ROSARIO PER L’ITALIA. Coordinamento JUSTITIA ET PAX per la Dottrina sociale della Chiesa

Oggi, 30 aprile 2020, festa di San Pio V, papa del Rosario e della Madonna della Vittoria, alle soglie del Mese di Maggio dedicato a Maria Santissima e nello spirito di Fatima, le associazioni e i centri culturali aderenti al Coordinamento Justitia et Pax per la Dottrina sociale della Chiesa

SI IMPEGNANO ALLA RECITA QUOTIDIANA

DEL SANTO ROSARIO

per tutto il mese di maggio, per chiedere a Maria Santissima di intercedere per il bene della Chiesa in Italia e del nostro Paese. L’Italia sta attraversando una crisi non solo sanitaria, ma economica, politica, culturale e spirituale. La pandemia in corso ha fatto emergere risorse positive, ma ci ha anche introdotto in una fase di ricostruzione dai molti pericoli. Sono state liberate forze distruttive a cui bisogna contrapporre le forze del bene. La preghiera mariana ha anche un valore pubblico, perché anche la storia profana e la natura sono nelle mani di Dio e tutto avviene secondo i Suoi provvidenziali disegni: i giochi non si fanno solo sulla terra ma soprattutto in Cielo.

La recita quotidiana del Rosario avverrà con le seguenti intenzioni:

  • Che la Chiesa italiana sia unita nella Verità e abbia il coraggio di proporre integralmente al mondo Cristo e la sua salvezza;
  • Che la ricostruzione della nazione dopo la presente pandemia sia illuminata dai principi di riflessione, dai criteri di giudizio e dalle direttive di azione della Dottrina sociale della Chiesa, riscoperta nella sua tradizionale identità missionaria e che a ciò si impegnino tutte le componenti della Chiesa e soprattutto i fedeli laici;
  • Che la Nazione italiana riscopra la propria identità cattolica, non solo per motivi legati al passato ma per l’indispensabile aiuto che la fede cattolica può dare anche alla costruzione della Città dell’uomo.
  • Che il Vangelo sia da tutti vissuto non solo come utile ma come indispensabile per la costruzione del bene comune, anche temporale.

Stefano Fontana

A nome delle 30 associazioni aderenti al Coordinamento

Fonte: Osservatorio Internazionale Card. Van Thuân

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Deregulation, interesse nazionale, sussidiarietà: le stelle polari del centrodestra dopo la globalizzazione “cinese”

      di Eugenio Capozzi. Quali dovrebbero essere le priorità, le parole d’ordine, i punti programmatici alla base della coalizione di centrodestra ora che l’Italia deve affrontare la dura sfida della ripresa dopo l’epidemia di coronavirus gestita (male, malissimo), dal governo giallorosso di Giuseppe Conte? Come si può trasformare in fatti e progetti la presenza critica mostrata nelle manifestazioni del 2 giugno, in termini di risultati concreti per il paese, più ancora che di consensi elettorali? Leggi il seguito…

    • Censis, in cinque interviste tutti i limiti di Conte

      di Frodo. Cinque interviste nel corso di poche ore e tutte al vetriolo nei confronti di alcune scelte di sostanza operate dall’esecutivo giallorosso: se la giornata di ieri ha avuto un padrone, questo è stato il professor Giuseppe De Rita, presidente del CENSIS. Un Professore con la P maiuscola che ha ridimensionato con dovizia di particolari la narrativa del governo sulla pandemia, scaricando di fatto l’azione politica di Giuseppi e dei suoi alleati. De Rita è un sociologo di nota fama. La sua lettura non ha paletti. Un termine che ricorre spesso tra le cinque disamine è “paura”. Quella che il governo, secondo noi, non solo non è riuscito a stemperare, ma forse è persino finito con l’assecondare. Leggi il seguito…

    • Il patriottismo dei mascalzoni

      di Marcello Veneziani. Su, finitela con questa mascherata. Da quando, il 1° giugno, Sergio Mattarella ha invocato l’unità del paese allo scopo di delegittimare la manifestazione dell’opposizione del giorno dopo, la Cupola italiana – quell’intreccio di poteri che occupa istituzioni, governo, scena politica, media di stato e giornaloni, poteri giudiziari e sanitari – ripete ogni giorno il mantra di restare uniti contro il virus, la destra e la piazza, che poi ai loro occhi coincidono. La chiamano unità ma intendono uniformità. La chiamano comunità ma intendono conformità. Leggi il seguito…

    • Parla il fondatore dei (veri) Gilet arancioni: “Noi siamo il movimento della terra, ripartire da qui”

      Intervista di Claudia Passa. “I gilet arancioni ce li siamo inventati noi, e non sono certo questi. Sono un movimento nato per far sentire l’urlo della terra. Potranno pure prendersi il nostro marchio, ma noi non ci fermeremo”. I gilet arancioni hanno un luogo e una data di nascita, hanno una precisa ragione sociale e hanno un “papà”, che non è il pittoresco generale Pappalardo ma il conte Onofrio Spagnoletti Zeuli. Importante imprenditore agricolo pugliese, da sempre attivo nel mondo dell’associazionismo di settore, Spagnoletti è stato protagonista di importanti mobilitazioni dei lavoratori della terra, esercito di “invisibili” di cui forse l’emergenza coronavirus ha fatto comprendere appieno il valore. Leggi il seguito…