Un grido al Senato: Verità, Libertà!

Mel Gibson, Braveheart – Cuore impavido – film del 1995

La scena del film Braveheart, che qui riprendo, non vuole certo paragonare l’Onorevole Vittorio Sgarbi all’eroe scozzese del sec. XIII, o la situazione politica italiana alle ingiustizie della monarchia inglese

dell’epoca, certo è che l’instaurarsi di un pensiero unico in ogni ambito della società è inquietante e sovente preoccupante e richiede da noi una riscossa responsabile.

Mentre ancora Conte invoca una proroga dello stato di emergenza, che scadrà alla fine di luglio, e la invoca in assenza di evidenti segni di pandemia, dunque, ingiustificabilmente, al Senato diversi Onorevoli (Sgarbi, Siri, Cassese, Ainis, Pittoni …) nella prospettiva di un Manifesto della Verità, promuovono, o vi partecipano con numerose personalità del mondo medico scientifico, una speciale Audizione. Non un dibattito, né un convegno, ma un ascolto sereno sulle problematiche inerenti il Covid 19 e Covid 19 connesse, offerto non dal Comitato Tecnico Scientifico, o dal Patto trasversale per la scienza, ma da voci di professionisti tanto attenti al fenomeno quanto emarginati dal Governo fin dall’inizio e non sappiamo perché.

Abbiamo assistito da mesi a un indottrinamento esercitato da parte di molta stampa e televisioni, oscurando ogni notizia, che non riguardasse il Covid, sia a livello nazionale che mondiale, ed anche di questo non si sa il perché, ma è ora di dare spazio a voci almeno di pari valore che quelle del Comitato. Voci come quella di Gismondi, Galli, Tarro, Silvestri (che non ha partecipato direttamente), Bassetti, Clementi, Zangrillo. Significativa anche la presenza di un cittadino noto per il suo prestigio artistico, quale Andrea Bocelli, anch’egli, tra l’altro, raggiunto dal contagio.

Ha presieduto l’On. Vittorio Sgarbi, noto per le sue intemperanze verbali, ma anche per le acute capacità intellettuali, cultura e coraggiose posizioni. Oggi, propongo la sua introduzione all’Audizione.

Introduzione al Convegno del 27 Luglio 2020 al Senato su Covid 19

Il Testo Unico di Pubblica Sicurezza proibisce di portare il volto coperto. le misure di emergenza impongono il contrario. E’ ora di scoprire il volto! Forse i Governanti si sono fatti anche loro prendere la mano dalla paura. Ma la paura non può assidersi al governo di una Nazione!

Università e Scuole sono state chiuse. Ma si sono riaperte le discoteche. Le chiese venivano chiuse mentre i bar antistanti potevano restare aperti … proibiti gli incontri politici e cuturali, o religiosi.

Il Rapporto ufficiale del Governo tedesco denunciò il Covid 19 come falso allarme globale e la Germania ha avuto ben meno malati e decessi che l’Italia o altri paesi. Intendiamoci e cerchiamo di leggere i dati con tutti i confronti necessari, tenendo conto delle variabili non indifferenti.

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Guadagnerai il pane con il sudore della fronte. Dalla cultura della domanda alla cultura dell’impegno

      di Daniel Passaniti. Raggiungere la piena occupazione e un’equa distribuzione della ricchezza presuppone che l’economia cresca in termini reali, che vi sia produzione e aumento della ricchezza, dal momento che nulla può essere distribuito se non lo si è prima prodotto mediate lavoro e sforzo. Ed ecco uno dei problemi dell’Argentina: la successione di governi populisti e demagogici che hanno enfatizzato il paradigma distributivo, ingiustamente ingigantendo il bilancio statale per perpetuare programmi di aiuto sociale, soffocando il settore produttivo che genera ricchezza, hanno abituato gran parte della società a ricevere un reddito senza alcuna contropartita, a chiedere e rivendicare senza fare gli sforzi necessari per ottenere, con i propri mezzi, un discreto livello di sussistenza. In questo modo, la povertà è stata trasformata in miseria consentita, se non voluta dal governo di turno. La cultura della domanda ha sostituito la cultura dello sforzo e diverse generazioni di argentini ne sono state vittime Leggi il seguito…

    • Il pensiero greco è parte integrante della fede cristiana. La storia della filosofia greca di Stefano Fontana

      di Silvio Brachetta. È vero che «filosofia», per l’umile Pitagora, è l’«amore della sapienza». È anche vero che qualcuno si azzardò – il gruppo dei sofisti – ad omettere il «filo» e a indicare se stesso come sophistés, sapiente. Ma questi eccessi di umiltà o di orgoglio oscurano la verità forse più grande che il pensiero greco avrebbe voluto tramandare: l’uomo ha la dignità, la vocazione, di accostare e convivere abitualmente con nulla di meno della sapienza. La scienza è grande, così come l’arte o la tecnica, ma la sapienza è più grande di ogni disciplina ed è l’unico vero cibo spirituale con cui l’anima può sopravvivere. Leggi il seguito…

    • Ddl Zan: non si tratta solo di una minaccia alla libertà di opinione

      di Fabio Fuiano. Tavolo di Lavoro sul dopo-coronavirus. L’unico modo per vincere questa battaglia è adottare il principio dell’agere contra: per cui alla falsità si deve opporre la verità e al vizio la virtù. Senza una strategia del genere non metteremo mai in discussione le fondamenta su cui si basano certe proposte di legge e continueremo a subire cocenti sconfitte, come è già accaduto in passato. Se oggi siamo arrivati ad una tale dissoluzione morale e sociale, lo dobbiamo ad una rinuncia del mondo cattolico ad essere militante in virtù di una difesa incondizionata della libertà che però, senza la verità perde totalmente di significato e si tramuta in schiavitù Leggi il seguito…

    • Com’è buono (e inetto) il Comitato degli scienziatoni

      di Andrea Zambrano. Dai verbali desecretati del Cts emerge la volontà di imporre le norme del lockdown come esperimento di intruppamento sociologico. L'incredibie vademecum ai bambini: sveglia, bagno, colazione, igiene personale, attività domestiche e scolastiche. È l'insopportabile pretesa, tipica di uno Stato totalitario, di togliere la libertà insegnando a mamma e papà a fare i genitori. Questo daily plan andrebbe studiato nelle università di tutto il mondo perché è la prova che il Cts altro non era che una scusa per disporre della nostra libertà e intelligenza. È un insulto alla nostra pazienza, un’insopportabile e moralistica presa per il naso da parte di signorinessuno che hanno la grande responsabilità di aver dettato al governo l'azzoppamento di questo Paese Leggi il seguito…