Il bene comune anche in povertà

Dottrina sociale di Stefano Fontana.

Uno dei concetti fondamentali della Dottrina sociale della Chiesa è quello di bene comune.  Esso è però anche il più frainteso. Di solito lo si fa coincidere con il benessere economico e dei servizi. La socialdemocrazia ha cercato di unire i due termini – benessere economico e servizi – e ha dato vita allo Stato sociale o anche detto “del benessere”. Il benessere è quindi solitamente inteso in senso economico e poi anche nel senso di un sistema burocratico che soddisfa i bisogni e i desideri dei cittadini. La sintesi dei due elementi sarebbe la “società opulenta” di oggi, un grande sistema assicurativo pagato con le tasse di tutti.

Uno dei modi più efficaci di precisare il concetto di bene comune, liberandolo da questo (e da altri) equivoci è di chiederci: il bene comune è possibile in situazione di povertà diffusa? E siccome la risposta è sì, allora la visione del bene comune come benessere è sbagliata o priva di fondamento. Dire che il bene comune sia possibile anche in situazione di povertà risulta oggi scandaloso e inaccettabile, vediamo allora di approfondire il tema.

Un primo modo per farlo è di esaminare la situazione dei Paesi ad alto livello di benessere economico e sociale. Per fare questo, di solito l’attenzione si sposta sui Paesi del nord Europa ove la socialdemocrazia vista sopra ha prodotto una società opulenta, ossia ricca dal punto di vista economico e funzionale dal punto di vista dei servizi al cittadino. Facendo questa analisi, però, risulta evidente che quelle società sono ben lontane dal bene comune. Sono società disastrate, al di là dell’apparenza. Il privato e lo Stato hanno distrutto la famiglia, leggi permissive hanno giustificato qualsiasi comportamento immorale, l’irreligiosità ha raggiunto livelli di diffusione altissimi, una cultura nichilista impedisce di trovare un senso nelle relazioni sociali, i costumi privati sono molto inquinati, pur nel rispetto delle regole artificiali della vita pubblica. Non c’è quindi un rapporto essenziale tra ricchezza e servizi da un lato e bene comune dall’altro.

Un secondo modo è di esaminare, al contrario, la situazione delle società povere. Possiamo fare riferimento alle società dei nostri padri o dei nostri nonni, oppure a quelle di alcune aree del nostro Paese o del pianeta che possiamo ancora definire pre-moderne in quanto non hanno ancora conosciuto un accentuato sviluppo economico e in cui lo Stato non è ancora attrezzato per soddisfare tutti i bisogni e desideri dei cittadini. Facendo questo esame, apparirà con grande chiarezza che probabilmente in quelle situazioni la famiglia, le tradizioni, la solidarietà prossima dei corpi sociali intermedi, un senso religioso dell’esistenza, una moralità diffusa e condivisa, la continuità educativa tra le generazioni, il capitale sociale, la garanzia del legame con la legge naturale e così via sono molto più accentuati. Si può allora dire che in queste situazioni il bene comune è maggiormente perseguito che non nelle società che vivono nel benessere.

Con ciò non si vuole dire che bisogna desiderare di essere poveri, il pauperismo è una ideologia sbagliata e pericolosa, anche teologicamente oltre che socialmente. Né si vuole dire che certe situazioni di miseria e sottosviluppo non impediscano il bene comune in quanto ostacolano nelle persone la possibilità stessa di raggiungere i propri fini naturali. Si vuole invece sostenere che il fatto economico e materiale è solo strumentale e non è quindi in esso che consiste il bene comune, che è possibile anche in situazioni di povertà.

Con ciò si è raggiunto il significato vero del bene comune. Esso consiste nel favorire che le persone e i gruppi sociali possano raggiungere i loro fini naturali in modo che non ostacolino quelli soprannaturali. La distinzione tra bene comune “delle persone” e “dei gruppi sociali” è pleonastica, perché in fondo si tratta dello stesso bene comune. Il bene comune di una società coincide con il bene comune di ogni uomo di quella società, ossia quella società gode del bene comune quando tutti gli uomini possono raggiungere il loro bene, ossia il loro fine. Ora, i fini naturali dell’uomo e, ancor di più, quelli soprannaturali, possono essere raggiunti anche in situazione di povertà.

Certo che per poter fare questo discorso bisogna tornare a pensare che il bene comune abbia dei fondamenti naturali, ossia che ci sia nella società un ordine finalistico da conseguire. Quando si fanno le cose non rispettando questo ordine finalistico si compie una violenza e una ingiustizia anche se tali violenze e ingiustizie sono coperte d’oro.

Fonte: La nuova Bussola Quotidiana

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • In pellegrinaggio verso il santuario del mondo. Il cammino “Laudato si’” dei vescovi italiani

      Dottrina sociale di Stefano Fontana. I vescovi italiani se ne sono inventata un’altra. Ecco cosa dice il sito della CEI (Conferenza episcopale italiana): “Nasce in Italia il “Cammino Laudato si’”, una nuova via di pellegrinaggio che unisce la valorizzazione del territorio e un approccio esperienziale ai temi dell’ecologia integrale. A lanciare l’iniziativa è l’Ufficio Nazionale per i problemi sociali e il lavoro, in collaborazione con l’Ufficio nazionale per la pastorale del tempo libero, turismo e sport e la diocesi di Tursi-Lagonegro, in occasione del 25° anniversario del Progetto Policoro, voluto dalla Cei per formare i giovani ad evangelizzare il lavoro e a creare impresa”. Leggi il seguito…

    • Super ex: le morbide bastonate di Pell a Bergoglio

      di Marco Tosatti. Alla fine Bergoglio ha dovuto incontrare, obtorto collo, il cardinal Pell. E lo ha persino ringraziato. Chissà però quanti fulmini usciranno dalle sue labbra misericordiose, quando leggerà il diario del cardinale australiano (in uscita in America, promosso in Italia, con la pubblicazione di alcuni estratti, dal mensile Il Timone) Leggi il seguito…

    • Covid, una psicosi dell’Occidente anziano

      di Eugenio Capozzi. C'è una psicosi pandemica che non è più giustificata dall'emergenza sanitaria, ormai superata. Ma la paura del futuro, la rinuncia a vivere sono caratteristiche di società gerontocratiche e infertili, in cui la spinta vitale si è ormai quasi arrestata. Il panico da Covid è diventato un sintomo ed al contempo un propellente della loro decadenza. Leggi il seguito…

    • Un popolo di depressi e le famiglie ridotte a focolai

      di Marcello Veneziani. Per Natale avremo un bilancio di 40mila morti, 400mila ammalati e 40 milioni di depressi cronici, anche gravi. Il primo bilancio è terribile nella prossimità, cioè per le vittime, i loro familiari e conoscenti, ma nella media storica di 640mila decessi all’anno il dato si ridimensiona. Il secondo è oneroso per i pazienti, per i medici, per le strutture ospedaliere e di terapia intensiva. Ma il terzo, impalpabile, trascurato, riguarda i due terzi del popolo italiano. Non so cosa stia accadendo all’estero, non circolano le esperienze, non ci sono più viaggi, non sappiamo come stiano vivendo davvero gli altri popoli la pandemia-bis. Ma in Italia si è fatta insopportabile e il paese vive sull’orlo di una crisi di nervi. Crisi individuale benché di massa, crisi privata benché il cumulo di crisi private ne fa una gigantesca e pubblica. Non ha trovato il collettore per coagularsi, non ha ben focalizzato il target. Ma fiumi di lava scorrono sotterranei nel nostro paese, un ribollire di pozze, si vedono fumi e focolai dappertutto. Leggi il seguito…