BBC a causa dei tamponi la pandemia è sovrastimata

di Marco Tosatti.

Il test principale usato per diagnosticare il coronavirus è così sensibile che potrebbe raccogliere frammenti di virus morti, provenienti da vecchie infezioni, dicono gli scienziati. La maggior parte delle persone sono infettive solo per circa una settimana, ma potrebbero risultare positive settimane dopo. I ricercatori dicono che questo potrebbe portare a una sovrastima delle attuali dimensioni della pandemia. Il Prof. Carl Heneghan ha detto che invece di dare un risultato “sì/no” basato sull’eventuale individuazione di un virus, i test dovrebbero avere un punto di interruzione in modo che quantità molto piccole di virus non inneschino un risultato positivo. Egli ritiene che il rilevamento di tracce di vecchi virus potrebbe in parte spiegare perché il numero di casi è in aumento mentre i ricoveri ospedalieri rimangono stabili

*************

Cari amici e nemici di Stilum Curiae, tempo fa abbiamo pubblicato la traduzione di un interessante articolo del New York Times sulla reale utilità dei tamponi anti-Covid per combattere la diffusione; e ancora però io – forse sono io, un po’ lento – non riesco a capire se e quanto i positivi asintomatici possano realmente diffondere il virus. Un piccolo dettaglio, se volete, ma tutt’altro che indifferente per quello che riguarda l’esistenzadi molte persone. E il fatto che non si riesca ad avere una risposta netta, chiara e univoca su questo tema la dice lunga sui limiti della nostra conoscenza.  Oggi vi offriamo un’altra traduzione, questa volta di un articolo della BBC (fonte che anche i Konformi dovrebbero riconoscere come autorevole) sempre sul problema dei tamponi. Riguarda la Gran Bretagna, ma abbiamo fenomeni analoghi qui. Un problema. Che non è un problema insignificante, posto che i nostri dott. Stranamore parlano di centinaia di migliaia di tamponi futuri nelle nostre vite. Buona lettura.

  • §§

Il test principale usato per diagnosticare il coronavirus è così sensibile che potrebbe raccogliere frammenti di virus morti, provenienti da vecchie infezioni, dicono gli scienziati.

La maggior parte delle persone sono infettive solo per circa una settimana, ma potrebbero risultare positive settimane dopo.

I ricercatori dicono che questo potrebbe portare a una sovrastima delle attuali dimensioni della pandemia.

Ma alcuni esperti dicono che è incerto come si possa produrre un test affidabile che non rischi di far perdere dei casi.

Il Prof. Carl Heneghan, uno degli autori dello studio, ha detto che invece di dare un risultato “sì/no” basato sull’eventuale individuazione di un virus, i test dovrebbero avere un punto di interruzione in modo che quantità molto piccole di virus non inneschino un risultato positivo.

Egli ritiene che il rilevamento di tracce di vecchi virus potrebbe in parte spiegare perché il numero di casi è in aumento mentre i ricoveri ospedalieri rimangono stabili.

Il Centre for Evidence-Based Medicine dell’Università di Oxford ha esaminato le prove di 25 studi in cui campioni di virus provenienti da test positivi sono stati messi in una piastra di Petri per vedere se sarebbero cresciuti.

Questo metodo di “coltura virale” può indicare se il test positivo ha raccolto un virus attivo che può riprodursi e diffondersi, o solo frammenti di virus morti che non cresceranno in laboratorio, o in una persona.

Questo è un problema che conosciamo fin dall’inizio – e ancora una volta illustra perché i dati su Covid sono tutt’altro che perfetti.

Ma che differenza fa? Quando il virus è emerso per la prima volta probabilmente molto poco, ma più a lungo la pandemia si protrae, più grande è l’effetto.

La raffica di informazioni sui test e il numero R crea confusione.

Ma comunque la prendiamo, resta il fatto che i livelli di infezione nel Regno Unito sono complessivamente molto bassi, inferiori a quelli di molti altri paesi europei.

Dove ci sono epidemie locali il sistema – in generale – sembra avere successo nel frenarle.

E questo avviene dopo l’apertura della società durante l’estate.

