L’infettivologia contro i virus ha sempre raccomandato l’aria aperta. Cosa è cambiato questa volta?

Molteplici le reazioni all’Audizione tenuta presso il Senato su «Covid-19 in Italia, tra informazione, scienza e diritti» del 27 Luglio u.s.

Massimo Galli, infettivologo di fama,
Direttore del Dipartimento di Scienze biomediche e cliniche
dell’Ospedale “Luigi Sacco” di Milano

Ne è stata data frequente notizia facendo leva sull’emotività. Sto cercando di dare voce e di stimolare l’interesse ai contenuti in modo quanto mai obiettivo.

Premetto il mio rammarico circa il fatto che più persone abbiano frainteso le parole e le intenzioni dell’ospite d’onore, il Maestro Andrea Bocelli, il quale ha voluto anche scusarsi in un successivo video per aver involontariamente “offeso” qualcuno al di là di ogni sua intenzione.

“Qualcuno” si è sentito offeso nel suo vissuto. Ma chi chiederà scusa al Maestro Bocelli, che, con tutta la sua famiglia, ha pagato alla situazione di emergenza una dura fatica non meno di tanti altri?

Ciò a parte, occorre ribadire che i mezzi di comunicazione, circa l’Audizione, ha messo in evidenza più polemiche che contenuti.

Presentiamo qui, invece, un passaggio saliente dell’intervento della Virologa, Direttrice del Laboratodio di Microbiologia del Sacco di Milano, insiegnita dell’Ambrogino d’oro e con all’attivo attività anche all’estero e pubblicazioni specializzate, docente universitaria, Prof. ssa Maria Rita Gismodo, collega del Direttore del Dipartimento di Scienze biomediche e cliniche dell’Ospedale “Luigi Sacco” di Milano, Prof. Massimo Galli.

Mettiamo da parte i vissuti e ascoltiamo le informazioni effetive, con particolare attenzione alla differenza fondamentale tra contagiato e malato, molto trascurata dai mezzi di comunicazione, e al grave tema delle modificazioni genetiche connesse al vaccino, problema del quale anche i cosiddetti complottisti parlano, ma che ha un fondamento effettivamente scientifico.

Dr. ssa Maria Rita Gismodo,  direttrice del laboratorio di microbiologia dell’ospedale Sacco di Milano e docente universitaria, direttrice del laboratorio di microbiologia dell’ospedale Sacco di Milano
Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Amy Coney Barrett: l’originalismo, la separazione dei poteri e i limiti all’arbitrio interpretativo dei giudici

      di Bilbo Baggings. Cos’è l’originalismo testualista, corrente interpretativa, di cui è esponente la giudice Amy Coney Barrett, appena indicata da Trump alla Corte Suprema, in sostituzione dell’icona liberal Ruth Bather Ginsbug? Leggi il seguito…

    • Se la Chiesa diventa ancella dell’ONU

      di Stefano Fontana. Covid, globalismo e sovranismo, vaccini, clima: nel suo Messaggio alle Nazioni Unite per il 75esimo della fondazione, papa Francesco affronta temi attuali ma adeguandosi al sentire dominante, senza alcun rilievo originale ispirato alla Dottrina sociale della Chiesa. Leggi il seguito…

    • Il peccato originale della Barrett? Essere cattolica senza essere “adulta”

      di Eugenia Roccella. Per i democratici americani e per i media di casa nostra Amy Coney Barrett, la candidata proposta da Trump, non è adatta a diventare giudice della Corte Suprema americana, perché cattolica. “Il dogma vive dentro di lei”, disse con tono apocalittico una senatrice democratica, Dianne Feinstein, e tutti oggi citano quella frase, sottolineando come la Barrett sia contraria all’aborto a causa della sua fede. Leggi il seguito…

    • Super ex: Roma vaticana assomiglia a una corte pagana…

      di Marco Tosatti. Bergoglio ha governato 7 anni con il pugno di ferro verso i nemici (i cattolici fedeli al I comandamento, quelli convinti che “non uccidere l’innocente” sia ancora valido ecc…) e lasciando briglia sciolta ai presunti “amici”. Ora però accade che i suoi presunti amici, ora che il Capo non è più onnipotente, ma declinante, siano non solo ingombranti, ma anche divisi tra loro: le spartizioni non sono mai facili, tra briganti, e i regolamenti di conti, le vendette,  prima o poi arrivano Leggi il seguito…