La “forza del dolore salvifico” testimoniata in Giovanni Paolo II anche dalla grafologa Evi Crotti.

Giotto, L’Ascensione, Cappella di Santa Maria della Carità, detta Degli Scrovegni, 1303-1305, Padova, particolare

Ieri, solennità dell’Ascensione di Nostro Signore Gesù Cristo, secondo la splendida espressione liturgica della tradizione Cattolica, ho letto un articolo su Il Giornale a firma della nota grafologa Evi Crotti, Ecco chi era davvero

Giovanni Paolo II. Da Cracovia al Conclave: la storia di Giovanni Paolo II raccontata con la sua grafia, Sab, 23/05/2020  (qui).

.

Consumata nello studio della personalità tramite l’analisi puntuale delle grafie, Evi Crotti traccia il profilo del Santo dal 1962 al 2001, ponendo in sintetica e puntuale relazione la sensibilità, la cultura, gli eventi, le sue scelte e stupisce là dove ella scrive:

In seguito (1992, all’ età di 72 anni), la scrittura di Giovanni Paolo II si fa più piccola, a segnalare l’andamento della sua nota malattia (morbo di Parkinson). Ma i tratti, i gesti, i legamenti e l’ordine grafico mettono in evidenza la sua permanente lucidità mentale e la sua capacità di affrontare la sofferenza con inspiegabile serenità.

In un uomo, che aveva dimostrato una grande forza d’animo, tenacia, fede, passione per l’uomo, nonostante nel fisico risultasse piegato dalla “sua nota malattia”, lo scritto mette in evidenza “la sua permanente lucidità mentale e la sua capacità di affrontare la sofferenza con inspiegabile serenità”.

Sicché, pur partendo da uno studio oggettivo, e interpretativo a un tempo, la studiosa coglie la capacità del Santo di affrontare la sofferenza con inspiegabile serenità. Serenità nella sofferenza!

Giotto, L’Ascensione, Cappella di Santa Maria della Carità, detta Degli Scrovegni, 1303-1305, Padova

Egli, da sempre dedicato a Maria, fin nel motto del suo pontificato espresso nel Tutus Tuus, Tutto Tuo, di Te, Maria, talmente si conformò a Lei da ricopiare nella profondità del proprio animo il percorso della Regina di tutti i Santi.

Maria visse nell’attesa dell’ingresso del Figlio nella Gloria del Cielo, da Giotto simboleggiata da quelle mani tagliate dalla cornice dell’affresco, per dire che Gesù compie un tuffo al rovescio nel Cielo (Roberto Filippetti), manifestando la profonda unità con il Padre. Ma cosa aveva vissuto Maria prima di questo indicibile momento di Gloria?

Natività e morte a confronto in Maria

Nell’Annunciazione aveva provato lo stupore e il tremore per un annuncio problematico: diventare Madre senza essere ancora Sposa e per di più mutando il proposito di speciale consacrazione a Dio; nella Natività, la gioia di stringere nelle braccia il Figlio di Dio e subito turbata e angosciata dalla Fuga in Egitto; il ritrovamento nel Tempio l’aveva messa a dura prova, facendole temere per la custodia di un Figlio così speciale, da dover meditare tutte queste cose nel suo cuore.

Sotto la Croce, la pena più grande: assistere alla morte ingloriosa non solo con il cuore della madre carnale, ma della Sposa di Dio, che vede la piena umiliazione del Figlio, l’exinanivit della divinità nell’umanità (cf. Fil 2, 7 spogliò se stesso, assumendo la condizione di servo, sed semetipsum exinanivit, formam servi accipiens), assumendo il peccato del mondo.

Una vita, la vita mariana, attraversata dal dolore profondo: dunque, quella del Figlio, come quella della Madre.

Eppure, Maria, visitando Elisabetta, aveva cantato il canto di esplosione e tripudio del Magnificat e, secondo un’antica tradizione, ripresa anche in un’omilia da Mons. Tonino Bello, forse fu la prima ad incontrare il Risorto ancor prima della Maddalena stessa … Una vita, sì, vissuta nella Gloria del Figlio, attesa e realizzata, ma attraversata dalla sofferenza di Cristo e di Lei, che assiste impotente, sempre partecipe dell’exinanivit del Figlio! Sorretta dalla nuda fede. Anch’Ella, inspiegabilmente serena nella sofferenza.

