Anche il Mes si tinge di arcobaleno e strizza l’occhio alla teoria del Gender

di Giuseppe Pica.

Non solo le istituzioni europee nel loro complesso hanno sposato al 100% le cause liberal, ora non si ha problema a far riferimento anche ad elementi economici per giustificare l’adesione alle battaglie che riguardano le teorie “gender”. Se fino a ieri quindi il MES aveva come nemici tutti coloro i quali lo consideravano il simbolo più punitivo dell’UE dal punto di vista economico, c’è da scommettere che d’ora in poi anche nel mondo cattolico e moderato in pochi faranno la fila per difenderlo a spada tratta

****************

Le tre lettere che formano l’acronimo MES sono ormai da mesi sulla bocca di tutti. L’unica fonte vera di finanziamento messa a disposizione dell’UE per l’Italia per l’anno corrente e materia di accesissimo dibattito politico anche all’interno delle forze di maggioranza. Nelle ultime ore però l’istituto finanziario ha fatto parlare di sé per motivi che esulano totalmente dai compiti che è chiamato a svolgere e che mai qualcuno avrebbe pensato potessero riguardarlo. Pochi giorni fa infatti, sulla pagina Twitter del MES è stato postato un appello parso a molti decisamente singolare e che recitava così: “#ESM si unisce alla comunità LGBTQ + nel celebrare la #Pride Week a #Luxembourg dal 4 al 12 luglio 2020. Per ulteriori informazioni sul nostro impegno per #DiversityAndInclusion vedi qui: http://ow.ly/1wI150Aqm4O #LuxembourgPRIDE #UnitedInDiversity”.

A questo si aggiunge la colorazione arcobaleno della foto profilo, a testimoniare l’ulteriore vicinanza alla comunità LGBT. Ma cosa c’entra un istituto di credito creato alcuni anni fa e con sede a Lussemburgo (i cui membri godono di molte immunità) con eventi attinenti al mondo delle politiche di genere? Il post citato in precedenza – che ha introdotto un’intervista rilasciata a Repubblica dal Segretario Generale Giammaroli – rimanda ad una pagina del sito ufficiale del MES nella quale si specifica che “un forte impegno per la diversità e l’inclusione non è semplicemente positivo per le imprese, ma essenziale al successo delle imprese”.

Dunque, appare evidente come non solo le istituzioni europee nel loro complesso abbiano ormai sposato al 100% le cause liberal (e in Europa in cui i Popolari esprimono la presidente della Commissione più svariati altri ruoli di rilievo questo è assolutamente rilevante), ma ora non si ha problema a far riferimento anche ad elementi economici per giustificare l’adesione alle battaglie che riguardano le teorie “gender” come se, per cercare di convincere i più scettici della bontà di queste ultime, fosse necessaria una ulteriore spinta, che tende ad essere molto più materiale che ideologica.

Se fino a ieri quindi il MES aveva come nemici tutti coloro i quali lo consideravano il simbolo più punitivo dell’UE dal punto di vista economico, c’è da scommettere che d’ora in poi anche nel mondo cattolico e moderato in pochi faranno la fila per difenderlo a spada tratta.

Fonte: l’Occidentale

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Guadagnerai il pane con il sudore della fronte. Dalla cultura della domanda alla cultura dell’impegno

      di Daniel Passaniti. Raggiungere la piena occupazione e un’equa distribuzione della ricchezza presuppone che l’economia cresca in termini reali, che vi sia produzione e aumento della ricchezza, dal momento che nulla può essere distribuito se non lo si è prima prodotto mediate lavoro e sforzo. Ed ecco uno dei problemi dell’Argentina: la successione di governi populisti e demagogici che hanno enfatizzato il paradigma distributivo, ingiustamente ingigantendo il bilancio statale per perpetuare programmi di aiuto sociale, soffocando il settore produttivo che genera ricchezza, hanno abituato gran parte della società a ricevere un reddito senza alcuna contropartita, a chiedere e rivendicare senza fare gli sforzi necessari per ottenere, con i propri mezzi, un discreto livello di sussistenza. In questo modo, la povertà è stata trasformata in miseria consentita, se non voluta dal governo di turno. La cultura della domanda ha sostituito la cultura dello sforzo e diverse generazioni di argentini ne sono state vittime Leggi il seguito…

    • Il pensiero greco è parte integrante della fede cristiana. La storia della filosofia greca di Stefano Fontana

      di Silvio Brachetta. È vero che «filosofia», per l’umile Pitagora, è l’«amore della sapienza». È anche vero che qualcuno si azzardò – il gruppo dei sofisti – ad omettere il «filo» e a indicare se stesso come sophistés, sapiente. Ma questi eccessi di umiltà o di orgoglio oscurano la verità forse più grande che il pensiero greco avrebbe voluto tramandare: l’uomo ha la dignità, la vocazione, di accostare e convivere abitualmente con nulla di meno della sapienza. La scienza è grande, così come l’arte o la tecnica, ma la sapienza è più grande di ogni disciplina ed è l’unico vero cibo spirituale con cui l’anima può sopravvivere. Leggi il seguito…

    • Ddl Zan: non si tratta solo di una minaccia alla libertà di opinione

      di Fabio Fuiano. Tavolo di Lavoro sul dopo-coronavirus. L’unico modo per vincere questa battaglia è adottare il principio dell’agere contra: per cui alla falsità si deve opporre la verità e al vizio la virtù. Senza una strategia del genere non metteremo mai in discussione le fondamenta su cui si basano certe proposte di legge e continueremo a subire cocenti sconfitte, come è già accaduto in passato. Se oggi siamo arrivati ad una tale dissoluzione morale e sociale, lo dobbiamo ad una rinuncia del mondo cattolico ad essere militante in virtù di una difesa incondizionata della libertà che però, senza la verità perde totalmente di significato e si tramuta in schiavitù Leggi il seguito…

    • Com’è buono (e inetto) il Comitato degli scienziatoni

      di Andrea Zambrano. Dai verbali desecretati del Cts emerge la volontà di imporre le norme del lockdown come esperimento di intruppamento sociologico. L'incredibie vademecum ai bambini: sveglia, bagno, colazione, igiene personale, attività domestiche e scolastiche. È l'insopportabile pretesa, tipica di uno Stato totalitario, di togliere la libertà insegnando a mamma e papà a fare i genitori. Questo daily plan andrebbe studiato nelle università di tutto il mondo perché è la prova che il Cts altro non era che una scusa per disporre della nostra libertà e intelligenza. È un insulto alla nostra pazienza, un’insopportabile e moralistica presa per il naso da parte di signorinessuno che hanno la grande responsabilità di aver dettato al governo l'azzoppamento di questo Paese Leggi il seguito…