Per la scuola è sempre più caos

di Angelica Stramazzi.

Da un governo che agisce in una fase di emergenza ci si aspetterebbe concretezza e serietà, dinamismo e pragmatismo. Ma sappiamo benissimo che così non è e l’esecutivo guidato da Giuseppe Conte non sa più che pesci pigliare. Basti pensare alle recenti dichiarazioni della ministra Lucia Azzolina che, nel corso di una visita ad un istituto comprensivo di Milano, ha sostenuto di voler far lavorare supplenti non ancora laureati nelle scuole materne ed elementari per ridurre la disoccupazione giovanile.

I soggetti interessati da tale misura sarebbero tutti gli iscritti ai corsi di Scienze della formazione primaria, non ancora in possesso della laurea appunto ma in grado di poter insegnare. Una scelta questa che ha subito ricevuto il niet del Consiglio superiore della Pubblica Istruzione e che ha generato molta perplessità in diversi esponenti politici. Ad esempio il leader di Azione Carlo Calenda su Twitter ha scritto che “un Paese che è diventato tra i più ignoranti in Europa ha giustamente un Ministro che è il più imbarazzante in Europa. Ma siccome è donna si deve dire sottovoce. Non credo che la parità si costruisca in questo modo”. Certo, si tratta di dichiarazioni personali che Calenda ha fatto e alle quali non serve accodarci perché da sempre sosteniamo che la parità di genere sia un obiettivo da raggiungere soprattutto in politica. Ma non è questo il punto.

Il nocciolo della questione sta altrove e risiede nel fatto che la scuola (e l’istruzione in sé) sta subendo duri contraccolpi, pratica questa che va avanti ormai da anni, come se il sapere fosse diventato qualcosa da bistrattare o – peggio ancora – da ridurre a brandelli. Introdurre supplenti non laureati per diminuire la disoccupazione giovanile non solo non risolve il problema di chi, pur avendo i titoli, è a casa in attesa di una cattedra; immettere chi non ha una laurea tra i banchi di scuola comporta una svalutazione di chi quella laurea ce l’ha già e ha sostenuto dei sacrifici rilevanti per poter raggiungere quel traguardo. Non è un caso che i maggiori atenei italiani stiano denunciando in queste settimane un calo vertiginoso dei nuovi iscritti, calo dovuto anche a ragioni economiche. La crisi infatti imperversa e le famiglie non riescono a pagare le rette o le tasse universitarie come dovrebbero; nonostante ciò, il nostro Paese vanta diversi centri del sapere fra i più illustri d’Europa.

Tuttavia chi ci governa sta riducendo la scuola e l’università in un diplomificio, senza tener conto che è in aula che si formano le nuove generazioni. Insomma, le recenti dichiarazioni della titolare del dicastero dell’Istruzione ci lasciano perplessi. E se una smentita non arriverà, ci auguriamo almeno che i prossimi provvedimenti siano maggiormente oculati e in linea con quello che è l’interesse generale del Paese.

Una boutade estiva si può perdonare, un’altra misura anacronistica no. Azzolina si ravveda e lavori per garantire la ripartenza del sistema scolastico a settembre perché il tempo è ormai scaduto.

Fonte: l’Occidentale

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Guadagnerai il pane con il sudore della fronte. Dalla cultura della domanda alla cultura dell’impegno

      di Daniel Passaniti. Raggiungere la piena occupazione e un’equa distribuzione della ricchezza presuppone che l’economia cresca in termini reali, che vi sia produzione e aumento della ricchezza, dal momento che nulla può essere distribuito se non lo si è prima prodotto mediate lavoro e sforzo. Ed ecco uno dei problemi dell’Argentina: la successione di governi populisti e demagogici che hanno enfatizzato il paradigma distributivo, ingiustamente ingigantendo il bilancio statale per perpetuare programmi di aiuto sociale, soffocando il settore produttivo che genera ricchezza, hanno abituato gran parte della società a ricevere un reddito senza alcuna contropartita, a chiedere e rivendicare senza fare gli sforzi necessari per ottenere, con i propri mezzi, un discreto livello di sussistenza. In questo modo, la povertà è stata trasformata in miseria consentita, se non voluta dal governo di turno. La cultura della domanda ha sostituito la cultura dello sforzo e diverse generazioni di argentini ne sono state vittime Leggi il seguito…

    • Il pensiero greco è parte integrante della fede cristiana. La storia della filosofia greca di Stefano Fontana

      di Silvio Brachetta. È vero che «filosofia», per l’umile Pitagora, è l’«amore della sapienza». È anche vero che qualcuno si azzardò – il gruppo dei sofisti – ad omettere il «filo» e a indicare se stesso come sophistés, sapiente. Ma questi eccessi di umiltà o di orgoglio oscurano la verità forse più grande che il pensiero greco avrebbe voluto tramandare: l’uomo ha la dignità, la vocazione, di accostare e convivere abitualmente con nulla di meno della sapienza. La scienza è grande, così come l’arte o la tecnica, ma la sapienza è più grande di ogni disciplina ed è l’unico vero cibo spirituale con cui l’anima può sopravvivere. Leggi il seguito…

    • Ddl Zan: non si tratta solo di una minaccia alla libertà di opinione

      di Fabio Fuiano. Tavolo di Lavoro sul dopo-coronavirus. L’unico modo per vincere questa battaglia è adottare il principio dell’agere contra: per cui alla falsità si deve opporre la verità e al vizio la virtù. Senza una strategia del genere non metteremo mai in discussione le fondamenta su cui si basano certe proposte di legge e continueremo a subire cocenti sconfitte, come è già accaduto in passato. Se oggi siamo arrivati ad una tale dissoluzione morale e sociale, lo dobbiamo ad una rinuncia del mondo cattolico ad essere militante in virtù di una difesa incondizionata della libertà che però, senza la verità perde totalmente di significato e si tramuta in schiavitù Leggi il seguito…

    • Com’è buono (e inetto) il Comitato degli scienziatoni

      di Andrea Zambrano. Dai verbali desecretati del Cts emerge la volontà di imporre le norme del lockdown come esperimento di intruppamento sociologico. L'incredibie vademecum ai bambini: sveglia, bagno, colazione, igiene personale, attività domestiche e scolastiche. È l'insopportabile pretesa, tipica di uno Stato totalitario, di togliere la libertà insegnando a mamma e papà a fare i genitori. Questo daily plan andrebbe studiato nelle università di tutto il mondo perché è la prova che il Cts altro non era che una scusa per disporre della nostra libertà e intelligenza. È un insulto alla nostra pazienza, un’insopportabile e moralistica presa per il naso da parte di signorinessuno che hanno la grande responsabilità di aver dettato al governo l'azzoppamento di questo Paese Leggi il seguito…