Nati per amare. Un libretto di educazione all’affettività

Vi offriamo questo libretto, a cura del MpV , sull’educazione all’affettività. Perché è solo tramite un’ affettività sana ed ordinata che l’uomo e la donna possono realizzarsi.

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Il documento mondialista a firma della Chiesa

      di Stefano Fontana. Il Documento di lavoro della Settimana sociale dei cattolici italiani (dal 21 al 24 ottobre 2021), “Il pianeta che speriamo. Ambiente, lavoro, futuro. #tuttoèconnesso”, collega il Covid-19 con i cambiamenti climatici indotti dall’uomo e celebra i 17 obiettivi Onu per lo sviluppo sostenibile legati al controllo della popolazione, alla promozione dei “nuovi diritti” e ad una nuova morale religiosa. Monsignor Santoro firma così un documento infarcito dell'ideologia al potere. Leggi il seguito…

    • Il Messale e le modifiche che implicano il popolo

      di Riccardo Barile. Ciò che i fedeli percepiscono di più è l’Ordinario della Messa, ossia le parole che ricorrono in ogni celebrazione eucaristica. L’aggiunta di “sorelle” riguarda il Confesso e alcune monizioni, ma l’uso del linguaggio inclusivo non è stato generalizzato, evitando così esiti pesanti. Altre modifiche riguardano il Kyrie e, tra i ritocchi meglio riusciti, l’ostensione delle Sacre Specie prima della Comunione. Leggi il seguito…

    • Alla Corte Suprema inizia l’era Barrett: via le restrizioni al culto nello Stato di New York

      La Corte Suprema dell’era Amy Coney Barrett si fa sentire. Mentre in Italia discutiamo sull’orario di nascita di Gesù Bambino, il supremo organo giurisdizionale degli Stati Uniti, accogliendo il ricorso della diocesi cattolica di Brooklyn e dell’Agudath Israel of America, ha cancellato le restrizioni imposte dal governatore di New York, Andrew Cuomo, alle presenze nei luoghi di culto. Decisivo per il verdetto, pronunciato con una maggioranza di 5 a 4, il voto della neo giudice designata da Donald Trump. Leggi il seguito…

    • Utero artificiale: speranza per i prematuri o prove di nascita in laboratorio?

      di Eugenia Roccella. Rulli di tamburi annunciano che la ricerca sull’utero artificiale è a buon punto, e che l’Europa ha finanziato a questo scopo, con quasi 3 milioni di euro, l’università olandese di Eindhoven. A quanto sembra gli olandesi hanno sviluppato un modello che affermano possa essere sperimentato entro pochi anni, e la cui particolarità innovativa, rispetto alle vecchie incubatrici, è di mimare il più possibile il grembo materno. Il bambino sarà immerso nel liquido amniotico, nutrito tramite cordone ombelicale da una placenta (naturalmente artificiale) e sentirà persino il battito cardiaco della pseudo mamma. Leggi il seguito…