SCIENZA O LEGGI, PENSIERO O POLITICA, RELIGIONE, DIRITTI E DOVERI della persona nella società esigono libertà di pensiero e di espressione nel rispetto della Verità.

Da “La voce del Patriota”, 2 Luglio 2020

Mentre, dopo mesi di fatica, legati a quella che fu definita emergenza pandemica, tutti fummo messi alla prova nel lavoro, negli affetti, nei compiti educativi, la società è stata indotta a concentrare la propria attenzione solo sulla pandemia, tentando di persuadere che il bene della

salute, bene certo indisponibile, fosse “Il Bene”. Ma il mondo è andato avanti. Dalle manovre Nato nel Mediterraneo, alla guerra in Siria, alle velleità egemoniche di Erdoğan e alla Libia, ai morti per fame, come per mancate cure. E mentre ci eravamo distratti, abbiamo scambiato veri abusi di potere per scelte di tutela della persona, del cittadino, e leggi inique, proposte al Parlamento, -a lungo messo a tacere a norma di Costituzione-, giungevano ad ipotizzare premesse giuridiche prossime alla configurazione del reato d’opinione.

Ma c’è chi ha parlato, come la CEI, e chi ha agito, come diversi sacerdoti e molti laici. Le televisioni e la stampa hanno taciuto, o minimizzato, la rilevanza morale e di verità di dette premesse giuridiche.

 In Piazza Montecitorio, di fronte alla Camera dei Deputati: uomini e donne, famiglie con bambini, sacerdoti e religiosi, politici, hanno manifestato pacificamente, uniti da un’unico grido: libertà! 
(Da CitizenGO, 20 Luglio 2020)

Ascoltiamo due passaggi di due omelie di Don Lillo D’Ugo, che non ha taciuto.

Andata …

Don Lillo D’Ugo (Palermo)

… e ritorno

Don Lillo D’Ugo, con pacatezza, chiarisce ai dubbiosi e ai polemisti
Anche i promotori del disegno di legge stanno ripensando (Palermo)

Questo breve articolo, che trasmette la forza di una persona coraggiosa, sia utile spunto di riflessione, che attende al varco ogni cittadino e, specialmente, genitori, insegnanti, educatori, politici, ogni uomo di buona volontà, che voglia educare, specialmente all’interno di istituzioni a ciò preposte, come, in particolare, la scuola.

In vacanza con il corpo, ma non con la testa!

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Il lento smottamento dell’Europa dei Trattati senza Costituzione, senza radici e senza classe dirigente

      di Giulio Sapelli. Tutto sta franando. È un movimento lento, uno smottamento che investe tutto il mondo e trasforma insediamenti umani stabili in grumi di aggregazioni a frattali, sottoposti a quella polverizzazione argillosa che divide, biforca e che di fatto innerva di nuovo il tragico (perché disperato e sempre incompiuto) sogno gollista di un’Europa politica e militare dall’Atlantico agli Urali. Del resto rimane l’unico disegno per costruire un’Europa potenza marittima, ossia talassocratica, e quindi potenza mondiale non soffocata tra l’incubo dell’accerchiamento tedesco e il pescar nel mortaio di medie potenze regionali costrette a politiche internazionali di mediazione che altro non fanno che indebolire le medie potenze così costantemente divise. Questo significa multiple alleanze in contemporanea: è una gerarchia tra vassalli di media potenza senza un impero e senza un imperatore. Leggi il seguito…

    • Con Francesco il rovesciamento della sussidiarietà

      di Paolo Bellavite. Da un confronto tra quattro encicliche sociali che hanno affrontato il tema della sussidiarietà e quindi del rapporto fra Stato e corpi intermedi, si ricava che la concezione espressa in Fratelli Tutti è diametralmente opposta a quella proposta da Leone XIII, Giovanni XXIII e Giovanni Paolo II. Leggi il seguito…

    • La Federazione e il Centrodestra che verrà

      di Giovanni Toti. Bene ha fatto l’amico Matteo Salvini a cogliere il suggerimento che gli avevamo dato all’indomani delle elezioni regionali e a lanciare un sasso nello stagno di un centrodestra che ha bisogno di essere ripensato. Il tempo è giusto: dopo la guerra al Covid, arriverà il dopoguerra, con tutta la sua voglia di ricostruire, di cambiare, di tornare a crescere e lavorare, di costruire un Paese migliore. Leggi il seguito…

    • Ambientalismo e globalismo, le ideologie più pericolose

      di Stefano Fontana. L’ambientalismo è una grande bolla ideologica, il globalismo è un’etica dell’umanità con pochi e generici principi morali per una religione universale senza dogmi e dottrine. A questo progetto inquietante sta dando il proprio appoggio anche la Chiesa cattolica. Il dodicesimo Rapporto dell’Osservatorio Cardinale Van Thuân è dedicato a Ambientalismo e globalismo, le due ideologie più pericolose del momento, che puntano a convergere su un unico piano politico mondiale. Leggi il seguito…