Da Elia alla Madre di Dio. La protezione della Beata Vergine del Monte Carmelo per il Suo Popolo.

Pietro Novelli, Nostra Signora del Monte Carmelo consegna lo scapolare dell’Ordine ai santi Simone Stock, Angelo di Gerusalemme, Maria Maddalena de’ Pazzi e Teresa d’Avila,
olio su tela, 1641, Museo Diocesano, Palermo

Dal Martirologio Romano

16 Luglio 2020

Beata Maria Vergine del Monte Carmelo, dove un tempo il profeta Elia aveva ricondotto il popolo di Israele al culto del Dio vivente e si ritirarono poi degli eremiti in cerca di solitudine, istituendo un Ordine di vita contemplativa sotto il patrocinio della santa Madre di Dio.

La promessa della Beata Vergine

La Beata Vergine, nella domenica del 16 luglio 1251, apparve a San Simone Stock ottantaseenne, circondata dagli Angeli e con il Bambino in braccio. Gli mostrò uno scapolare   e disse: « Prendi, figlio dilettissimo, prendi questo scapolare del tuo Ordine, segno distintivo della mia Confraternita, privilegio a te e a tutti i Carmelitani. Chi morrà rivestito di questo abito non soffrirà il fuoco eterno; questo è un segno di salute, di salvezza nei pericoli, di alleanza di pace e di patto sempiterno».

La Beata Vergine lasciava così, nelle mani di San Simone, il pegno della Sua Prima «Grande Promessa»: la protezione e la salvezza eterna a chi indossa il Suo Santo Abito.

Lo scapolare, originariamente, era un indumento senza maniche e aperto sui lati e nel Medioevo era utilizzato da monaci e frati per ricoprire l’abito sul petto e sulla schiena e non sporcarlo. Adatto nel lavoro e nei viaggi.

Lo Scapolare, oggi

Oggi l’abitino del Carmelo è formato da due pezzetti rettangolari di lana marrone, uniti da stringhe. Va portato sul petto e sulla schiena. Il “Flos Carmeli”, o Fiore del Carmelo, è l’orazione che secondo la tradizione fu tramandata dal santo inglese eremita Simone Stock:

Fior del Carmelo, vite fiorita, splendore del cielo, tu solamente sei vergine e madre. /Madre mite, pura nel cuore, ai figli tuoi sii propizia, stella del mare./Ceppo di Jesse, che produce il fiore, a noi concedi di rimanere con te per sempre./Giglio cresciuto tra alte spine, conserva pure le menti fragili e dona aiuto./Forte armatura dei combattenti, la guerra infuria, poni a difesa lo scapolare./Nell’incertezza dacci consiglio, nella sventura, dal cielo impetra consolazione./Madre e Signora del tuo Carmelo, di quella gioia che ti rapisce sazia i cuori./O chiave e porta del Paradiso, fa’ che giungiamo dove di gloria sei coronata. Amen.

Vogliamo ricordare questa Festa dell’Ordine Carmelitano, e Memoria per la Chiesa Cattolica, con le parole che Padre Antonio Sicari, illustre studioso di spiritualità Carmelitana e Cristiana e Padre Spirituale di molti figli, rivolge oggi al Movimento Ecclesiale Carmelitano:

C’è una antichissima preghiera (il “Sub tuum praesidium”, che dicono risalga al III secolo) che noi frati recitiamo tutti i giorni, in cui ci rivolgiamo alla Vergine Santa con le parole: “Sotto la tua protezione troviamo rifugio, Santa Madre di Dio…». Ma dovrebbe essere tradotta meglio con le parole: «Sotto il tuo manto misericordioso noi tutti ci rifugiamo…», con la consapevolezza che essa ci rimanda alle radici della nostra storia carmelitana. Quando nel Medioevo i primi Carmelitani (costretti a fuggire dalla Terra Santa) giunsero in Europa, si trovarono in difficoltà perché erano praticamente sconosciuti. Si affidarono allora alla Vergine Santa e il Generale dell’Ordine (San Simone Stock) – il 16 luglio del 1251 – ottenne da Lei, come segno di protezione, il dono dello Scapolare. In quegli anni si era sviluppata anche, in ambiente certosino, la devozione a Maria “Madre di tutti i cristiani” (che veniva appunto raffigurata con un ampio mantello sotto il quale stava raccolto il popolo di Dio): era detta anche Madre della Misericordia. La Scapolare trovò così una entusiastica accoglienza, anche perché ad esso si erano legate le promesse di Maria che riguardavano la salvezza eterna: tanto che in molte nazioni si diffuse l’uso di riceverlo in dono al momento del battesimo.

