Leader dell’opposizione sotto processo e stato d’emergenza: un binomio che allontana l’Italia dalle democrazie occidentali

di Daniele Meloni.

Dalla caccia alle streghe lombarda passando per i processi a Salvini, la magistratura che vuole decidere chi può governare e chi no, e la sinistra che ancora una volta ricorre all’uso politico della giustizia per eliminare gli avversari

Con il voto di ieri, che autorizza il processo a Matteo Salvini per la vicenda Open Arms, il Senato è riuscito a scrivere l’ennesima pagina nera nel rapporto tra politica e giustizia. In un sol colpo il Parlamento ha chinato la testa di fronte al protagonismo dei giudici, ha mandato in pasto al circo mediatico-giudiziario il leader del primo partito italiano, e ha dato nuove munizioni per la “Bella Estate” della Procure che questa settimana hanno riservato tutte le loro premure ai leader dell’opposizione.

Dalla caccia alle streghe lombarda passando per i processi a Salvini, reo – pensate un po’! – di voler fare rispettare una legge dello Stato quando era ministro, stiamo assistendo a una vera e propria invasione, una “judicialisation of politics” come non si vedeva dai tempi di Tangentopoli.

Non è un caso che una delle poche scene edificanti di ieri – durante una seduta del Senato che non si distinguerà certo per quella che spesso i commentatori definiscono “haute politique” – sia stata quella dell’abbraccio tra il leader della Lega e la senatrice forzista Stefania Craxi, figlia di Bettino, di cui Salvini ha ereditato, ahilui, la persecuzione giudiziaria.

Ecco allora che mentre la maggioranza punta palesemente a eliminare il leader più votato alle ultime elezioni europee, dando giustificazioni implausibili al suo intento, il centrodestra si ritrova nella sua posizione abituale degli ultimi trent’anni: quella di vittima della magistratura di sinistra che vuole mettere il cappello sul sistema politico italiano e decidere chi può governare e chi no.

D’altronde, l’incontro tra la cultura piercamillodavighista dei 5 Stelle, quella giacobina della sinistra e quella cinicamente utilitarista dei renziani non poteva che produrre il governo più giustizialista della storia della Repubblica.

Il tutto mentre sulla grande stampa e in tv si fanno le pulci all’operato del presidente Fontana ma si tace sulla fornitura di mascherine misteriosamente scomparsa ordinata dal presidente della Regione Lazio e segretario del Pd Zingaretti; si tace sull’ospedale specializzato Covid di De Luca in Campania costato 7 milioni ai contribuenti e rimasto sempre vuoto; si dedicano trafiletti all’ex ministro Lotti, che va a processo per il caso Consip. E soprattutto, si finge di dimenticare che ad avallare le azioni di Salvini fu tutto il governo di allora, a maggioranza 5 Stelle, con l’odierno idolo progressista Giuseppe Conte nel ruolo di presidente del Consiglio. E si parla di un anno fa, non di un secolo.

La sinistra brinda a champagne per aver mandato Salvini a processo ma non si illuda: il suo cin-cin non è d’annata, sa di tappo. Non c’è mai da essere fieri della propria democrazia quando si fanno 27 indagini sulla sanità gestita dal primo partito dell’opposizione; quando si fa leva sull’odio sociale e sull’invidia per mettere le mani su una Regione dove da sempre gli elettori rifiutano di votare a sinistra; quando si cerca con ogni mezzo di sbarazzarsi di chi – se si andasse al voto – finirebbe dritto dritto a Palazzo Chigi al posto di chi, un voto, non lo ha mai preso nemmeno da un’assemblea di condominio.

Ventotto anni dopo l’inizio della “terreur” tangentopolara, l’Italia si ritrova di nuovo punto e a capo: la politicizzazione della giustizia è ancora il fattore decisivo e dominante della nostra vita pubblica. Nelle altre democrazie occidentali non funziona così. Ieri a Palazzo Madama si è confermata una tendenza: per riportare il Paese al ruolo che le compete tra le grandi democrazie liberali servirà ancora molto tempo.

Fonte: Atlantico Quotidiano

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Conte e la Massoneria, il siparietto rivelatore

      di Angela Pellicciari. Il divertente siparietto rivelatore a Carta Bianca con Mieli, Lerner e Cacciari sull'energia invicibile di Conte e sulla Massoneria, appena accennata, ma sufficiente per capire.  Per chi, come me, ha passato del tempo ad occuparsi di massoneria (I papi e la massoneria Ares 2007), la scanzonata sceneggiata andata in scena il 12 gennaio a Cartabianca ha qualcosa di surreale. Leggi il seguito…

    • Sì ai vermi da mangiare, l’Ue accelera sull’ideologia verde

      di Luca Volonté. Secondo un parere dell’Agenzia europea per la sicurezza alimentare (Efsa), il verme giallo della farina è un nutrimento proteico e sicuro, basta avvisare i consumatori sui rischi allergenici. La commercializzazione ora è più vicina. Esultano i produttori del cibo a base di insetti. E va avanti la “rivoluzione verde” spinta da von der Leyen e compagni. Leggi il seguito…

    • La presunzione “statuale” dei giganti del web e la “lotta all’odio” come resistenza delle élite in declino

      di Antonio Pilati. La libertà d’espressione, un architrave delle democrazie consolidate, è sotto minaccia in molti Stati occidentali: l’insidia è doppia e proviene da due diverse fonti, una tecnica, l’altra sociale. Quella tecnica riguarda le piattaforme, ovvero gli ambienti immateriali che con i loro costrutti operativi – app, motori di ricerca, cluster – potenziano e trasformano la vita collettiva mentre la sganciano dall’interazione fisica. Quella sociale deriva da una capillare e articolata ideologia che sempre più coinvolge l’opinione pubblica. Leggi il seguito…

    • Disonora il padre e la madre

      di Marcello Veneziani. Genitore 1 a genitore 2, passo e chiudo la famiglia. Non è una comunicazione in codice della Volante ma è il nuovo codice della famiglia, già adottato in mezza Europa e ora negli Stati Uniti e ripristinato in questi giorni da noi da questo governo (come annunciato dal ministro dell’Interno Luciana Lamorgese, sulla carta d’identità dei minori tornerà la dicitura “genitore 1 e genitore 2”); noi che siamo provinciali e ci adeguiamo sempre “all’estero”, come dicono gli idioti, ma in differita. La cancel culture non cancella solo i grandi del passato, ma anche la madre e il padre. La famiglia finisce in coda, prendi il numeretto e ti metti in fila. Magari sarà previsto anche un genitore 3, 4, e così via o i genitori decimali, dopo la virgola. Non importa il sesso e l’effettivo rapporto col minore, basta avere i numeri. Leggi il seguito…