L’accusa americana alla Cina: laboratorio? Sta in piedi?

A mio personale giudizio Il Giornale è uno dei pochi quotidiani ad avere approfondimenti seri ed interessanti di politica estera.
Proprio dal Giornale apprendo il nome di colui che starebbe dietro la svolta dell’amministrazione Usa riguardo al Covid 19: Matthew Pottinger
(https://it.insideover.com/…/chi-e-il-falco-che-guida-trump-…).

Sempre il Giornale ricorda che codesto Pottinger sostenne, nel 2004, che anche la SARS era un virus di laboratorio (vedi Wall Street Journal). Tesi vecchia, dunque, e per il passato certamente falsa (che venga ripetuta oggi dalla stessa persona è quantomeno sospetto).

Senza alcuna simpatia per il governo comunista cinese (mi auguro anzi che questa crisi possa proprio far saltare il partito unico), mi limito a sostenere che, PER ORA, l’autorevolezza e la imparzialità dell’accusa mi sembrano scarsine (per ora neppure un laboratorio americano o anglosassone o occidentale ha proposto la tesi del virus artificiale, anzi gli studi più seri sembrano negarla); aggiungo che da 30 anni sento parlare gli Usa di armi chimiche usate da altri, e ogni volta si scopre che si tratta di una menzogna.
Chi vivrà, vedrà (virus naturale? Virus artificiale? Virus naturale scappato da laboratorio?..ma in quest’ultimo caso, come saperlo? E con quali conseguenze? Far ancora finta che non ci siano altri virus naturali devastanti in agguato in Cina, Asia, Africa?)

Ma perchè Trump sposa questa posizione, dopo che per diversi mesi non la aveva neppure presa in considerazione?

Le ipotesi sono 2:

1) ci crede davvero (ma allora a breve dovremo vedere le prove di cui Pompeo ha parlato, e che però sono state negate subito dopo: “La Cina ha distrutto le prove”).

2) Trump ha deciso solo ora di “credere” alla tesi del virus in laboratorio per lo stesso motivo per cui hanno finto di crederci, qualche mese fa, i cinesi (quando il partito comunista cinese lanciò l’accusa che a produrre il virus in laboratorio erano stati gli americani): per motivi elettorali.
Infatti il virus miete molte vittime negli Usa e rischia di bloccare la grande ripresa economica avvenuta con Trump.

Propongo infine un’ ipotesi: dall’inizio della sua presidenza Trump gioca una battaglia a nascondino con i falchi, assecondandoli, ed emarginandoli (Bolton è l’esempio più eclatante, imbarcato e defenestrato); così ha fatto con i falchi anti Russia, anti Corea, anti Iran… Un colpo al cerchio ed uno alla botte, stando ben attento a non far precipitare le cose in un conflitto armato vero e proprio.

Ecco, secondo me il suo gioco è ancora questo: per vincere le elezioni di novembre aumenterà i toni dello scontro, ma subito dopo tornerà alla sua politica (contenere la Cina, il suo imperialismo, ma senza arrivare alla guerra, consapevole che ormai il “secolo americano” è un sogno del passato e che lo scontro frontale con Russia e Cina (che pure fa, giustamente, tanta paura) potrebbe essere mortale per tutti.

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Quel che resta dopo il massacro

      di Marcello Veneziani. Il governo che resta ha tre problemi enormi, oltre quello di una maggioranza stentata, variabile, raccogliticcia. Il primo problema si chiama Conte. Se la politica vuole riconquistare un po’ di decenza non può lasciare che resti al governo un megalomane vanitoso, mai votato dal popolo sovrano anche se si presentò in origine come populista e sovranista, che sconfessa ogni giorno le posizioni e gli alleati del giorno precedente, campa sulla pandemia e sul panico che ne deriva, finge di essere modello per il mondo intero mentre il paese sprofonda nella sua crisi più drammatica; annuncia, sceneggia, assume poteri inauditi, cerca di galleggiare a ogni prezzo, non ha altro dio all’infuori di sé. La politica tutta, da sinistra a destra, non può accettare di essere così mortificata e commissariata, deve rimandare Conte nel nulla da cui è venuto per riprendersi la dignità Leggi il seguito…

    • Obiettivi ONU 2030: la Santa Sede faccia attenzione

      di Stefano Fontana. La Chiesa cattolica sembra partecipare con convinzione al perseguimento degli Obiettivi di sviluppo sostenibile dell’ONU per il 2030, però in quegli Obiettivi molte cose non vanno né per la morale naturale né per quella cattolica. Nelle parole melliflue riportate al punto 3.7 troviamo l’aborto universalizzato, la contraccezione finanziata o imposta, la negazione della vita e della famiglia. Quest’ultima parola – famiglia – non appare mai in tutti i 169 Traguardi ONU. Come è possibile, allora, che la Santa Sede ne sia entusiasta e vi collabori? Leggi il seguito…

    • Inizia l’era di Biden, il presidente del compromesso. Mentre Trump già prepara il ritorno in scena: come, si vedrà

      di Vito De Luca. D’accordo, Joe Biden è il nuovo presidente degli Stati Uniti, il 46°, e Donald Trump, il predecessore, è volato al caldo della Florida. Forse “The Donald” fonderà un suo partito, o un movimento, forse rimarrà all’interno del Gop, il Grand Old Party, forse darà vita ad un network tutto suo, forse si ricandiderà alla presidenza degli Stati Uniti nel 2024, forse lo farà uno dei suoi figli. Di sicuro, però, si ha che da un lato Biden sarà, sin da oggi, a partire dalla raffica degli ordini esecutivi sparati immediatamente (tra l’altro, l’unico e autentico potere governativo che hanno i presidenti americani), un presidente anatra zoppa, e dall’altro che Trump non sparirà. Leggi il seguito…

    • Perché la Chiesa ormai fa politica diretta

      Dottrina sociale di Stefano Fontana. I vertici ecclesiastici sia della Chiesa universale che di quella italiana ormai fanno politica diretta, appoggiano governi e uomini politici, ne condannano altri, sostengono formule politiche a danno di altre o addirittura collaborano a creare nuovi corsi politici. Gli esempi sono molteplici. L’appoggio a Biden, l’odio politico per Trump oppure per Salvini, l’appoggio a suo tempo al governo Monti e ora al governo Conte, il sostegno incondizionato per il governo dell’Unione Europea, la produzione di nuovi soggetti politici come per esempio il partito “Insieme” di Stefano Zamagni, l’invito ai parlamentari cattolici a sostenere un possibile nuovo partito di Conte in cui forse confluirebbe anche “Insieme”. Papa e Vescovi fanno i politicanti, non c’è dubbio. Leggi il seguito…