Ma vennero coltivate anche le richieste pedagogiche e spirituali necessarie affinché i figli imparassero a lasciarsi davvero rivestire e formare dalla loro Madre, per poter sempre più rassomigliare al Suo Gesù. Del resto tutto ciò apparteneva già alla catechesi battesimale, e sul pressante invito di San Paolo: «Quanti siete stati battezzati in Cristo, vi siete rivestiti di Cristo!» (Gal 3,27); «Rivestitevi del Signore Gesù Cristo, e non seguite la carne nei suoi desideri» (Rom 13,14). Il Santo Scapolare attualizzava e attualizza ancora tutto questo, e lo rende impegno quotidiano, proprio mentre la relazione con Maria Santissima viene colta nel Suo atto materno di rivestirci dolcemente e nella nostra disponibilità riconoscente nel lasciare che Lei si prenda cura di noi ogni giorno. In fondo la nostra appartenenza al Movimento Ecclesiale non vuole esser altro che questo: far parte di una famiglia carmelitana dove tutti i figli sono maternamente curati e fraternamente aiutati nella loro crescita. È questo l’augurio che reciprocamente ci rivolgiamo, anche quest’anno, in cui abbiamo sentito più del solito il bisogno di essere custoditi.

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Ripartire da Porta Pia. Le “due Rome”, la “nuova costituente” e la Commissione Glendon”

      di Stefano Fontana. Le due Rome Domenica scorsa 20 settembre si sono ricordati i 150 anni dalla breccia di Porta Pia e dalla presa di Roma da parte dello Stato italiano (20 settembre 1870). Tra le tante cose da dire a proposito, sia di tipo storico[1] che teoretico[2] vorrei soffermarmi sul rapporto tra la valutazione data dal professor Giovanni Turco (università di Udine) con la sua tesi delle “due Rome” di stampo decisamente anti-liberale, e l’interpretazione liberale fornita dal professor Carlo Lottieri (università di Verona) che parte da Porta Pia per lavorare ad una nuova costituente. Leggi il seguito…

    • Il comunismo restò in cielo e mandò i popoli all’inferno

      di Marcello Veneziani. Un lungo corteo di elogi funebri ha accompagnato la morte di Rossana Rossanda. Necrologi rosso antico, testimonianze affettuose, ricordi di militanze dell’altro millennio. Il rispetto che si deve in generale per chi muore e in particolare per un nemico intellettuale, e uso la parola nemico senza un filo di disprezzo, sapendo di rispettare le sue volontà, non deve però trattenere dal tracciare un bilancio onesto. Non della vita e l’opera di Rossana Rossanda, e nemmeno del suo Manifesto, ma un bilancio ideologico e politico di una passione chiamata comunismo. Pace all’anima sua, anche se lei rigettò la pace e l’anima. Leggi il seguito…

    • “Make Italy great again”. Il centrodestra deve ricominciare da una visione comune del futuro

      di Eugenio Capozzi. Il centrodestra è riuscito a non vincere elezioni che pure ha sostanzialmente vinto. Ha guadagnato il governo di una regione, quasi sicuramente due, ha aumentato i consensi per le sue liste, ma ancora una volta non è riuscito nella “spallata” che cerca da un anno, e cioè nel tentativo di destabilizzare il governo Conte bis, pur fragile e diviso, e pur gravato dai risultati disastrosi della gestione dell’emergenza Covid. Leggi il seguito…

    • Così Meloni e Salvini hanno regalato la vittoria a Di Maio

      di Gennaro Malgieri. Di Maio e compagnia cantante hanno potuto ottenere questo strepitoso risultato referendario grazie a vassalli e valvassori di destra e di sinistra, spiega Gennaro Malgieri. E la destra, rappresentata da Lega e FdI, non si capisce che cosa abbia ottenuto posto che ha regalato agli avversari pentastellati più che una vittoria, la resurrezione Leggi il seguito…