Omofobia, libertà e verità: la lezione di Ruini e Crepaldi

di Stefano Fontana.

Le parole del cardinale Camillo Ruini e dell’arcivescovo Giampaolo Crepaldi a proposito della legge Zan cosiddetta contro l’omotransfobia hanno brillato nel mare di silenzio degli altri vescovi e hanno riproposto con vivacità il modo di ragionare messo a punto da Benedetto XVI. Ambedue gli interventi hanno infatti una chiara impostazione ratzingeriana.

Il Cardinale Ruini aveva parlato della legge di prossima discussione parlamentare il 2 luglio, durante una tavola rotonda on line condotta con monsignor Nicola Bux e il senatore Gaetano Quagliariello e aveva ripreso il concetto di “dittatura del relativismo” elaborato con fini argomentazioni da papa Ratzinger: «In nome di alcune idee si ritiene non solo di poterle affermare, ma di criminalizzare idee diverse. E quindi un relativismo che diventa in realtà un assolutismo». Il relativismo – aveva insegnato Benedetto XVI – è contraddittorio per due motivi. Il primo è che non può essere né argomentato né dimostrato, dato che per farlo bisogna ritenere possibile dimostrare una verità, compresa quella secondo cui non esiste nessuna verità, ma questo è proprio quanto il relativismo vuole negare. Il secondo è che diventa necessariamente totalitario, impedendo non solo di dire le proprie opinioni, ma soprattutto di dire delle opinioni che abbiano la pretesa di essere vere, non solo opinioni ma verità. Il relativismo tollera tutte le opinioni, ma non tollera la verità. E la legge Zan ne è un esempio.

L’arcivescovo Crepaldi lo ha fatto con una sua Nota post missam di domenica scorsa 5 luglio. Anche secondo lui si tratta di “un’iniziativa legislativa che mette a rischio la libertà di espressione. Se si concede la possibilità di censurare giuridicamente e penalmente non delle offese, ma semplicemente delle opinioni e delle verità di ordine antropologico e morale diverse da quelle dei proponenti il Disegno di legge, come per esempio la differenza fra uomo e donna, allora veramente la nostra libertà  – quella di tutti, non solo quella dei cattolici – è in pericolo”.

Anche in questo caso si tratta sì della libertà di opinione, ma non solo, si tratta piuttosto della possibilità di esprimere una verità circa l’uomo e la donna e di fare riferimento ad un ordine. Ambedue gli interventi non si limitano a segnalare il pericolo per il diritto soggettivo di espressione, chiamiamolo il diritto in senso liberale, ma vanno più in profondità e indicano nella possibilità di riferirsi ad un ordine oggettivo della verità e del bene la vera garanzia della stessa libertà di espressione. Ciò che conta è la libertà della verità, o la libertà nella verità. Solo questa infatti, e non la mia semplice opinione, mi dà il dovere / diritto di oppormi al potere politico che compie il male o che confonde il bene e il male. È quanto diceva Giovanni Paolo II nella Centesimus annus: “il totalitarismo nasce dalla negazione della verità in senso oggettivo”.

C’è anche un altro punto interessante che accomuna gli interventi del cardinale Ruini e dell’arcivescovo Crepaldi. Si sa che la Conferenza episcopale italiana è intervenuta il 10 giugno scorso con una Nota per dire che una nuova legge non serve perché le discriminazioni sono già punite e approvarla aprirebbe ad una deriva liberticida. Si sa anche, però, che Avvenire prima di tutti, e poi molti altri giornali cattolici hanno battuto una strada diversa, aprendo ad una interlocuzione con la nuova legge.

Ora, il cardinale Ruini loda l’ìntervento della CEI e critica il comportamento ambiguo di Avvenire, sostenendo che «giornali cattolici continuano a essere piuttosto ambigui, a dire, “sì, è così, sotto un certo aspetto, però ci sono anche altre interpretazioni possibili”». E il vescovo Crepaldi considera “tempestiva e chiara la nota” dei vescovi, facendo indirettamente capire che né tempestivi né chiari sono stati altri interventi del mondo cattolico. Ad essere precisi, la Nota non era stata tempestiva, ma partorita a fatica dopo un lungo silenzio non ulteriormente giustificabile, era anche molto breve e si limitava a fare riferimento ad un generico diritto di espressione senza rivendicare i diritti della verità nella cosa pubblica. Per questo le sottolineature positive della Nota da parte dei due Prelati hanno il senso di stigmatizzare le incertezze del quotidiano dei vescovi più che lodare l’intervento CEI.

