Religioni senza Dio, preghiera senza un perché

di Stefano Fontana.

La Giornata di preghiera e digiuno ispirata al documento di Abu Dhabi e proposta a tutte le religioni si fonda su un generico desiderio di pace e di salute che è tutto umano e anche il fine è tutto umano. Al divino ci si rivolge perché soddisfi i nostri desideri umani. Ma senza il desiderio di conversione anche la preghiera è senza senso.

Oggi cade la Giornata di preghiera e digiuno proposta dall’Alto Comitato per la fratellanza umana composto da capi religiosi che si ispirano al documento firmato ad Abu Dhabi (clicca qui) da Francesco e dal grande imam di al-Azhar. Il Comitato è formato da otto membri, due cattolici, cinque musulmani più il rabbino M. Bruce Lustig della Congregazione ebraica di Washington, aggiunto di recente. Alla giornata ha aderito anche papa Francesco.

Due video molto eloquenti sul nuovo spirito di “Abu Dhabi” di questa Giornata sono stati preparati e diffusi in molte lingue, uno a cura del Comitato stesso (clicca qui) e l’altro a cura del Vaticano (clicca qui). La proposta è rivolta a tutte le religioni e, anzi, a tutti gli uomini, anche non credenti perché, come dichiarato da Cenap Aydin, musulmano, direttore dell’Istituto Tevere, centro di dialogo interculturale e interreligioso di Roma: “invita tutti ad avere un desiderio per la pace, per il benessere, per il bene comune, e questo invito tocca tutti quanti”.

L’invito a pregare insieme si fonda quindi non sulle verità credute, che in questo caso vengono evidentemente messe da parte, ma su un comune desiderio umano di pace e benessere presente in tutti. Per questo ognuno prega “a seconda della sua religione, fede o dottrina”, qualsiasi essa sia. Secondo i due video tale desiderio nasce dalla comune esperienza delle difficoltà durante la pandemia che ci avrebbe fatto capire che siamo “sulla stessa barca” e che “insieme saremo più forti”.

Lo scopo della Giornata è così dichiarato: costruire “un mondo più umano e con più spirito di fratellanza che mai”. La motivazione di partenza è umana e quindi anche il fine non può essere che umano. Si parte da una comune esperienza umana di disagio e da un umano desiderio di pace e benessere e si finisce per pregare per un mondo in cui questi desideri umani vengano soddisfatti. Tra questo inizio e questa fine il divino che viene pregato risulta marginale, di passaggio, strumentale: è indifferente chi e cosa esso sia (indifferente anche se esso sia), perché la partenza e l’approdo rimangono umani.

Al divino ci si rivolge perché soddisfi i nostri desideri umani. È evidente che così non c’è nessun tipo di conversione, ognuno rimane quello che è, come nei giorni precedenti a questa Giornata, perché non si chiede al divino di cambiare i nostri desideri per conformarli ai suoi, ma di confermare i nostri. Ora, una preghiera senza conversione che senso ha?

Nel video di presentazione della Santa Sede si sente dire che “la preghiera è un valore universale” e “preghiamo tutti insieme per sentirci Chiesa, famiglia, e sconfiggiamo la pandemia”. Ciò rimanda ancora ad un orizzonte solo umano della preghiera come espressione di un desiderio e alla Chiesa come indistinta e non meglio caratterizzata famiglia umana che combatte per il proprio benessere. Il cardinale Zuppi, nella sua lettera alla diocesi in occasione della Giornata, estende il discorso anche al digiuno che secondo lui deve “rafforzarci nella determinazione a combattere ogni male” e nel “dovere di amare e custodire insieme la nostra unica casa comune”. Una cosa è certa: un digiuno così inteso sarà (forse) umano ma non certo cristiano.

Tornando alla proposta del Comitato, essa dice che “I nostri fratelli credono in Dio creatore” e per questo le religioni devono pregare insieme Dio Creatore che debelli la pandemia. Ma non è per niente vero che tutte le religioni credono in un Dio creatore: l’appello del Comitato si basa su una falsità. Per credere in Dio creatore si deve credere in un Dio trascendente, in un Dio personale, in un Dio intelligente, in un Dio provvidente. Non tutte le religioni credono in un Dio dalle simili caratteristiche. Per alcune Dio è solo Volontà e non Intelligenza, per altre è una realtà anonima e non personale, per altre ancora è immanente e non trascendente. Se il motivo per pregare insieme è che tutti crediamo in un Dio creatore questo motivo è una grande sciocchezza.

