenui e a chi ama baloccarsi di consolanti menzogne.

Ma la Rossanda fu anche il campione femminile più rappresentativo del passaggio dal partito comunista al movimento contestatore, femminista e anarco-libertario, dal Pci al ’68, che poi diventò la linea vincente nella sinistra italiana ed europea. Lei percorse con esito radicale e rivoluzionario quel che la sinistra più larga, postsessantottina, percorse con esito neoborghese e laico-progressista. Per dirla in termini di giornali, il manifesto accompagnò la mutazione rivoluzionaria della sinistra, dal Pci al dopo-68, esattamente come la Repubblica accompagnò la mutazione neoborghese della sinistra, dal Pci al partito radicale di massa, per dirla con Augusto del Noce.

Che vi fosse una corrispondenza di amorosi sensi tra la linea rivoluzionaria della Rossanda, più vicina allo spirito originario del ’68, e l’esito neoborghese, filocapitalista, euro-mondialista della sinistra postcomunista, un marxista ortodosso lo potrebbe spiegare con una questione di classe: Rossana Rossanda era una donna di classe; ideologicamente di classe operaia, sia come ceto, di classe borghese. Ha precorso i radical chic, nella vita, nei legami, nello stile, nelle abitazioni, nei quartieri, nel narcisismo autoreferenziale. Sentiva di appartenere a una minoranza, un’élite, mica un popolo. Ma restando sempre comunista, senza mai deflettere.

La Rossanda si definì sempre comunista, come il Manifesto, anche dopo che cadde l’Unione Sovietica: un esempio di cocciuta coerenza, di puntiglio ideologico che quel neo accanto alla bocca sembrava quasi somaticamente figurare. E tale rimase quando riconobbe nelle Brigate rosse lo stesso album di famiglia, mentre gli altri a sinistra continuavano a definirle sedicenti; riteneva però che le Br derivassero dallo stalinismo, in Italia rappresentato dal Pci. Lei distingueva – come poi sarà d’uso nella cultura egemone – tra comunismo staliniano e comunismo marx-leninista, come se fossero due cose diverse. Usarono lo stalinismo come una bad company su cui scaricare le nefandezze del comunismo. Troppo comodo, e troppo falso: Stalin proseguì l’opera di Lenin e il suo terrore, e i comunisti, italiani inclusi, furono stalinisti.

C’è una sua frase, abusata in questi giorni e resa quasi un epitaffio della sua vita, che così riassume il suo comunismo: “il comunismo ha sbagliato ma non è sbagliato”. In quella frase c’è tutta la presunzione ideologica a dispetto dei fatti, o come un tempo si diceva, delle “dure repliche della realtà”; la convinzione di un’essenza pura, quasi metafisica, del comunismo che rimane illibata nonostante i fallimenti molteplici della storia. L’idea comunista è sacra e inviolata, i fatti ne hanno solo sporcato le rappresentazioni temporali; ogni crimine compiuto dai regimi comunismi situava quei regimi fra i traditori del comunismo. Ma quando un’idea fallisce ovunque e genera ovunque repressione, stermini, totalitarismo e fallimento economico-sociale, il difetto non è nelle “trascurabili” applicazioni storiche ma nell’idea stessa e nella pretesa di correggere l’umanità, raddrizzare il mondo, generare una società perfetta sacrificando l’umanità imperfetta e reale. Da qui la riduzione del comunismo a Immacolata Concezione, a prescindere dai suoi frutti storici e politici; e la pretesa dei suoi sacerdoti di essere il sale della terra, e di dover giudicare il mondo e gli altri e insegnare loro la retta via.

Rossana Rossanda, che già nelle sue generalità era un agitarsi di bandiere rosse, merita il rispetto che si deve a una combattente delle sue idee, coerente nonostante le incoerenze dei suoi passaggi, messaggera di una rivoluzione che non vide mai la luce. In compenso fece vedere agli altri l’inferno.

MV, La Verità 22 settembre 2020

Fonte

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Verità senza più diritti, così cambia la dottrina, cari pompieri

      di Stefano Fontana. Molti cattolici dicono che la richiesta di papa Francesco di riconoscere giuridicamente le coppie omosessuali non intacca la dottrina. Ma la frase non nega solo la dottrina sull’omosessualità, ma anche la dottrina del diritto e dell’autorità politica. I diritti della coppia omosessuale non esistono. A nessuno fa piacere dire che il Papa sbaglia su questioni di dottrina. Ma anche la verità ha i suoi diritti. Leggi il seguito…

    • Dopo il Papa, primi vescovi allo scoperto. Serve chiarezza

      di Luisella Scrosati. Le parole di Papa Francesco sulle coppie gay stanno facendo uscire allo scoperto i primi vescovi: «Sì alle adozioni», dice il vescovo Ricchiuti. La Congregazione per la Dottrina della Fede deve intervenire e mettere in fuga ogni dubbio, è il suo compito e c'è anche già un precedente. L’errore di una possibile accettazione da parte della Chiesa delle unioni civili è stato diffuso dal Papa e ora è necessario fare chiarezza. La richiesta della Bussola.  Leggi il seguito…

    • Marcello Pera: “Così Bergoglio ci manda tutti a fondo”

      L'ex presidente del Senato commenta le frasi del Papa sugli omosessuali: “Francesco laicizza la chiesa, si adegua a un caposaldo del pensiero secolare odierno" “Che due omosessuali si uniscano in una relazione non semina scandalo. Si tratta di un rapporto di amore, amicizia, reciproco sostegno, che non deve essere discriminato e ancor meno penalizzato”. Marcello Pera, già presidente del Senato, intellettuale laico che per anni ha dialogato con Joseph Ratzinger, commenta con il Foglio le frasi di Papa Francesco sugli omosessuali contenute nel documentario presentato ieri alla Festa del Cinema di Roma. “Però – puntualizza – se questa unione si chiama ‘famiglia’, allora è un matrimonio, e se è un matrimonio, oltre che un sacramento, è un contratto che gode di tutti i diritti connessi, compreso quello ad avere figli, che nel caso di omosessuali si può soddisfare solo con l’utero in affitto”. Leggi il seguito…

    • Francesco non parlava dei gay ma del loro “diritto al figlio”. Ed è molto peggio

      di Idefix. In un certo senso è vero: papa Francesco non ha detto quello che molti pensano abbia voluto dire. Purtroppo ha detto molto di peggio. Non si tratta “soltanto” dell’invito al riconoscimento giuridico delle unioni omosessuali, fatto già abbastanza clamoroso per un Pontefice. Tantomeno si tratta del riferimento ai diritti individuali delle persone conviventi, indipendentemente dalla natura del loro rapporto: una legge del genere verrebbe approvata in cinque minuti all’unanimità. Men che mai le incaute dichiarazioni rilanciate dal documentario presentato in queste ore possono essere derubricate come una preoccupazione per il diritto degli omosessuali a non essere rifiutati dalla propria famiglia d’origine (ci mancherebbe). Leggi il seguito…