Allora, quel Totus Tuus di San Giovanni Paolo II si è tradotto nell’unione mistica con Gesù e Maria nella fede, secondo la quale, solo chi Lo segue prendendo la sua Croce, ogni giorno, entra nel Regno dei Cieli, infatti:

23Poi, a tutti, diceva: «Se qualcuno vuol venire dietro a me, rinneghi se stesso, prenda la sua croce ogni giorno e mi segua.

24Chi vorrà salvare la propria vita, la perderà, ma chi perderà la propria vita per me, la salverà. (Lc 9, 23-24)

Questo per dire, come abbiamo cercato di spiegare Padre Gianmarco ed io nel nostro libro Mio Signore e mio Dio (Gv. 20, 28). La forza del dolore salvifico (Edizioni Mimep-Docete, 2020), che quanto San Giovanni Paolo II scrisse nella Lettera Apostolica Salvifici doloris (virtutem), la forza del dolore salvifico, non fu solo l’esito magisteriale di uno studio delle Scritture e della Tradizione cristiana, ma anima dell’esistenza di un credente, che segna la via ai credenti, dietro Maria, dietro Gesù.

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Legge Zan omofobia: ci sarebbe da ridere se non ci fosse da piangere

      di Carlo Giovanardi. Tanto è già stato scritto e detto sull’art.1 della proposta di legge Zan sull’omofobia, oscurantista e liberticida, che colpisce penalmente chi istiga a commettere o commette atti di discriminazione per motivi fondati sul sesso, sul genere, sull’orientamento sessuale o sull’identità di genere, senza naturalmente spiegare quali sarebbero le fattispecie incriminabili, come la Conferenza Episcopale Italiana ha giustamente sottolineato. Leggi il seguito…

    • Se è di moda inginocchiarsi (ma non in chiesa)

      di Stefano Fontana. Dai parlamentari ai piloti di Formula 1, fino agli atleti negli stadi. Mentre il mondo si inginocchia allo slogan “Black Lives Matter”, in molte chiese si vieta di inginocchiarsi davanti a Dio. E non c’entra solo il Covid. Inginocchiarsi ha un significato religioso e l’attuale moda ha tratti ideologici. Come diceva Benedetto XVI, chi rifiuta Dio finisce per credere negli idoli. Leggi il seguito…

    • Quattro ragioni per cacciare Conte

      di Marcello Veneziani. Ma perché ce l’avete così tanto con Conte, dopotutto non è di sinistra, ha garbo, un po’ di studi, piace alla gente e poi è pugliese come lei, mi scrive una signora conterronea, madre di tre bambini (complimenti per la triplice maternità se non è reato con la nuova legge anti-transomofobia). Gentile Signora, non ho nulla di personale contro Conte, non ho rancori di alcun tipo, rivalse di campanile o tifoserie di contrada politica. L’unica volta che lo incontrai in un comitato di studiosi fu garbato e garbatamente inconcludente; il tema era valorizzare l’italianità con gli anniversari storici e ovviamente non si fece niente. Nulla di personale; del resto è il Nulla fatto persona. Leggi il seguito…

    • Anche il Mes si tinge di arcobaleno e strizza l’occhio alla teoria del Gender

      di Giuseppe Pica. Non solo le istituzioni europee nel loro complesso hanno sposato al 100% le cause liberal, ora non si ha problema a far riferimento anche ad elementi economici per giustificare l’adesione alle battaglie che riguardano le teorie “gender”. Se fino a ieri quindi il MES aveva come nemici tutti coloro i quali lo consideravano il simbolo più punitivo dell’UE dal punto di vista economico, c’è da scommettere che d’ora in poi anche nel mondo cattolico e moderato in pochi faranno la fila per difenderlo a spada tratta Leggi il seguito…