Naturalmente, la grande domanda è cosa succederà dopo, con le scuole che tornano e l’inverno dietro l’angolo.

C’è una crescente sensazione all’interno della comunità sanitaria pubblica che il Regno Unito sia in una posizione di forza – e certamente un ritorno agli alti livelli di infezione visti in primavera dovrebbe essere evitato.

Come viene diagnosticata il Covid?

Il test con tampone PCR – il metodo diagnostico standard – utilizza sostanze chimiche per amplificare il materiale genetico del virus in modo da poterlo studiare.

Il campione da analizzare deve passare attraverso un certo numero di “cicli” in laboratorio prima che venga recuperato un numero sufficiente di virus.

Quanti di questi possono indicare la quantità di virus – sia che si tratti di piccoli frammenti o di molti virus interi.

Questo a sua volta sembra essere collegato alla probabilità che il virus sia infettivo – i test che devono passare attraverso più cicli hanno meno probabilità di riprodursi quando vengono coltivati in laboratorio.

Ma quando si esegue un test per il coronavirus, si ottiene una risposta “sì” o “no”. Non c’è alcuna indicazione di quanto virus fosse presente nel campione o di quanto fosse probabile che si trattasse di un’infezione attiva.

Una persona che sparge una grande quantità di virus attivo, e una persona con frammenti residui di un’infezione che è già stata eliminata, riceverà lo stesso risultato – positivo – del test.

Ma il professor Heneghan, l’accademico che ha notato una stranezza nel modo in cui sono stati registrati i decessi, che ha portato l’Inghilterra della sanità pubblica a riformare il suo sistema, dice che l’evidenza suggerisce che nel coronavirus “l’infettività sembra diminuire dopo circa una settimana”.

Ha aggiunto che mentre non sarebbe possibile controllare ogni test per vedere se c’era un virus attivo, la probabilità di risultati falsi positivi potrebbe essere ridotta se gli scienziati potessero capire dove dovrebbe essere il punto di interruzione.

In questo modo si potrebbe evitare che le persone ricevano un risultato positivo sulla base di una vecchia infezione.

Fonte

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Amy Coney Barrett: l’originalismo, la separazione dei poteri e i limiti all’arbitrio interpretativo dei giudici

      di Bilbo Baggings. Cos’è l’originalismo testualista, corrente interpretativa, di cui è esponente la giudice Amy Coney Barrett, appena indicata da Trump alla Corte Suprema, in sostituzione dell’icona liberal Ruth Bather Ginsbug? Leggi il seguito…

    • Se la Chiesa diventa ancella dell’ONU

      di Stefano Fontana. Covid, globalismo e sovranismo, vaccini, clima: nel suo Messaggio alle Nazioni Unite per il 75esimo della fondazione, papa Francesco affronta temi attuali ma adeguandosi al sentire dominante, senza alcun rilievo originale ispirato alla Dottrina sociale della Chiesa. Leggi il seguito…

    • Il peccato originale della Barrett? Essere cattolica senza essere “adulta”

      di Eugenia Roccella. Per i democratici americani e per i media di casa nostra Amy Coney Barrett, la candidata proposta da Trump, non è adatta a diventare giudice della Corte Suprema americana, perché cattolica. “Il dogma vive dentro di lei”, disse con tono apocalittico una senatrice democratica, Dianne Feinstein, e tutti oggi citano quella frase, sottolineando come la Barrett sia contraria all’aborto a causa della sua fede. Leggi il seguito…

    • Super ex: Roma vaticana assomiglia a una corte pagana…

      di Marco Tosatti. Bergoglio ha governato 7 anni con il pugno di ferro verso i nemici (i cattolici fedeli al I comandamento, quelli convinti che “non uccidere l’innocente” sia ancora valido ecc…) e lasciando briglia sciolta ai presunti “amici”. Ora però accade che i suoi presunti amici, ora che il Capo non è più onnipotente, ma declinante, siano non solo ingombranti, ma anche divisi tra loro: le spartizioni non sono mai facili, tra briganti, e i regolamenti di conti, le vendette,  prima o poi arrivano Leggi il seguito…