Un grido al Senato: Verità, Libertà!

Mel Gibson, Braveheart – Cuore impavido – film del 1995

La scena del film Braveheart, che qui riprendo, non vuole certo paragonare l’Onorevole Vittorio Sgarbi all’eroe scozzese del sec. XIII, o la situazione politica italiana alle ingiustizie della monarchia inglese

dell’epoca, certo è che l’instaurarsi di un pensiero unico in ogni ambito della società è inquietante e sovente preoccupante e richiede da noi una riscossa responsabile.

Mentre ancora Conte invoca una proroga dello stato di emergenza, che scadrà alla fine di luglio, e la invoca in assenza di evidenti segni di pandemia, dunque, ingiustificabilmente, al Senato diversi Onorevoli (Sgarbi, Siri, Cassese, Ainis, Pittoni …) nella prospettiva di un Manifesto della Verità, promuovono, o vi partecipano con numerose personalità del mondo medico scientifico, una speciale Audizione. Non un dibattito, né un convegno, ma un ascolto sereno sulle problematiche inerenti il Covid 19 e Covid 19 connesse, offerto non dal Comitato Tecnico Scientifico, o dal Patto trasversale per la scienza, ma da voci di professionisti tanto attenti al fenomeno quanto emarginati dal Governo fin dall’inizio e non sappiamo perché.

Abbiamo assistito da mesi a un indottrinamento esercitato da parte di molta stampa e televisioni, oscurando ogni notizia, che non riguardasse il Covid, sia a livello nazionale che mondiale, ed anche di questo non si sa il perché, ma è ora di dare spazio a voci almeno di pari valore che quelle del Comitato. Voci come quella di Gismondi, Galli, Tarro, Silvestri (che non ha partecipato direttamente), Bassetti, Clementi, Zangrillo. Significativa anche la presenza di un cittadino noto per il suo prestigio artistico, quale Andrea Bocelli, anch’egli, tra l’altro, raggiunto dal contagio.

Ha presieduto l’On. Vittorio Sgarbi, noto per le sue intemperanze verbali, ma anche per le acute capacità intellettuali, cultura e coraggiose posizioni. Oggi, propongo la sua introduzione all’Audizione.

Introduzione al Convegno del 27 Luglio 2020 al Senato su Covid 19

Il Testo Unico di Pubblica Sicurezza proibisce di portare il volto coperto. le misure di emergenza impongono il contrario. E’ ora di scoprire il volto! Forse i Governanti si sono fatti anche loro prendere la mano dalla paura. Ma la paura non può assidersi al governo di una Nazione!

Università e Scuole sono state chiuse. Ma si sono riaperte le discoteche. Le chiese venivano chiuse mentre i bar antistanti potevano restare aperti … proibiti gli incontri politici e cuturali, o religiosi.

Il Rapporto ufficiale del Governo tedesco denunciò il Covid 19 come falso allarme globale e la Germania ha avuto ben meno malati e decessi che l’Italia o altri paesi. Intendiamoci e cerchiamo di leggere i dati con tutti i confronti necessari, tenendo conto delle variabili non indifferenti.

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Il lento smottamento dell’Europa dei Trattati senza Costituzione, senza radici e senza classe dirigente

      di Giulio Sapelli. Tutto sta franando. È un movimento lento, uno smottamento che investe tutto il mondo e trasforma insediamenti umani stabili in grumi di aggregazioni a frattali, sottoposti a quella polverizzazione argillosa che divide, biforca e che di fatto innerva di nuovo il tragico (perché disperato e sempre incompiuto) sogno gollista di un’Europa politica e militare dall’Atlantico agli Urali. Del resto rimane l’unico disegno per costruire un’Europa potenza marittima, ossia talassocratica, e quindi potenza mondiale non soffocata tra l’incubo dell’accerchiamento tedesco e il pescar nel mortaio di medie potenze regionali costrette a politiche internazionali di mediazione che altro non fanno che indebolire le medie potenze così costantemente divise. Questo significa multiple alleanze in contemporanea: è una gerarchia tra vassalli di media potenza senza un impero e senza un imperatore. Leggi il seguito…

    • Con Francesco il rovesciamento della sussidiarietà

      di Paolo Bellavite. Da un confronto tra quattro encicliche sociali che hanno affrontato il tema della sussidiarietà e quindi del rapporto fra Stato e corpi intermedi, si ricava che la concezione espressa in Fratelli Tutti è diametralmente opposta a quella proposta da Leone XIII, Giovanni XXIII e Giovanni Paolo II. Leggi il seguito…

    • La Federazione e il Centrodestra che verrà

      di Giovanni Toti. Bene ha fatto l’amico Matteo Salvini a cogliere il suggerimento che gli avevamo dato all’indomani delle elezioni regionali e a lanciare un sasso nello stagno di un centrodestra che ha bisogno di essere ripensato. Il tempo è giusto: dopo la guerra al Covid, arriverà il dopoguerra, con tutta la sua voglia di ricostruire, di cambiare, di tornare a crescere e lavorare, di costruire un Paese migliore. Leggi il seguito…

    • Ambientalismo e globalismo, le ideologie più pericolose

      di Stefano Fontana. L’ambientalismo è una grande bolla ideologica, il globalismo è un’etica dell’umanità con pochi e generici principi morali per una religione universale senza dogmi e dottrine. A questo progetto inquietante sta dando il proprio appoggio anche la Chiesa cattolica. Il dodicesimo Rapporto dell’Osservatorio Cardinale Van Thuân è dedicato a Ambientalismo e globalismo, le due ideologie più pericolose del momento, che puntano a convergere su un unico piano politico mondiale. Leggi il seguito…