Ammesso pure che tutte le religioni credano in un Dio creatore, bisogna poi anche vedere come intendono la creazione. Dal nulla? Per emanazione? Per evoluzione? Secondo ragione o secondo la sola volontà? E per ognuna di queste motivazioni nascono visioni delle cose molto diverse tra loro. Come non basta dire “Dio creatore”, non basta nemmeno dire “creazione”.

Si dice che queste iniziative corrono il rischio di provocare nei credenti un certo indifferentismo religioso. La realtà, purtroppo, è molto diversa. Esse infatti sono rese possibili proprio dall’indifferentismo religioso, che c’è già nelle loro motivazioni prima ancora che nelle conseguenze. Se poi, come fa il teologo Giuseppe Lorizio su Famiglia Cristiana, si mette in relazione la Giornata di oggi con la gioia per la conversione all’islam di Silvia Romano e ambedue i fatti vengono fatti risalire alla Dignitatis humanae del Vaticano II, la confusione è completa.

Fonte: La nuova Bussola Quotidiana

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Ddl Zan: non si tratta solo di una minaccia alla libertà di opinione

      di Fabio Fuiano. Tavolo di Lavoro sul dopo-coronavirus. L’unico modo per vincere questa battaglia è adottare il principio dell’agere contra: per cui alla falsità si deve opporre la verità e al vizio la virtù. Senza una strategia del genere non metteremo mai in discussione le fondamenta su cui si basano certe proposte di legge e continueremo a subire cocenti sconfitte, come è già accaduto in passato. Se oggi siamo arrivati ad una tale dissoluzione morale e sociale, lo dobbiamo ad una rinuncia del mondo cattolico ad essere militante in virtù di una difesa incondizionata della libertà che però, senza la verità perde totalmente di significato e si tramuta in schiavitù Leggi il seguito…

    • Com’è buono (e inetto) il Comitato degli scienziatoni

      di Andrea Zambrano. Dai verbali desecretati del Cts emerge la volontà di imporre le norme del lockdown come esperimento di intruppamento sociologico. L'incredibie vademecum ai bambini: sveglia, bagno, colazione, igiene personale, attività domestiche e scolastiche. È l'insopportabile pretesa, tipica di uno Stato totalitario, di togliere la libertà insegnando a mamma e papà a fare i genitori. Questo daily plan andrebbe studiato nelle università di tutto il mondo perché è la prova che il Cts altro non era che una scusa per disporre della nostra libertà e intelligenza. È un insulto alla nostra pazienza, un’insopportabile e moralistica presa per il naso da parte di signorinessuno che hanno la grande responsabilità di aver dettato al governo l'azzoppamento di questo Paese Leggi il seguito…

    • Il Covid-19 è nato in laboratorio, le responsabilità cinesi e dell’OMS. Cantagalli pubblica il libro del prof. Joseph Tritto

      di Tiziano Fonte. È uscito ieri in libreria per le Edizioni Cantagalli il libro di Joseph Tritto “Cina Covid-19: la chimera che ha cambiato il mondo” (272 pp., 20 euro). La fama dell’autore, presidente del WABT (World Academy of Biomedical Sciences and Thecnologies di Parigi) e il fatto che il libro prova che il covid-19 non è di origine naturale ma è stato prodotto in laboratorio a Wuhan, mostrando le enormi difficoltà che un sistema politico totalitario come quello della Cina comunista pone alla ricerca e alla sanità, ci si sarebbe aspettati una mobilitazione dei media di particolare vigore. Invece, purtroppo, dobbiamo constatare che è prevalso il silenzio da parte delle grandi testate. Leggi il seguito…

    • Ecco perché sul Ponte di Genova la “retorica dell’arcobaleno” non regge

      di Corrado Ocone. L’impresa, che sarebbe normale in un Paese normale, è stata realizzata, ma il merito è soprattutto di chi ha voluto un commissario straordinario con potere speciali e del commissario stesso, il sindaco di centrodestra di Genova Marco Bucci, che li ha saputi utilizzare. E’ merito poi del governatore della regione Giovanni Toti che ha agevolato e collaborato al risultato e che, sotto l’insegna del buon governo, vola tranquillo verso la rielezione. Ed è anche in parte merito del governo di Giuseppe Conte, ma del precedente non di questo, quello con l’odiato nemico leghista. Insomma, la vittoria politica è tutta del centrodestra, se proprio dovessimo scendere sul terreno volgare della “stampa di regime” Leggi il seguito…