Il Duce e la massoneria

[…] Nel 1915, divenuto interventista, affiancato e sostenuto dalla massoneria italiana, Mussolini afferma che “il proletariato ha bisogno di un mare di sangue” e prosegue la sua battaglia contro il nemico di sempre: “Preti e gesuiti sono neutralisti per amore dell’Austria vaticanesca e temporalista”.

Senza tema di cadere nel ridicolo, l’uomo che accorderà via via le sue idee alle circostanze secondo la bisogna, con astuto pragmatismo, afferma: “La neutralità di Benedetto XV, è deicida, uccide Dio nel cuore degli uomini, Benedetto è l’apostolo dell’ateismo”.

Nel 1916, in un articolo inneggiante a Barabba, invita a prendere a calci Gesù, “il Rabbi dalle chiome rosse, e i suoi rabbini più vili dalle sottane nere”. E prosegue: “Buttiamo le statue dei vecchi santi nei letamai che fumigano e ingrassano la terra… E Cristi si inchiodi ancora sul suo Golgota da palcoscenico”.

Sono questi gli anni della coincidenza tra l’ideologia di Mussolini e quella della massoneria.

Non si tratta solo di riferimenti ideali comuni (Mazzini e Garibaldi sono nel Pantheon dell’uomo di Predappio, così come in quello della massoneria italiana): la massoneria lavora per l’entrata in guerra dell’Italia, per il compimento del Risorgimento, per la distruzione dell’Impero cattolico austro-ungarico, in nome di una palingenesi universale.

Mussolini – che piace a molti “confratelli” anche perché identificato come possibile alternativa alla altrimenti imminente affermazione delle masse socialiste e cattoliche, tramite i due partiti in ascesa, il PSI e il PPI – concorda con tutto ciò, al punto che una volta abbandonato il quotidiano socialista l’Avanti, il suo nuovo giornale, il Popolo d’Italia può nascere anche grazie al finanziamento delle logge massoniche, che forniranno al primo fascismo, di per sé elettoralmente molto debole, uomini decisivi nella scalata al potere: dai quadrumviri della marcia su Roma (Michele Bianchi, Italo Balbo, Emilio De Bono, Cesare Maria De Vecchi), all’onorevole Giacomo Acerbo; dal segretario del PNF Roberto Farinacci sino al presidente dell’IRI Alberto Beneduce e all’intramontabile maresciallo Pietro Badoglio…

[…]

Tratto da: https://www.lafeltrinelli.it/libri/benito-mussolini/dio-non-esiste/9788864097404


Si veda anche il documentario di Rai Storia, dal minuto 8.20:

Vedi anche:

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Il lento smottamento dell’Europa dei Trattati senza Costituzione, senza radici e senza classe dirigente

      di Giulio Sapelli. Tutto sta franando. È un movimento lento, uno smottamento che investe tutto il mondo e trasforma insediamenti umani stabili in grumi di aggregazioni a frattali, sottoposti a quella polverizzazione argillosa che divide, biforca e che di fatto innerva di nuovo il tragico (perché disperato e sempre incompiuto) sogno gollista di un’Europa politica e militare dall’Atlantico agli Urali. Del resto rimane l’unico disegno per costruire un’Europa potenza marittima, ossia talassocratica, e quindi potenza mondiale non soffocata tra l’incubo dell’accerchiamento tedesco e il pescar nel mortaio di medie potenze regionali costrette a politiche internazionali di mediazione che altro non fanno che indebolire le medie potenze così costantemente divise. Questo significa multiple alleanze in contemporanea: è una gerarchia tra vassalli di media potenza senza un impero e senza un imperatore. Leggi il seguito…

    • Con Francesco il rovesciamento della sussidiarietà

      di Paolo Bellavite. Da un confronto tra quattro encicliche sociali che hanno affrontato il tema della sussidiarietà e quindi del rapporto fra Stato e corpi intermedi, si ricava che la concezione espressa in Fratelli Tutti è diametralmente opposta a quella proposta da Leone XIII, Giovanni XXIII e Giovanni Paolo II. Leggi il seguito…

    • La Federazione e il Centrodestra che verrà

      di Giovanni Toti. Bene ha fatto l’amico Matteo Salvini a cogliere il suggerimento che gli avevamo dato all’indomani delle elezioni regionali e a lanciare un sasso nello stagno di un centrodestra che ha bisogno di essere ripensato. Il tempo è giusto: dopo la guerra al Covid, arriverà il dopoguerra, con tutta la sua voglia di ricostruire, di cambiare, di tornare a crescere e lavorare, di costruire un Paese migliore. Leggi il seguito…

    • Ambientalismo e globalismo, le ideologie più pericolose

      di Stefano Fontana. L’ambientalismo è una grande bolla ideologica, il globalismo è un’etica dell’umanità con pochi e generici principi morali per una religione universale senza dogmi e dottrine. A questo progetto inquietante sta dando il proprio appoggio anche la Chiesa cattolica. Il dodicesimo Rapporto dell’Osservatorio Cardinale Van Thuân è dedicato a Ambientalismo e globalismo, le due ideologie più pericolose del momento, che puntano a convergere su un unico piano politico mondiale. Leggi il seguito…