La vera pandemia si chiama “globalizzazione”

di Corrado Ocone.

Fra i tanti libri che stanno uscendo dopo la pandemia, quello di Francesco Borgonovo è sicuramente uno dei più suggestivi (La malattia del mondo. In cerca della cura per il nostro tempo, UTET) Si tratta di una riflessione a tutto campo sullo stato attuale del mondo, i cui tratti essenziali il virus ha confermato e anzi reso ancora più chiari e accelerato. L’acqua è l’elemento attorno a cui Borgonovo fa girare un po’ tutta la narrazione: essa indica fluidità, instabilità, precarietà, incertezza. È cioè l’elemento dominante nel nostro mondo “malato”, non di coronavirus solamente ma di una malattia più profonda. Questa patologia si chiama globalizzazione, e vive dell’abbattimento di ogni confine o frontiera: fra gli Stati, fra le culture, fra le idee, fra i generi sessuali

***************

Fra i tanti libri che stanno uscendo dopo la pandemia, quello di Francesco Borgonovo è sicuramente uno dei più suggestivi (La malattia del mondo. In cerca della cura per il nostro tempo, UTET) Si tratta di una riflessione a tutto campo sullo stato attuale del mondo, i cui tratti essenziali il virus ha confermato e anzi reso ancora più chiari e accelerato. Borgonovo, che è uno dei più importanti giornalisti italiani (attualmente è vicedirettore de La Verità), scrive in modo chiaro, avvincente, e il volume si lascia leggere con facilità nonostante che egli sia costretto, dall’oggetto stesso, a mischiare fatti di cronaca (quella vissuta appunto in questi mesi) e riflessioni teoriche. Le quali ultime sono fatte di idee ben precise e organizzate, maturate nel corso della sua attività di questi anni ma verificate in questo libro con l’ausilio di filosofi, psicologi, esperti vari e riconosciuti, appositamente interrogati. E con riferimenti costanti alla grande letteratura e alla mitologia classica. Può quindi succedere che, nel mentre si parli del wetmark fatidico di Wuhan da cui si sarebbe originato il virus, si passi a teorizzare, sulle orme del Carl Schmitt de Il nomos della terra, di “potenze d’acqua” e “potenze di terra” che si contendono da sempre il dominio del mondo.

In verità, l’acqua è l’elemento attorno a cui Borgonovo fa girare un po’ tutta la narrazione: essa indica fluidità, instabilità, precarietà, incertezza. È cioè l’elemento dominante nel nostro mondo “malato”, non di coronavirus solamente ma di una malattia più profonda. Questa patologia si chiama globalizzazione, e vive dell’abbattimento di ogni confine o frontiera: fra gli Stati, fra le culture, fra le idee, fra i generi sessuali. È furia distruttrice e corrosiva di ogni limite, e cioè della tradizione, già individuata da Marx come propria del capitalismo (anche se egli preferiva, nota giustamente l’autore di questo libro, la metafora del gas rispetto a quella dell’acqua).

Essa ha raggiunto l’acme con il neoliberismo, che è un po’ il bersaglio principale di questo libro. Il “turbocapitalismo” ha compiuto, infatti, la più radicale delle operazioni: ha fatto credere ai tanti adepti delle culture minoritarie e delle “minoranze discriminate” di stare combattendo una battaglia di emancipazione e persino anticapitalistica, mentre, in realtà, l’ideologia del “politicamente corretto” è funzionale alle nuove logiche di un mercato diventato un assoluto. E che è disumanizzante nella misura in cui giudica tutto in termini di perdita o profitto. Il neocapitalismo vende anche le idee “rivoluzionarie” e critiche del vecchio ordine come prodotti. Esso ha anzi bisogno di idee che mettano in crisi i vecchi limiti e destrutturino realtà come la famiglia, la nazione, la religione, basate su un trasporto gratuito degli uomini e non commercializzabile.

