“CONVEGNO” DEI NEGAZIONISTI? Le parole di Zangrillo e la replica dopo l’attacco dei dogmatici!

Probabilmente, qualche sedia comincia a tremare davanti alle parole e ai fatti portati in Senato il 27 Luglio c.a. da persone, che, per avere il coraggio di parlare, raccolgono derisione da parte di chi conta al potere.

Sicuramente, i dissenzienti non guadagnano nulla da questa penosa vicenda, se non ulteriori fatiche e amarezza, ma anche il premio di una coscienza pulita. Stanno dicendo da mesi ciò che hanno visto e che possono umanamente prevedere in omaggio alla persona, al malato, alla comunità umana, alla vigilia, forse, di un nuovo inasprimento delle misure da parte dell’OMS.

Sembra una guerra: da un lato il potere, con ogni mezzo di comunicazione e denaro, dall’altra, solo audacia, esperienza, ricerca e onore. Così, almeno, sembra e speriamo che sia!

Riferisce il quotidiano Repubblica del 28 Luglio c.a. che

“Penso che tutto quello che è stato detto non abbia alcuna base dal punto di vista scientifico: è un messaggio inadeguato, quello che viene lanciato, con elementi di evidente pericolosità”.  Così Massimo Galli, professore Ordinario di Malattie Infettive all’Università degli Studi di Milano e past president della Società italiana di Malattie Infettive (Simit), stigmatizzando le posizioni espresse in occasione dell‘incontro ‘Covid-19 in Italia‘.

Zangrillo non ha gradito di essere definito “negazionista”,  soprattutto  “dopo aver visto personalmente ognuno dei circa 1.200 malati” di Covid-19

“curati al San Raffaele, dopo aver lavorato notte e giorno fino al 18 aprile nelle 5 rianimazioni dell’ospedale e dopo aver personalmente trasportato malati gravissimi nel mio reparto, mi porta a considerare gli autori delle accuse quali persone in malafede, che si espongono al rischio di querela per diffamazione”.

Concordi anche Massimo Clementi, virologo dell’ateneo di via Olgettina, e Matteo Bassetti, direttore della Clinica Malattie infettive del Policlinico San Martino di Genova e presidente della Società italiana di terapia antinfettiva (Sita). Non siamo negazionisti, ma medici, professori universitari, ricercatori.

Il medico”, dice Zangrillo, “dice la verità, si preoccupa responsabilmente, infonde coraggio e, se sostenuto dalle evidenze, esprime fiducia e ottimismo. Il medico ha una visione completa della complessa situazione sanitaria, che impone di dare risposte ….

Con la sua consueta delicatezza, ma sfoderando la forza della sincerità, come una lama a doppio taglio, implacabile, il noto artista Andrea Bocelli, ha portato la sua testimonianza di cittadino e di malato con Covid 19, sentitosi limitato indiscriminatamente da restrizioni inadatte alle sue condizioni di salute:

Andrea Bocelli al Senato: -Le cose non erano così come ce le avevano raccontate.

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Il lento smottamento dell’Europa dei Trattati senza Costituzione, senza radici e senza classe dirigente

      di Giulio Sapelli. Tutto sta franando. È un movimento lento, uno smottamento che investe tutto il mondo e trasforma insediamenti umani stabili in grumi di aggregazioni a frattali, sottoposti a quella polverizzazione argillosa che divide, biforca e che di fatto innerva di nuovo il tragico (perché disperato e sempre incompiuto) sogno gollista di un’Europa politica e militare dall’Atlantico agli Urali. Del resto rimane l’unico disegno per costruire un’Europa potenza marittima, ossia talassocratica, e quindi potenza mondiale non soffocata tra l’incubo dell’accerchiamento tedesco e il pescar nel mortaio di medie potenze regionali costrette a politiche internazionali di mediazione che altro non fanno che indebolire le medie potenze così costantemente divise. Questo significa multiple alleanze in contemporanea: è una gerarchia tra vassalli di media potenza senza un impero e senza un imperatore. Leggi il seguito…

    • Con Francesco il rovesciamento della sussidiarietà

      di Paolo Bellavite. Da un confronto tra quattro encicliche sociali che hanno affrontato il tema della sussidiarietà e quindi del rapporto fra Stato e corpi intermedi, si ricava che la concezione espressa in Fratelli Tutti è diametralmente opposta a quella proposta da Leone XIII, Giovanni XXIII e Giovanni Paolo II. Leggi il seguito…

    • La Federazione e il Centrodestra che verrà

      di Giovanni Toti. Bene ha fatto l’amico Matteo Salvini a cogliere il suggerimento che gli avevamo dato all’indomani delle elezioni regionali e a lanciare un sasso nello stagno di un centrodestra che ha bisogno di essere ripensato. Il tempo è giusto: dopo la guerra al Covid, arriverà il dopoguerra, con tutta la sua voglia di ricostruire, di cambiare, di tornare a crescere e lavorare, di costruire un Paese migliore. Leggi il seguito…

    • Ambientalismo e globalismo, le ideologie più pericolose

      di Stefano Fontana. L’ambientalismo è una grande bolla ideologica, il globalismo è un’etica dell’umanità con pochi e generici principi morali per una religione universale senza dogmi e dottrine. A questo progetto inquietante sta dando il proprio appoggio anche la Chiesa cattolica. Il dodicesimo Rapporto dell’Osservatorio Cardinale Van Thuân è dedicato a Ambientalismo e globalismo, le due ideologie più pericolose del momento, che puntano a convergere su un unico piano politico mondiale. Leggi il seguito…