L’infettivologia contro i virus ha sempre raccomandato l’aria aperta. Cosa è cambiato questa volta?

Molteplici le reazioni all’Audizione tenuta presso il Senato su «Covid-19 in Italia, tra informazione, scienza e diritti» del 27 Luglio u.s.

Massimo Galli, infettivologo di fama,
Direttore del Dipartimento di Scienze biomediche e cliniche
dell’Ospedale “Luigi Sacco” di Milano

Ne è stata data frequente notizia facendo leva sull’emotività. Sto cercando di dare voce e di stimolare l’interesse ai contenuti in modo quanto mai obiettivo.

Premetto il mio rammarico circa il fatto che più persone abbiano frainteso le parole e le intenzioni dell’ospite d’onore, il Maestro Andrea Bocelli, il quale ha voluto anche scusarsi in un successivo video per aver involontariamente “offeso” qualcuno al di là di ogni sua intenzione.

“Qualcuno” si è sentito offeso nel suo vissuto. Ma chi chiederà scusa al Maestro Bocelli, che, con tutta la sua famiglia, ha pagato alla situazione di emergenza una dura fatica non meno di tanti altri?

Ciò a parte, occorre ribadire che i mezzi di comunicazione, circa l’Audizione, ha messo in evidenza più polemiche che contenuti.

Presentiamo qui, invece, un passaggio saliente dell’intervento della Virologa, Direttrice del Laboratodio di Microbiologia del Sacco di Milano, insiegnita dell’Ambrogino d’oro e con all’attivo attività anche all’estero e pubblicazioni specializzate, docente universitaria, Prof. ssa Maria Rita Gismodo, collega del Direttore del Dipartimento di Scienze biomediche e cliniche dell’Ospedale “Luigi Sacco” di Milano, Prof. Massimo Galli.

Mettiamo da parte i vissuti e ascoltiamo le informazioni effetive, con particolare attenzione alla differenza fondamentale tra contagiato e malato, molto trascurata dai mezzi di comunicazione, e al grave tema delle modificazioni genetiche connesse al vaccino, problema del quale anche i cosiddetti complottisti parlano, ma che ha un fondamento effettivamente scientifico.

Dr. ssa Maria Rita Gismodo,  direttrice del laboratorio di microbiologia dell’ospedale Sacco di Milano e docente universitaria, direttrice del laboratorio di microbiologia dell’ospedale Sacco di Milano
Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Il lento smottamento dell’Europa dei Trattati senza Costituzione, senza radici e senza classe dirigente

      di Giulio Sapelli. Tutto sta franando. È un movimento lento, uno smottamento che investe tutto il mondo e trasforma insediamenti umani stabili in grumi di aggregazioni a frattali, sottoposti a quella polverizzazione argillosa che divide, biforca e che di fatto innerva di nuovo il tragico (perché disperato e sempre incompiuto) sogno gollista di un’Europa politica e militare dall’Atlantico agli Urali. Del resto rimane l’unico disegno per costruire un’Europa potenza marittima, ossia talassocratica, e quindi potenza mondiale non soffocata tra l’incubo dell’accerchiamento tedesco e il pescar nel mortaio di medie potenze regionali costrette a politiche internazionali di mediazione che altro non fanno che indebolire le medie potenze così costantemente divise. Questo significa multiple alleanze in contemporanea: è una gerarchia tra vassalli di media potenza senza un impero e senza un imperatore. Leggi il seguito…

    • Con Francesco il rovesciamento della sussidiarietà

      di Paolo Bellavite. Da un confronto tra quattro encicliche sociali che hanno affrontato il tema della sussidiarietà e quindi del rapporto fra Stato e corpi intermedi, si ricava che la concezione espressa in Fratelli Tutti è diametralmente opposta a quella proposta da Leone XIII, Giovanni XXIII e Giovanni Paolo II. Leggi il seguito…

    • La Federazione e il Centrodestra che verrà

      di Giovanni Toti. Bene ha fatto l’amico Matteo Salvini a cogliere il suggerimento che gli avevamo dato all’indomani delle elezioni regionali e a lanciare un sasso nello stagno di un centrodestra che ha bisogno di essere ripensato. Il tempo è giusto: dopo la guerra al Covid, arriverà il dopoguerra, con tutta la sua voglia di ricostruire, di cambiare, di tornare a crescere e lavorare, di costruire un Paese migliore. Leggi il seguito…

    • Ambientalismo e globalismo, le ideologie più pericolose

      di Stefano Fontana. L’ambientalismo è una grande bolla ideologica, il globalismo è un’etica dell’umanità con pochi e generici principi morali per una religione universale senza dogmi e dottrine. A questo progetto inquietante sta dando il proprio appoggio anche la Chiesa cattolica. Il dodicesimo Rapporto dell’Osservatorio Cardinale Van Thuân è dedicato a Ambientalismo e globalismo, le due ideologie più pericolose del momento, che puntano a convergere su un unico piano politico mondiale. Leggi il seguito…