I millennials sbagliano obiettivo: non sono gli anziani a bloccare il futuro

di Angelica Stramazzi.

No, non si tratta di una boutade estiva. Dati numerici certificano quanto stiamo per dire. Un rapporto dell’osservatorio Censis-Tendercapital sostiene che 5 giovani su 10 in piena emergenza Coronavirus vogliono tagliare fuori gli anziani nell’accesso alle cure; il 39,2% dei ragazzi afferma che è giusto che i giovani siano curati prima di chi è più avanti con gli anni. Ma non è tutto. Il 35% di chi rappresenta le nuove generazioni ritiene che sia troppo copiosa la spesa pubblica destinata agli anziani. Insomma, un quadro che non lascia ben sperare. E sebbene esistano delle spiegazioni in grado di corroborare questi numeri, resta il fatto che quanto delineato dà vita a scenari macabri e brutali, senza voler esagerare.

I giovani di oggi, comunemente definiti millennials se nati fra il 1981 e il 1996, rappresentano una generazione priva di punti di riferimento. La scuola in primis non svolge più la sua funzione educativa e le famiglie di origine, prese dal lavoro e da mille impegni vari, non hanno tempo da “spendere” con chi hanno messo al mondo. Ma se restringiamo il campo di osservazione su questa fetta di popolazione, si scopre che ben il 53% dei millennials sostiene che il Covid abbia avuto un forte impatto sulle proprie finanze e il 67% di loro ha perso reddito a causa della crisi attuale (dati sondaggio Intrum). La rabbia quindi è tanta e il rancore nei confronti degli anziani non fa che aumentare.

Eppure fino a poco tempo fa i nonni erano considerati a ragione il pilastro della nostra società; fragili fisicamente, deboli a livello di salute, i nonni venivano visti come una risorsa, non come un peso. Il nonno era colui che sopperiva alle mancanze dei genitori, faceva da baby sitter (lo fa tuttora) e contribuiva a mantenere in attivo il bilancio familiare dei figli. Com’è possibile che il quadro si sia ribaltato in maniera così repentina? Le ragioni le abbiamo spiegate enunciando questi numeri sconfortanti; tuttavia delle soluzioni ci sono e risiedono nel fatto che le nuove generazioni vivono in costanti condizioni di precariato.

L’impossibilità di creare una propria famiglia, la chimera rappresentata da un’abitazione di proprietà sono tutte realtà che in molti vivono sulla propria pelle. Ancora una volta la palla passerebbe alla politica, diventata sempre più punto di riferimento per pochi e non per molti. Nel frattempo, i millennials dovrebbero essere onesti con chi li ha cresciuti, riconoscendo il ruolo sociale e culturale svolto dagli anziani. Nel 2020 non è ammissibile che 5 ragazzi su 10 desiderino penalizzare gli anziani nell’accesso alle cure, è qualcosa che non sta né in cielo né in terra.

Sarebbe il caso di non sentire più queste brutalità; serve piuttosto un patto intergenerazionale in grado di rinsaldare i legami tra giovani e meno giovani. Il tempo è scaduto da un pezzo: la politica batta un colpo o sarà troppo tardi.

Fonte: l’Occidentale

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Il lento smottamento dell’Europa dei Trattati senza Costituzione, senza radici e senza classe dirigente

      di Giulio Sapelli. Tutto sta franando. È un movimento lento, uno smottamento che investe tutto il mondo e trasforma insediamenti umani stabili in grumi di aggregazioni a frattali, sottoposti a quella polverizzazione argillosa che divide, biforca e che di fatto innerva di nuovo il tragico (perché disperato e sempre incompiuto) sogno gollista di un’Europa politica e militare dall’Atlantico agli Urali. Del resto rimane l’unico disegno per costruire un’Europa potenza marittima, ossia talassocratica, e quindi potenza mondiale non soffocata tra l’incubo dell’accerchiamento tedesco e il pescar nel mortaio di medie potenze regionali costrette a politiche internazionali di mediazione che altro non fanno che indebolire le medie potenze così costantemente divise. Questo significa multiple alleanze in contemporanea: è una gerarchia tra vassalli di media potenza senza un impero e senza un imperatore. Leggi il seguito…

    • Con Francesco il rovesciamento della sussidiarietà

      di Paolo Bellavite. Da un confronto tra quattro encicliche sociali che hanno affrontato il tema della sussidiarietà e quindi del rapporto fra Stato e corpi intermedi, si ricava che la concezione espressa in Fratelli Tutti è diametralmente opposta a quella proposta da Leone XIII, Giovanni XXIII e Giovanni Paolo II. Leggi il seguito…

    • La Federazione e il Centrodestra che verrà

      di Giovanni Toti. Bene ha fatto l’amico Matteo Salvini a cogliere il suggerimento che gli avevamo dato all’indomani delle elezioni regionali e a lanciare un sasso nello stagno di un centrodestra che ha bisogno di essere ripensato. Il tempo è giusto: dopo la guerra al Covid, arriverà il dopoguerra, con tutta la sua voglia di ricostruire, di cambiare, di tornare a crescere e lavorare, di costruire un Paese migliore. Leggi il seguito…

    • Ambientalismo e globalismo, le ideologie più pericolose

      di Stefano Fontana. L’ambientalismo è una grande bolla ideologica, il globalismo è un’etica dell’umanità con pochi e generici principi morali per una religione universale senza dogmi e dottrine. A questo progetto inquietante sta dando il proprio appoggio anche la Chiesa cattolica. Il dodicesimo Rapporto dell’Osservatorio Cardinale Van Thuân è dedicato a Ambientalismo e globalismo, le due ideologie più pericolose del momento, che puntano a convergere su un unico piano politico mondiale. Leggi il seguito…