Gli individui, sradicati e isolati, ridotti a semplice “materiale umano”, diventano così plasmabili e manipolabili: facili “prede” del potere pur credendosi liberi e unici (il narcisismo di massa è opportunamente solleticato). Si è conformisti sentendosi e credendo di essere anticonformisti: si è “ribelli” e non “rivoluzionari”. Borgonovo descrive in pagine riuscite e convincenti questa nuova dialettica del potere: che è in primo luogo economico ma si serve dei simboli e dell’immaginario, e perciò diventa estremamente pericoloso. Molto coinvolgenti sono le pagine sull’ambientalismo: tanto più critiche verso quella che è un’ideologia catastrofista di sapore gnostico, fatta propria da Greta ma anche dall’élite mondiale, quanto più l’autore ritieme e mostra come solo una rinnovata coscienza ecologica potrebbe farci uscire dalla crisi, cioè provare a guarire dalla “malattia del mondo”. Ritrovandogli appigli su cui poggiarsi, cioè un terreno solido, e riscoprendo l’idea del limite. Cioè, in poche parole, provando a mettere in scacco il potere talassocratico che ci avvolge e dirige. Occorre riscoprire l’idea del limite e combattere la dismisura, cioè quella hybris che ci ha portato a crederci i padroni dell’universo e a pensare che la natura, ma meglio sarebbe dire il creato, mai ci avrebbe presentato il conto. Il virus, che sia fuggito da un laboratorio o che sia figlio del forzato allontanamento dalle campagne proprio della rapida modernizzazione cinese, ci ha dimostrato il contrario.

Fonte: l’Occidentale

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Guadagnerai il pane con il sudore della fronte. Dalla cultura della domanda alla cultura dell’impegno

      di Daniel Passaniti. Raggiungere la piena occupazione e un’equa distribuzione della ricchezza presuppone che l’economia cresca in termini reali, che vi sia produzione e aumento della ricchezza, dal momento che nulla può essere distribuito se non lo si è prima prodotto mediate lavoro e sforzo. Ed ecco uno dei problemi dell’Argentina: la successione di governi populisti e demagogici che hanno enfatizzato il paradigma distributivo, ingiustamente ingigantendo il bilancio statale per perpetuare programmi di aiuto sociale, soffocando il settore produttivo che genera ricchezza, hanno abituato gran parte della società a ricevere un reddito senza alcuna contropartita, a chiedere e rivendicare senza fare gli sforzi necessari per ottenere, con i propri mezzi, un discreto livello di sussistenza. In questo modo, la povertà è stata trasformata in miseria consentita, se non voluta dal governo di turno. La cultura della domanda ha sostituito la cultura dello sforzo e diverse generazioni di argentini ne sono state vittime Leggi il seguito…

    • Il pensiero greco è parte integrante della fede cristiana. La storia della filosofia greca di Stefano Fontana

      di Silvio Brachetta. È vero che «filosofia», per l’umile Pitagora, è l’«amore della sapienza». È anche vero che qualcuno si azzardò – il gruppo dei sofisti – ad omettere il «filo» e a indicare se stesso come sophistés, sapiente. Ma questi eccessi di umiltà o di orgoglio oscurano la verità forse più grande che il pensiero greco avrebbe voluto tramandare: l’uomo ha la dignità, la vocazione, di accostare e convivere abitualmente con nulla di meno della sapienza. La scienza è grande, così come l’arte o la tecnica, ma la sapienza è più grande di ogni disciplina ed è l’unico vero cibo spirituale con cui l’anima può sopravvivere. Leggi il seguito…

    • Ddl Zan: non si tratta solo di una minaccia alla libertà di opinione

      di Fabio Fuiano. Tavolo di Lavoro sul dopo-coronavirus. L’unico modo per vincere questa battaglia è adottare il principio dell’agere contra: per cui alla falsità si deve opporre la verità e al vizio la virtù. Senza una strategia del genere non metteremo mai in discussione le fondamenta su cui si basano certe proposte di legge e continueremo a subire cocenti sconfitte, come è già accaduto in passato. Se oggi siamo arrivati ad una tale dissoluzione morale e sociale, lo dobbiamo ad una rinuncia del mondo cattolico ad essere militante in virtù di una difesa incondizionata della libertà che però, senza la verità perde totalmente di significato e si tramuta in schiavitù Leggi il seguito…

    • Com’è buono (e inetto) il Comitato degli scienziatoni

      di Andrea Zambrano. Dai verbali desecretati del Cts emerge la volontà di imporre le norme del lockdown come esperimento di intruppamento sociologico. L'incredibie vademecum ai bambini: sveglia, bagno, colazione, igiene personale, attività domestiche e scolastiche. È l'insopportabile pretesa, tipica di uno Stato totalitario, di togliere la libertà insegnando a mamma e papà a fare i genitori. Questo daily plan andrebbe studiato nelle università di tutto il mondo perché è la prova che il Cts altro non era che una scusa per disporre della nostra libertà e intelligenza. È un insulto alla nostra pazienza, un’insopportabile e moralistica presa per il naso da parte di signorinessuno che hanno la grande responsabilità di aver dettato al governo l'azzoppamento di questo Paese Leggi il seguito…