L’accusa americana alla Cina: laboratorio? Sta in piedi?

A mio personale giudizio Il Giornale è uno dei pochi quotidiani ad avere approfondimenti seri ed interessanti di politica estera.
Proprio dal Giornale apprendo il nome di colui che starebbe dietro la svolta dell’amministrazione Usa riguardo al Covid 19: Matthew Pottinger
(https://it.insideover.com/…/chi-e-il-falco-che-guida-trump-…).

Sempre il Giornale ricorda che codesto Pottinger sostenne, nel 2004, che anche la SARS era un virus di laboratorio (vedi Wall Street Journal). Tesi vecchia, dunque, e per il passato certamente falsa (che venga ripetuta oggi dalla stessa persona è quantomeno sospetto).

Senza alcuna simpatia per il governo comunista cinese (mi auguro anzi che questa crisi possa proprio far saltare il partito unico), mi limito a sostenere che, PER ORA, l’autorevolezza e la imparzialità dell’accusa mi sembrano scarsine (per ora neppure un laboratorio americano o anglosassone o occidentale ha proposto la tesi del virus artificiale, anzi gli studi più seri sembrano negarla); aggiungo che da 30 anni sento parlare gli Usa di armi chimiche usate da altri, e ogni volta si scopre che si tratta di una menzogna.
Chi vivrà, vedrà (virus naturale? Virus artificiale? Virus naturale scappato da laboratorio?..ma in quest’ultimo caso, come saperlo? E con quali conseguenze? Far ancora finta che non ci siano altri virus naturali devastanti in agguato in Cina, Asia, Africa?)

Ma perchè Trump sposa questa posizione, dopo che per diversi mesi non la aveva neppure presa in considerazione?

Le ipotesi sono 2:

1) ci crede davvero (ma allora a breve dovremo vedere le prove di cui Pompeo ha parlato, e che però sono state negate subito dopo: “La Cina ha distrutto le prove”).

2) Trump ha deciso solo ora di “credere” alla tesi del virus in laboratorio per lo stesso motivo per cui hanno finto di crederci, qualche mese fa, i cinesi (quando il partito comunista cinese lanciò l’accusa che a produrre il virus in laboratorio erano stati gli americani): per motivi elettorali.
Infatti il virus miete molte vittime negli Usa e rischia di bloccare la grande ripresa economica avvenuta con Trump.

Propongo infine un’ ipotesi: dall’inizio della sua presidenza Trump gioca una battaglia a nascondino con i falchi, assecondandoli, ed emarginandoli (Bolton è l’esempio più eclatante, imbarcato e defenestrato); così ha fatto con i falchi anti Russia, anti Corea, anti Iran… Un colpo al cerchio ed uno alla botte, stando ben attento a non far precipitare le cose in un conflitto armato vero e proprio.

Ecco, secondo me il suo gioco è ancora questo: per vincere le elezioni di novembre aumenterà i toni dello scontro, ma subito dopo tornerà alla sua politica (contenere la Cina, il suo imperialismo, ma senza arrivare alla guerra, consapevole che ormai il “secolo americano” è un sogno del passato e che lo scontro frontale con Russia e Cina (che pure fa, giustamente, tanta paura) potrebbe essere mortale per tutti.

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Deregulation, interesse nazionale, sussidiarietà: le stelle polari del centrodestra dopo la globalizzazione “cinese”

      di Eugenio Capozzi. Quali dovrebbero essere le priorità, le parole d’ordine, i punti programmatici alla base della coalizione di centrodestra ora che l’Italia deve affrontare la dura sfida della ripresa dopo l’epidemia di coronavirus gestita (male, malissimo), dal governo giallorosso di Giuseppe Conte? Come si può trasformare in fatti e progetti la presenza critica mostrata nelle manifestazioni del 2 giugno, in termini di risultati concreti per il paese, più ancora che di consensi elettorali? Leggi il seguito…

    • Censis, in cinque interviste tutti i limiti di Conte

      di Frodo. Cinque interviste nel corso di poche ore e tutte al vetriolo nei confronti di alcune scelte di sostanza operate dall’esecutivo giallorosso: se la giornata di ieri ha avuto un padrone, questo è stato il professor Giuseppe De Rita, presidente del CENSIS. Un Professore con la P maiuscola che ha ridimensionato con dovizia di particolari la narrativa del governo sulla pandemia, scaricando di fatto l’azione politica di Giuseppi e dei suoi alleati. De Rita è un sociologo di nota fama. La sua lettura non ha paletti. Un termine che ricorre spesso tra le cinque disamine è “paura”. Quella che il governo, secondo noi, non solo non è riuscito a stemperare, ma forse è persino finito con l’assecondare. Leggi il seguito…

    • Il patriottismo dei mascalzoni

      di Marcello Veneziani. Su, finitela con questa mascherata. Da quando, il 1° giugno, Sergio Mattarella ha invocato l’unità del paese allo scopo di delegittimare la manifestazione dell’opposizione del giorno dopo, la Cupola italiana – quell’intreccio di poteri che occupa istituzioni, governo, scena politica, media di stato e giornaloni, poteri giudiziari e sanitari – ripete ogni giorno il mantra di restare uniti contro il virus, la destra e la piazza, che poi ai loro occhi coincidono. La chiamano unità ma intendono uniformità. La chiamano comunità ma intendono conformità. Leggi il seguito…

    • Parla il fondatore dei (veri) Gilet arancioni: “Noi siamo il movimento della terra, ripartire da qui”

      Intervista di Claudia Passa. “I gilet arancioni ce li siamo inventati noi, e non sono certo questi. Sono un movimento nato per far sentire l’urlo della terra. Potranno pure prendersi il nostro marchio, ma noi non ci fermeremo”. I gilet arancioni hanno un luogo e una data di nascita, hanno una precisa ragione sociale e hanno un “papà”, che non è il pittoresco generale Pappalardo ma il conte Onofrio Spagnoletti Zeuli. Importante imprenditore agricolo pugliese, da sempre attivo nel mondo dell’associazionismo di settore, Spagnoletti è stato protagonista di importanti mobilitazioni dei lavoratori della terra, esercito di “invisibili” di cui forse l’emergenza coronavirus ha fatto comprendere appieno il valore. Leggi il seguito…