In altre parole mostrano una situazione di difficoltà interna alla Chiesa davanti all’ennesimo appuntamento con una legge distruttiva dell’umano. Oggi ci troviamo a usare parole di apprezzamento per questi interventi di due importanti personalità ecclesiastiche, come per tirare un sospiro di sollievo perché finalmente qualcuno parla, e questo è certamente segno di uno smarrimento di notevole portata, perché rimanda indirettamente ai tanti altri silenzi di uomini di Chiesa, alla palude ecclesiastica della maggioranza silenziosa.

Fonte: La nuova Bussola Quotidiana

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Guadagnerai il pane con il sudore della fronte. Dalla cultura della domanda alla cultura dell’impegno

      di Daniel Passaniti. Raggiungere la piena occupazione e un’equa distribuzione della ricchezza presuppone che l’economia cresca in termini reali, che vi sia produzione e aumento della ricchezza, dal momento che nulla può essere distribuito se non lo si è prima prodotto mediate lavoro e sforzo. Ed ecco uno dei problemi dell’Argentina: la successione di governi populisti e demagogici che hanno enfatizzato il paradigma distributivo, ingiustamente ingigantendo il bilancio statale per perpetuare programmi di aiuto sociale, soffocando il settore produttivo che genera ricchezza, hanno abituato gran parte della società a ricevere un reddito senza alcuna contropartita, a chiedere e rivendicare senza fare gli sforzi necessari per ottenere, con i propri mezzi, un discreto livello di sussistenza. In questo modo, la povertà è stata trasformata in miseria consentita, se non voluta dal governo di turno. La cultura della domanda ha sostituito la cultura dello sforzo e diverse generazioni di argentini ne sono state vittime Leggi il seguito…

    • Il pensiero greco è parte integrante della fede cristiana. La storia della filosofia greca di Stefano Fontana

      di Silvio Brachetta. È vero che «filosofia», per l’umile Pitagora, è l’«amore della sapienza». È anche vero che qualcuno si azzardò – il gruppo dei sofisti – ad omettere il «filo» e a indicare se stesso come sophistés, sapiente. Ma questi eccessi di umiltà o di orgoglio oscurano la verità forse più grande che il pensiero greco avrebbe voluto tramandare: l’uomo ha la dignità, la vocazione, di accostare e convivere abitualmente con nulla di meno della sapienza. La scienza è grande, così come l’arte o la tecnica, ma la sapienza è più grande di ogni disciplina ed è l’unico vero cibo spirituale con cui l’anima può sopravvivere. Leggi il seguito…

    • Ddl Zan: non si tratta solo di una minaccia alla libertà di opinione

      di Fabio Fuiano. Tavolo di Lavoro sul dopo-coronavirus. L’unico modo per vincere questa battaglia è adottare il principio dell’agere contra: per cui alla falsità si deve opporre la verità e al vizio la virtù. Senza una strategia del genere non metteremo mai in discussione le fondamenta su cui si basano certe proposte di legge e continueremo a subire cocenti sconfitte, come è già accaduto in passato. Se oggi siamo arrivati ad una tale dissoluzione morale e sociale, lo dobbiamo ad una rinuncia del mondo cattolico ad essere militante in virtù di una difesa incondizionata della libertà che però, senza la verità perde totalmente di significato e si tramuta in schiavitù Leggi il seguito…

    • Com’è buono (e inetto) il Comitato degli scienziatoni

      di Andrea Zambrano. Dai verbali desecretati del Cts emerge la volontà di imporre le norme del lockdown come esperimento di intruppamento sociologico. L'incredibie vademecum ai bambini: sveglia, bagno, colazione, igiene personale, attività domestiche e scolastiche. È l'insopportabile pretesa, tipica di uno Stato totalitario, di togliere la libertà insegnando a mamma e papà a fare i genitori. Questo daily plan andrebbe studiato nelle università di tutto il mondo perché è la prova che il Cts altro non era che una scusa per disporre della nostra libertà e intelligenza. È un insulto alla nostra pazienza, un’insopportabile e moralistica presa per il naso da parte di signorinessuno che hanno la grande responsabilità di aver dettato al governo l'azzoppamento di questo Paese Leggi il seguito…