Fuga da Repubblica, Elkann libera il giornale dai legacci Pd. In cambio chiede fedeltà

di Giuseppe Leonelli.

Gad Lerner è stato il primo ad ufficializzare l’addio affermando che, dopo il licenziamento senza preavviso di Carlo Verdelli “Repubblica è cambiata” divenendo “in poche settimane irriconoscibile” ai suoi occhi. Ora, però, dal giornale fondato da Eugenio Scalfari minacciano di andarsene anche tante altre le firme storiche: da Michele Serra a Ezio Mauro, da Roberto Saviano a Francesco Merlo. Tutti pronti ad approdare nel nuovo giornale che Carlo De Benedetti sta pensando di aprire (Domani).

I motivi della rivolta di quello che è il comitato di redazione di fatto di Repubblica sono noti. Con l’arrivo di John Elkann nei panni di editore, il giornale ha decisamente virato verso una linea editoriale meno schierata a sinistra, sull’Occidentale abbiamo parlato di ‘rivoluzione moderata’, e più attenta agli interessi della nuova proprietà. La scelta del fidatissimo (agli Agnelli) Maurizio Molinari come direttore è stato il passaggio chiave che ha trovato immediata rispondenza nel modo decisamente marcato in cui è stata trattata la prima notizia vera riguardante la proprietà e cioè quella relativa alla richiesta del gruppo Fca, di cui Elkann è chiara espressione, di accedere agli aiuti della Cassa depositi prestiti.
La questione dal punto di vista editoriale economico è chiara e l’ha descritta bene ieri, senza fronzoli, Vittorio Feltri nel suo editoriale su Libero. “Nel nostro Paese – scrive Feltri – tranne rare eccezioni le maggiori testate sono sempre state nei portafogli di importanti imprenditori che le usavano per fare favori al governo o per ottenerne”. E ancora: “Le regole di mercato vengono imposte dal capitale e non dai comitati di redazione che campano di stipendio e sono costretti a piegare la schiena”. Insomma come dire: il cielo è blu, l’acqua è bagnata e Repubblica era a servizio della sinistra. Con buona pace della retorica sulle minacce a Verdelli, minacce reali ma dimenticate in un battito di ciglia dal nuovo editore.

E se la questione economica è chiara, quella politica ne va di conseguenza. Elkann pretende che sulle notizie che riguardano quella che fu la Fiat (e satelliti collegati) il giornale nel quale ha investito adotti una linea editoriale che non cozzi con la proprietà. Una fetta di notizie non piccole, certo. Ma piaccia o non piaccia è così. In cambio ha liberato Repubblica dall’essere strumento (e spesso clava) del Sistema di potere legato al Pd, proprio attraverso le firme che ora minacciano di andarsene sbattendo la porta e reclamando una libertà che era spesso la libertà di servire un partito attraverso le colonne di un giornale. E che probabilmente infatti approderanno a un nuovo giornale simile. Lo scambio che propone Elkann è vantaggioso? Forse sì o forse no. Starà ai lettori giudicare, anche se ormai per i giornali di carta i lettori sono sempre meno importanti. L’importante è conoscere l’equilibrio su cui si fonda il giornale, consapevoli che di neutro non vi è nulla, neppure il sapone, e che la verità è un concetto inarrivabile al quale tendere attraverso una pluralità di voci, anche le più faziose.

Fonte: l’Occidentale

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Deregulation, interesse nazionale, sussidiarietà: le stelle polari del centrodestra dopo la globalizzazione “cinese”

      di Eugenio Capozzi. Quali dovrebbero essere le priorità, le parole d’ordine, i punti programmatici alla base della coalizione di centrodestra ora che l’Italia deve affrontare la dura sfida della ripresa dopo l’epidemia di coronavirus gestita (male, malissimo), dal governo giallorosso di Giuseppe Conte? Come si può trasformare in fatti e progetti la presenza critica mostrata nelle manifestazioni del 2 giugno, in termini di risultati concreti per il paese, più ancora che di consensi elettorali? Leggi il seguito…

    • Censis, in cinque interviste tutti i limiti di Conte

      di Frodo. Cinque interviste nel corso di poche ore e tutte al vetriolo nei confronti di alcune scelte di sostanza operate dall’esecutivo giallorosso: se la giornata di ieri ha avuto un padrone, questo è stato il professor Giuseppe De Rita, presidente del CENSIS. Un Professore con la P maiuscola che ha ridimensionato con dovizia di particolari la narrativa del governo sulla pandemia, scaricando di fatto l’azione politica di Giuseppi e dei suoi alleati. De Rita è un sociologo di nota fama. La sua lettura non ha paletti. Un termine che ricorre spesso tra le cinque disamine è “paura”. Quella che il governo, secondo noi, non solo non è riuscito a stemperare, ma forse è persino finito con l’assecondare. Leggi il seguito…

    • Il patriottismo dei mascalzoni

      di Marcello Veneziani. Su, finitela con questa mascherata. Da quando, il 1° giugno, Sergio Mattarella ha invocato l’unità del paese allo scopo di delegittimare la manifestazione dell’opposizione del giorno dopo, la Cupola italiana – quell’intreccio di poteri che occupa istituzioni, governo, scena politica, media di stato e giornaloni, poteri giudiziari e sanitari – ripete ogni giorno il mantra di restare uniti contro il virus, la destra e la piazza, che poi ai loro occhi coincidono. La chiamano unità ma intendono uniformità. La chiamano comunità ma intendono conformità. Leggi il seguito…

    • Parla il fondatore dei (veri) Gilet arancioni: “Noi siamo il movimento della terra, ripartire da qui”

      Intervista di Claudia Passa. “I gilet arancioni ce li siamo inventati noi, e non sono certo questi. Sono un movimento nato per far sentire l’urlo della terra. Potranno pure prendersi il nostro marchio, ma noi non ci fermeremo”. I gilet arancioni hanno un luogo e una data di nascita, hanno una precisa ragione sociale e hanno un “papà”, che non è il pittoresco generale Pappalardo ma il conte Onofrio Spagnoletti Zeuli. Importante imprenditore agricolo pugliese, da sempre attivo nel mondo dell’associazionismo di settore, Spagnoletti è stato protagonista di importanti mobilitazioni dei lavoratori della terra, esercito di “invisibili” di cui forse l’emergenza coronavirus ha fatto comprendere appieno il valore. Leggi il seguito…