SCIENZA O LEGGI, PENSIERO O POLITICA, RELIGIONE, DIRITTI E DOVERI della persona nella società esigono libertà di pensiero e di espressione nel rispetto della Verità.

Da “La voce del Patriota”, 2 Luglio 2020

Mentre, dopo mesi di fatica, legati a quella che fu definita emergenza pandemica, tutti fummo messi alla prova nel lavoro, negli affetti, nei compiti educativi, la società è stata indotta a concentrare la propria attenzione solo sulla pandemia, tentando di persuadere che il bene della

salute, bene certo indisponibile, fosse “Il Bene”. Ma il mondo è andato avanti. Dalle manovre Nato nel Mediterraneo, alla guerra in Siria, alle velleità egemoniche di Erdoğan e alla Libia, ai morti per fame, come per mancate cure. E mentre ci eravamo distratti, abbiamo scambiato veri abusi di potere per scelte di tutela della persona, del cittadino, e leggi inique, proposte al Parlamento, -a lungo messo a tacere a norma di Costituzione-, giungevano ad ipotizzare premesse giuridiche prossime alla configurazione del reato d’opinione.

Ma c’è chi ha parlato, come la CEI, e chi ha agito, come diversi sacerdoti e molti laici. Le televisioni e la stampa hanno taciuto, o minimizzato, la rilevanza morale e di verità di dette premesse giuridiche.

 In Piazza Montecitorio, di fronte alla Camera dei Deputati: uomini e donne, famiglie con bambini, sacerdoti e religiosi, politici, hanno manifestato pacificamente, uniti da un’unico grido: libertà! 
(Da CitizenGO, 20 Luglio 2020)

Ascoltiamo due passaggi di due omelie di Don Lillo D’Ugo, che non ha taciuto.

Andata …

Don Lillo D’Ugo (Palermo)

… e ritorno

Don Lillo D’Ugo, con pacatezza, chiarisce ai dubbiosi e ai polemisti
Anche i promotori del disegno di legge stanno ripensando (Palermo)

Questo breve articolo, che trasmette la forza di una persona coraggiosa, sia utile spunto di riflessione, che attende al varco ogni cittadino e, specialmente, genitori, insegnanti, educatori, politici, ogni uomo di buona volontà, che voglia educare, specialmente all’interno di istituzioni a ciò preposte, come, in particolare, la scuola.

In vacanza con il corpo, ma non con la testa!

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Karl Barth e la politica sudicia e malvagia

      Dottrina sociale di Stefano Fontana. Nel blog precedente ho ripreso alcune idee di Dietrich Bonhoeffer per mostrare come la teologia protestante non possa ammettere la Dottrina sociale della Chiesa e come abbia influito su questo punto anche sulla teologia cattolica. Era infatti inevitabile che la teologia cattolica, nel tentativo di intercettare i principi della modernità, si dovesse uniformare, più o meno, ai presupposti protestanti. Nel blog di oggi possiamo fare lo stesso esempio ma applicato a Karl Barth, considerato di gran lunga il più grande teologo luterano della storia recente. Con accentuazioni diverse da Bonhoeffer, anche Barth separa tra loro la vita pubblica e la fede, l’impegno politico e il cristianesimo. Leggi il seguito…

    • La priorità dei diritti sui doveri. In margine ad un libro di Stefano Fontana

      di Silvio Brachetta. Tavolo di Lavoro sulla Commissione Glendon. Stefano Fontana nel suo libro Per una politica dei doveri, dopo il fallimento della stagione dei diritti (Cantagalli, Siena 2006) presenta il principio della Dottrina sociale della Chiesa e della teologia morale in genere secondo cui c’è una priorità dei doveri sui diritti. Anche a seguito della “questione sociale” moderna, il magistero petrino, tra il XIX e il XX secolo, è tornato spesso sul rapporto tra diritti e doveri, rilevando «l’incongruenza grave di diritti senza precedenti doveri»[1]. Leggi il seguito…

    • Il Papa individua un altro nemico: silurato il cardinale Becciu

      di Nico Spuntoni. "Dimissionato" da Prefetto della Congregazione per le cause dei Santi e privato dei diritti connessi al Cardinalato. Questa è il duro provvedimento preso da papa Francesco nei confronti del cardinale Angelo Becciu. Il motivo non è stato spiegato ma si dà per scontato che riguardi lo scandalo legato all'acquisto di un palazzo a Londra, che ha già fatto cadere non poche teste eccellenti. Leggi il seguito…

    • M5S nel caos. Per i grillini conta solo la poltrona

      di Ruben Razzante. Di Maio punta sull’accordo organico con il Pd, Di Battista parla di sconfitta storica e invoca gli stati generali, Fico cerca di mediare e Grillo getta benzina sul fuoco. Ma se lui e il ministro degli Esteri cantano vittoria per il “sì” al referendum, perché il Movimento non accelera sulla legge elettorale così da rendere subito operativo il risparmio per il taglio dei parlamentari? Leggi il seguito…