Da “assembramento” a risposta di governo, il percorso del centrodestra per non morire

di Carlo Mascio.

Il centrodestra è tornato in piazza. Unito. È questa di per sé è già una notizia. Dopo mesi di tentennamenti e silenzi sulle strategie anti Covid messe in atto dalla macchina orwelliana del governo Conte e dopo continue divisioni sul piano di aiuti economici per la ripresa post pandemia, ora i leader del centrodestra tornano a battere un colpo.

Per la verità, a leggere le notizie che circolano sul web, sembrerebbe che il corteo del centrodestra sia degno di nota solo per gli assembramenti che si sarebbero creati. Nulla di più. Ma tant’è.

In ogni caso, al di là della solita propaganda dei giornaloni di casa nostra, il dato sugli assembramenti, porta con sè un rischio politico. E ci spieghiamo: se il centrodestra vuole che la manifestazione di oggi resti agli onori della cronaca solo per gli assembramenti, veri o presunti che siano, o per la giusta e necessaria vivacità politica dopo mesi di atteggiamenti incolore, da oggi, 2 giugno 2020, non può non partire la costruzione di una proposta seria per l’Italia.

E non lo diciamo per retorica. Oggi come oggi la gente della retorica politica non sa che farsene. Il dato sul calo del consenso personale al premier Conte parla chiaro: basta parole, ora contano solo i fatti. E questi, ora, per molti hanno un solo nome: liquidità. Soldi per riprendere le attività lavorative, soldi per pagare gli stipendi arretrati, soldi per tornare a guardare il futuro con un briciolo di speranza in più.

Ecco perché, al di là degli atteggiamenti folcloristici – alla Pappalardo per intenderci-, le proteste arancioni degli ultimi giorni sono solo un piccolo aperitivo di quello che potrebbe succedere a settembre-ottobre quando, se non si interviene, molti Italiani rischiano di rimanere a casa non per il Coronavirus ma perché non hanno più un lavoro.

Alla luce di tutto ciò, oggi il centrodestra unito ha una responsabilità in più: per mostrarsi come vera alternativa di governo deve avanzare una proposta concreta per il futuro di questo Paese. Proposta che venga inevitabilmente percepita come credibile e percorribile. I margini ci sono. Il centrodestra ha uomini e tradizione di governo non indifferente. Va sfruttata proprio ora. Come? Formare un governo-ombra? Perché no. La proposta non affascina nessuno, ce ne rendiamo conto, anche perché richiama una stagione veltroniana che non ha avuto grande fortuna.

Se non proprio un governo-ombra, va lanciata una proposta che assuma sempre più i caratteri di una risposta di governo. Ecco, risposta oggi è la parola che tutti vogliono sentire. Risposta alle troppe incertezze dovute non tanto al Covid, quanto alla evidente incapacità governativa di porre in atto soluzioni concrete ai problemi post pandemia. Non è un giudizio sul governo. È la realtà, quella che vediamo ogni giorno. Il popolo del centrodestra attende questa risposta.

Quindi, da oggi, testa bassa e lavorare. Altrimenti, il 2 giugno 2020 verrà ricordato come l’assembramento di forze diverse incapaci di trovare una unità per il Paese.

Fonte: l’Occidentale

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Legge Zan omofobia: ci sarebbe da ridere se non ci fosse da piangere

      di Carlo Giovanardi. Tanto è già stato scritto e detto sull’art.1 della proposta di legge Zan sull’omofobia, oscurantista e liberticida, che colpisce penalmente chi istiga a commettere o commette atti di discriminazione per motivi fondati sul sesso, sul genere, sull’orientamento sessuale o sull’identità di genere, senza naturalmente spiegare quali sarebbero le fattispecie incriminabili, come la Conferenza Episcopale Italiana ha giustamente sottolineato. Leggi il seguito…

    • Se è di moda inginocchiarsi (ma non in chiesa)

      di Stefano Fontana. Dai parlamentari ai piloti di Formula 1, fino agli atleti negli stadi. Mentre il mondo si inginocchia allo slogan “Black Lives Matter”, in molte chiese si vieta di inginocchiarsi davanti a Dio. E non c’entra solo il Covid. Inginocchiarsi ha un significato religioso e l’attuale moda ha tratti ideologici. Come diceva Benedetto XVI, chi rifiuta Dio finisce per credere negli idoli. Leggi il seguito…

    • Quattro ragioni per cacciare Conte

      di Marcello Veneziani. Ma perché ce l’avete così tanto con Conte, dopotutto non è di sinistra, ha garbo, un po’ di studi, piace alla gente e poi è pugliese come lei, mi scrive una signora conterronea, madre di tre bambini (complimenti per la triplice maternità se non è reato con la nuova legge anti-transomofobia). Gentile Signora, non ho nulla di personale contro Conte, non ho rancori di alcun tipo, rivalse di campanile o tifoserie di contrada politica. L’unica volta che lo incontrai in un comitato di studiosi fu garbato e garbatamente inconcludente; il tema era valorizzare l’italianità con gli anniversari storici e ovviamente non si fece niente. Nulla di personale; del resto è il Nulla fatto persona. Leggi il seguito…

    • Anche il Mes si tinge di arcobaleno e strizza l’occhio alla teoria del Gender

      di Giuseppe Pica. Non solo le istituzioni europee nel loro complesso hanno sposato al 100% le cause liberal, ora non si ha problema a far riferimento anche ad elementi economici per giustificare l’adesione alle battaglie che riguardano le teorie “gender”. Se fino a ieri quindi il MES aveva come nemici tutti coloro i quali lo consideravano il simbolo più punitivo dell’UE dal punto di vista economico, c’è da scommettere che d’ora in poi anche nel mondo cattolico e moderato in pochi faranno la fila per difenderlo a spada tratta Leggi il seguito…