L’accusa americana alla Cina: laboratorio? Sta in piedi?

A mio personale giudizio Il Giornale è uno dei pochi quotidiani ad avere approfondimenti seri ed interessanti di politica estera.
Proprio dal Giornale apprendo il nome di colui che starebbe dietro la svolta dell’amministrazione Usa riguardo al Covid 19: Matthew Pottinger
(https://it.insideover.com/…/chi-e-il-falco-che-guida-trump-…).

Sempre il Giornale ricorda che codesto Pottinger sostenne, nel 2004, che anche la SARS era un virus di laboratorio (vedi Wall Street Journal). Tesi vecchia, dunque, e per il passato certamente falsa (che venga ripetuta oggi dalla stessa persona è quantomeno sospetto).

Senza alcuna simpatia per il governo comunista cinese (mi auguro anzi che questa crisi possa proprio far saltare il partito unico), mi limito a sostenere che, PER ORA, l’autorevolezza e la imparzialità dell’accusa mi sembrano scarsine (per ora neppure un laboratorio americano o anglosassone o occidentale ha proposto la tesi del virus artificiale, anzi gli studi più seri sembrano negarla); aggiungo che da 30 anni sento parlare gli Usa di armi chimiche usate da altri, e ogni volta si scopre che si tratta di una menzogna.
Chi vivrà, vedrà (virus naturale? Virus artificiale? Virus naturale scappato da laboratorio?..ma in quest’ultimo caso, come saperlo? E con quali conseguenze? Far ancora finta che non ci siano altri virus naturali devastanti in agguato in Cina, Asia, Africa?)

Ma perchè Trump sposa questa posizione, dopo che per diversi mesi non la aveva neppure presa in considerazione?

Le ipotesi sono 2:

1) ci crede davvero (ma allora a breve dovremo vedere le prove di cui Pompeo ha parlato, e che però sono state negate subito dopo: “La Cina ha distrutto le prove”).

2) Trump ha deciso solo ora di “credere” alla tesi del virus in laboratorio per lo stesso motivo per cui hanno finto di crederci, qualche mese fa, i cinesi (quando il partito comunista cinese lanciò l’accusa che a produrre il virus in laboratorio erano stati gli americani): per motivi elettorali.
Infatti il virus miete molte vittime negli Usa e rischia di bloccare la grande ripresa economica avvenuta con Trump.

Propongo infine un’ ipotesi: dall’inizio della sua presidenza Trump gioca una battaglia a nascondino con i falchi, assecondandoli, ed emarginandoli (Bolton è l’esempio più eclatante, imbarcato e defenestrato); così ha fatto con i falchi anti Russia, anti Corea, anti Iran… Un colpo al cerchio ed uno alla botte, stando ben attento a non far precipitare le cose in un conflitto armato vero e proprio.

Ecco, secondo me il suo gioco è ancora questo: per vincere le elezioni di novembre aumenterà i toni dello scontro, ma subito dopo tornerà alla sua politica (contenere la Cina, il suo imperialismo, ma senza arrivare alla guerra, consapevole che ormai il “secolo americano” è un sogno del passato e che lo scontro frontale con Russia e Cina (che pure fa, giustamente, tanta paura) potrebbe essere mortale per tutti.

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Quei laici in politica che tradirono la dottrina

      Dottrina sociale di Stefano Fontana. La situazione è che i laici cattolici impegnati nel sociale o in politica hanno talmente acquisito i contenuti dottrinali delle ideologie che dovrebbero invece combattere, ne hanno talmente condiviso i principi che hanno cessato completamente di combatterle e vi collaborano direttamente. L’adesione dei cattolici deputati in parlamento a leggi contrarie alla legge morale naturale testimoniano che essi hanno ormai dato alla democrazia il valore di fondamento della politica e non di mezzo. Ma ciò era proprio quanto i pontefici dicevano di evitare e quanto invece voleva imporre la politica liberal-massonica.. Leggi il seguito…

    • Se dici Europa a cosa pensi?

      di Marcello Veneziani. Dici Europa e cosa ti viene in mente? Contabilità, solo contabilità. Dare soldi, avere soldi. Pagare debiti, avere crediti. Vedi ventisette figure che un tempo si sarebbero chiamati statisti, che in un padiglione asettico e ovattato, fuori della vita reale, stanno lì giorni e giorni a tirare sul prezzo. Con loro ci sono alti funzionari, macro-dirigenti, eurocrati. L’unione, come la divisione, è sempre sui soldi. Dici migranti e l’Europa non sa cosa rispondere, ognuno balbetta per sé. Dici crisi libica, egemonia turca, invasione cinese, repressione di Hong Kong e mille altre cose che riguardano il mondo, e l’Europa non dice, non fa, non ha mai un pensiero unitario ma solo sottopensieri subnazionali, o meglio subdolo nazionali. Dici 5G, commercio con l’est asiatico, veti americani, pandemia e ancora l’Europa non parla, ciascuno farfuglia a livello locale. Leggi il seguito…

    • Matteo Salvini: cronaca di una condanna annunciata

      di Claudio Togna. E così il Senato della Repubblica ha deciso che il destino personale e politico di Matteo Salvini sia, fatalmente, rimesso all’esito del giudizio dell’Autorità Giudiziaria. Al di là dell’aspetto formale e procedimentale: (e cioè che quello del Senato non rappresenterebbe un giudizio di colpevolezza ma solo un esame sulla ricorrenza o meno, rispetto agli atti del Ministro, dell’esistenza o meno di un preminente interesse pubblico) la votazione del Senato rappresenta, nella fattualità concreta ordinamentale, una prima condanna. Leggi il seguito…

    • La trasformazione in atto della teologia morale cattolica

      di Stefano Fontana. Intervento n. 1 Nella teologia morale cattolica è in atto un totale cambiamento di prospettiva e di struttura. La Dottrina sociale della Chiesa fa parte della teologia morale, come ha insegnato Giovanni Paolo II[1], e quindi diventa fondamentale chiarire in quale quadro essa si inserisce. Per questo motivo ho pensato di pubblicare una serie di interventi su questo tema: la riforma (o rivoluzione) in atto della teologia morale. Potrebbe anche darsi che il nuovo quadro della teologia morale fosse tale da impedire l’esistenza della Dottrina sociale della Chiesa o richiedesse di superarla. In questo caso si creerebbe un corto circuito piuttosto preoccupante: il quadro che dovrebbe dare senso alla Dottrina sociale invece la soffocherebbe e ne impedirebbe la vita. Leggi il seguito…