I millennials sbagliano obiettivo: non sono gli anziani a bloccare il futuro

di Angelica Stramazzi.

No, non si tratta di una boutade estiva. Dati numerici certificano quanto stiamo per dire. Un rapporto dell’osservatorio Censis-Tendercapital sostiene che 5 giovani su 10 in piena emergenza Coronavirus vogliono tagliare fuori gli anziani nell’accesso alle cure; il 39,2% dei ragazzi afferma che è giusto che i giovani siano curati prima di chi è più avanti con gli anni. Ma non è tutto. Il 35% di chi rappresenta le nuove generazioni ritiene che sia troppo copiosa la spesa pubblica destinata agli anziani. Insomma, un quadro che non lascia ben sperare. E sebbene esistano delle spiegazioni in grado di corroborare questi numeri, resta il fatto che quanto delineato dà vita a scenari macabri e brutali, senza voler esagerare.

I giovani di oggi, comunemente definiti millennials se nati fra il 1981 e il 1996, rappresentano una generazione priva di punti di riferimento. La scuola in primis non svolge più la sua funzione educativa e le famiglie di origine, prese dal lavoro e da mille impegni vari, non hanno tempo da “spendere” con chi hanno messo al mondo. Ma se restringiamo il campo di osservazione su questa fetta di popolazione, si scopre che ben il 53% dei millennials sostiene che il Covid abbia avuto un forte impatto sulle proprie finanze e il 67% di loro ha perso reddito a causa della crisi attuale (dati sondaggio Intrum). La rabbia quindi è tanta e il rancore nei confronti degli anziani non fa che aumentare.

Eppure fino a poco tempo fa i nonni erano considerati a ragione il pilastro della nostra società; fragili fisicamente, deboli a livello di salute, i nonni venivano visti come una risorsa, non come un peso. Il nonno era colui che sopperiva alle mancanze dei genitori, faceva da baby sitter (lo fa tuttora) e contribuiva a mantenere in attivo il bilancio familiare dei figli. Com’è possibile che il quadro si sia ribaltato in maniera così repentina? Le ragioni le abbiamo spiegate enunciando questi numeri sconfortanti; tuttavia delle soluzioni ci sono e risiedono nel fatto che le nuove generazioni vivono in costanti condizioni di precariato.

L’impossibilità di creare una propria famiglia, la chimera rappresentata da un’abitazione di proprietà sono tutte realtà che in molti vivono sulla propria pelle. Ancora una volta la palla passerebbe alla politica, diventata sempre più punto di riferimento per pochi e non per molti. Nel frattempo, i millennials dovrebbero essere onesti con chi li ha cresciuti, riconoscendo il ruolo sociale e culturale svolto dagli anziani. Nel 2020 non è ammissibile che 5 ragazzi su 10 desiderino penalizzare gli anziani nell’accesso alle cure, è qualcosa che non sta né in cielo né in terra.

Sarebbe il caso di non sentire più queste brutalità; serve piuttosto un patto intergenerazionale in grado di rinsaldare i legami tra giovani e meno giovani. Il tempo è scaduto da un pezzo: la politica batta un colpo o sarà troppo tardi.

Fonte: l’Occidentale

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Il Covid-19 è nato in laboratorio, le responsabilità cinesi e dell’OMS. Cantagalli pubblica il libro del prof. Joseph Tritto

      di Tiziano Fonte. È uscito ieri in libreria per le Edizioni Cantagalli il libro di Joseph Tritto “Cina Covid-19: la chimera che ha cambiato il mondo” (272 pp., 20 euro). La fama dell’autore, presidente del WABT (World Academy of Biomedical Sciences and Thecnologies di Parigi) e il fatto che il libro prova che il covid-19 non è di origine naturale ma è stato prodotto in laboratorio a Wuhan, mostrando le enormi difficoltà che un sistema politico totalitario come quello della Cina comunista pone alla ricerca e alla sanità, ci si sarebbe aspettati una mobilitazione dei media di particolare vigore. Invece, purtroppo, dobbiamo constatare che è prevalso il silenzio da parte delle grandi testate. Leggi il seguito…

    • Ecco perché sul Ponte di Genova la “retorica dell’arcobaleno” non regge

      di Corrado Ocone. L’impresa, che sarebbe normale in un Paese normale, è stata realizzata, ma il merito è soprattutto di chi ha voluto un commissario straordinario con potere speciali e del commissario stesso, il sindaco di centrodestra di Genova Marco Bucci, che li ha saputi utilizzare. E’ merito poi del governatore della regione Giovanni Toti che ha agevolato e collaborato al risultato e che, sotto l’insegna del buon governo, vola tranquillo verso la rielezione. Ed è anche in parte merito del governo di Giuseppe Conte, ma del precedente non di questo, quello con l’odiato nemico leghista. Insomma, la vittoria politica è tutta del centrodestra, se proprio dovessimo scendere sul terreno volgare della “stampa di regime” Leggi il seguito…

    • Quei laici in politica che tradirono la dottrina

      Dottrina sociale di Stefano Fontana. La situazione è che i laici cattolici impegnati nel sociale o in politica hanno talmente acquisito i contenuti dottrinali delle ideologie che dovrebbero invece combattere, ne hanno talmente condiviso i principi che hanno cessato completamente di combatterle e vi collaborano direttamente. L’adesione dei cattolici deputati in parlamento a leggi contrarie alla legge morale naturale testimoniano che essi hanno ormai dato alla democrazia il valore di fondamento della politica e non di mezzo. Ma ciò era proprio quanto i pontefici dicevano di evitare e quanto invece voleva imporre la politica liberal-massonica.. Leggi il seguito…

    • Se dici Europa a cosa pensi?

      di Marcello Veneziani. Dici Europa e cosa ti viene in mente? Contabilità, solo contabilità. Dare soldi, avere soldi. Pagare debiti, avere crediti. Vedi ventisette figure che un tempo si sarebbero chiamati statisti, che in un padiglione asettico e ovattato, fuori della vita reale, stanno lì giorni e giorni a tirare sul prezzo. Con loro ci sono alti funzionari, macro-dirigenti, eurocrati. L’unione, come la divisione, è sempre sui soldi. Dici migranti e l’Europa non sa cosa rispondere, ognuno balbetta per sé. Dici crisi libica, egemonia turca, invasione cinese, repressione di Hong Kong e mille altre cose che riguardano il mondo, e l’Europa non dice, non fa, non ha mai un pensiero unitario ma solo sottopensieri subnazionali, o meglio subdolo nazionali. Dici 5G, commercio con l’est asiatico, veti americani, pandemia e ancora l’Europa non parla, ciascuno farfuglia a livello locale. Leggi il seguito…