Il manifesto di “Si può fare!”

Postiamo il discorso di Francesco Agnoli, presidente di Si può fare!, in occasione della presentazione del manifesto valoriale del partito.

Abbiamo deciso di presentare oggi un manifesto di PRINCIPI, e non un programma elettorale. Di programmi ne abbiamo letti molti -ne abbiamo uno anche noi- ma i programmi lasciano un po’ il tempo che trovano: spesso si assomigliano tra loro, parlano un po’ di tutto, in modo più o meno vago…
Partiamo dunque con dei principi, perché riteniamo che in politica servono principi, competenze, spirito di servizio. Un po’ come in tutti i lavori.
Ma senza i principi le competenze rischiano di essere finalizzate solamente ai propri scopi; si può rischiare così di essere al servizio di se stessi, e non del bene comune.
In una cornice di principi dunque le competenze sono finalizzate ad uno scopo che va oltre quello delle nostre persone, che le supera, che le trascende.


Certo siamo abituati da tempo ad una politica fatta di grandi personalità. Dopo la crisi delle grandi ideologie abbiamo visto la presenza pervasiva dei leader, oppure l’apparire di ideologie un po’ fumose, talora anche violente…
Per fare capire cosa intendo per ideologia, ricorro ad un esempio, cito un caso locale: un consigliere provinciale, maschio, che ha sostenuto un candidato uomo alle provinciali e che supporta un altro maschio alle comunali (cosa del tutto lecita!), ci ha voluto fare un appunto: “ma perché scrivete sindaco e non sindaca!”. Si guarda il dito e non la luna: abbiamo candidato una donna, qualcuno ama dire “sindaco”, qualcuno preferisce un po’ alla moda “sindaca”, ma farne un motivo di divisione, di scontro, appartiene alla mentalità ideologica, non al riconoscimento di una realtà (che come tale dovrebbe imporsi).


Le ideologie, anche se si presentano come progressiste, portano contrasti, divisioni, muri; gli ideali, i principi riguardano l’uomo di ieri, di oggi, di domani.
Nei nostri principi parliamo ad esempio di promozione della famiglia, una realtà che esiste da sempre, che non scade; parliamo di autonomia, perché la patria è un concetto molto concreto, a differenza di concetti ideologici, come il nazionalismo, da una parte, e il globalismo dall’altra; parliamo di sicurezza e di lotta al degrado, senza farne neppure in questo caso un’ideologia, ma guardando al desiderio di ognuno di vivere in una città dove si possa passeggiare tranquillamente, una città pacifica, serena; parliamo di una città libera dalla droga, perché la libertà da ogni forma di dipendenza è un valore per (quasi) tutti…


Certo sono dichiarazioni di principio, non saremo in grado di realizzare compiutamente ideali così grandi, ma vogliamo muoverci all’ombra di essi. Zoppicanti e claudicanti, come tutti, ma guardando con fiducia ad un obiettivo, una meta.

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Karl Barth e la politica sudicia e malvagia

      Dottrina sociale di Stefano Fontana. Nel blog precedente ho ripreso alcune idee di Dietrich Bonhoeffer per mostrare come la teologia protestante non possa ammettere la Dottrina sociale della Chiesa e come abbia influito su questo punto anche sulla teologia cattolica. Era infatti inevitabile che la teologia cattolica, nel tentativo di intercettare i principi della modernità, si dovesse uniformare, più o meno, ai presupposti protestanti. Nel blog di oggi possiamo fare lo stesso esempio ma applicato a Karl Barth, considerato di gran lunga il più grande teologo luterano della storia recente. Con accentuazioni diverse da Bonhoeffer, anche Barth separa tra loro la vita pubblica e la fede, l’impegno politico e il cristianesimo. Leggi il seguito…

    • La priorità dei diritti sui doveri. In margine ad un libro di Stefano Fontana

      di Silvio Brachetta. Tavolo di Lavoro sulla Commissione Glendon. Stefano Fontana nel suo libro Per una politica dei doveri, dopo il fallimento della stagione dei diritti (Cantagalli, Siena 2006) presenta il principio della Dottrina sociale della Chiesa e della teologia morale in genere secondo cui c’è una priorità dei doveri sui diritti. Anche a seguito della “questione sociale” moderna, il magistero petrino, tra il XIX e il XX secolo, è tornato spesso sul rapporto tra diritti e doveri, rilevando «l’incongruenza grave di diritti senza precedenti doveri»[1]. Leggi il seguito…

    • Il Papa individua un altro nemico: silurato il cardinale Becciu

      di Nico Spuntoni. "Dimissionato" da Prefetto della Congregazione per le cause dei Santi e privato dei diritti connessi al Cardinalato. Questa è il duro provvedimento preso da papa Francesco nei confronti del cardinale Angelo Becciu. Il motivo non è stato spiegato ma si dà per scontato che riguardi lo scandalo legato all'acquisto di un palazzo a Londra, che ha già fatto cadere non poche teste eccellenti. Leggi il seguito…

    • M5S nel caos. Per i grillini conta solo la poltrona

      di Ruben Razzante. Di Maio punta sull’accordo organico con il Pd, Di Battista parla di sconfitta storica e invoca gli stati generali, Fico cerca di mediare e Grillo getta benzina sul fuoco. Ma se lui e il ministro degli Esteri cantano vittoria per il “sì” al referendum, perché il Movimento non accelera sulla legge elettorale così da rendere subito operativo il risparmio per il taglio dei parlamentari? Leggi il seguito…