Fuga da Repubblica, Elkann libera il giornale dai legacci Pd. In cambio chiede fedeltà

di Giuseppe Leonelli.

Gad Lerner è stato il primo ad ufficializzare l’addio affermando che, dopo il licenziamento senza preavviso di Carlo Verdelli “Repubblica è cambiata” divenendo “in poche settimane irriconoscibile” ai suoi occhi. Ora, però, dal giornale fondato da Eugenio Scalfari minacciano di andarsene anche tante altre le firme storiche: da Michele Serra a Ezio Mauro, da Roberto Saviano a Francesco Merlo. Tutti pronti ad approdare nel nuovo giornale che Carlo De Benedetti sta pensando di aprire (Domani).

I motivi della rivolta di quello che è il comitato di redazione di fatto di Repubblica sono noti. Con l’arrivo di John Elkann nei panni di editore, il giornale ha decisamente virato verso una linea editoriale meno schierata a sinistra, sull’Occidentale abbiamo parlato di ‘rivoluzione moderata’, e più attenta agli interessi della nuova proprietà. La scelta del fidatissimo (agli Agnelli) Maurizio Molinari come direttore è stato il passaggio chiave che ha trovato immediata rispondenza nel modo decisamente marcato in cui è stata trattata la prima notizia vera riguardante la proprietà e cioè quella relativa alla richiesta del gruppo Fca, di cui Elkann è chiara espressione, di accedere agli aiuti della Cassa depositi prestiti.
La questione dal punto di vista editoriale economico è chiara e l’ha descritta bene ieri, senza fronzoli, Vittorio Feltri nel suo editoriale su Libero. “Nel nostro Paese – scrive Feltri – tranne rare eccezioni le maggiori testate sono sempre state nei portafogli di importanti imprenditori che le usavano per fare favori al governo o per ottenerne”. E ancora: “Le regole di mercato vengono imposte dal capitale e non dai comitati di redazione che campano di stipendio e sono costretti a piegare la schiena”. Insomma come dire: il cielo è blu, l’acqua è bagnata e Repubblica era a servizio della sinistra. Con buona pace della retorica sulle minacce a Verdelli, minacce reali ma dimenticate in un battito di ciglia dal nuovo editore.

E se la questione economica è chiara, quella politica ne va di conseguenza. Elkann pretende che sulle notizie che riguardano quella che fu la Fiat (e satelliti collegati) il giornale nel quale ha investito adotti una linea editoriale che non cozzi con la proprietà. Una fetta di notizie non piccole, certo. Ma piaccia o non piaccia è così. In cambio ha liberato Repubblica dall’essere strumento (e spesso clava) del Sistema di potere legato al Pd, proprio attraverso le firme che ora minacciano di andarsene sbattendo la porta e reclamando una libertà che era spesso la libertà di servire un partito attraverso le colonne di un giornale. E che probabilmente infatti approderanno a un nuovo giornale simile. Lo scambio che propone Elkann è vantaggioso? Forse sì o forse no. Starà ai lettori giudicare, anche se ormai per i giornali di carta i lettori sono sempre meno importanti. L’importante è conoscere l’equilibrio su cui si fonda il giornale, consapevoli che di neutro non vi è nulla, neppure il sapone, e che la verità è un concetto inarrivabile al quale tendere attraverso una pluralità di voci, anche le più faziose.

Fonte: l’Occidentale

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Ripartire da Porta Pia. Le “due Rome”, la “nuova costituente” e la Commissione Glendon”

      di Stefano Fontana. Le due Rome Domenica scorsa 20 settembre si sono ricordati i 150 anni dalla breccia di Porta Pia e dalla presa di Roma da parte dello Stato italiano (20 settembre 1870). Tra le tante cose da dire a proposito, sia di tipo storico[1] che teoretico[2] vorrei soffermarmi sul rapporto tra la valutazione data dal professor Giovanni Turco (università di Udine) con la sua tesi delle “due Rome” di stampo decisamente anti-liberale, e l’interpretazione liberale fornita dal professor Carlo Lottieri (università di Verona) che parte da Porta Pia per lavorare ad una nuova costituente. Leggi il seguito…

    • Il comunismo restò in cielo e mandò i popoli all’inferno

      di Marcello Veneziani. Un lungo corteo di elogi funebri ha accompagnato la morte di Rossana Rossanda. Necrologi rosso antico, testimonianze affettuose, ricordi di militanze dell’altro millennio. Il rispetto che si deve in generale per chi muore e in particolare per un nemico intellettuale, e uso la parola nemico senza un filo di disprezzo, sapendo di rispettare le sue volontà, non deve però trattenere dal tracciare un bilancio onesto. Non della vita e l’opera di Rossana Rossanda, e nemmeno del suo Manifesto, ma un bilancio ideologico e politico di una passione chiamata comunismo. Pace all’anima sua, anche se lei rigettò la pace e l’anima. Leggi il seguito…

    • “Make Italy great again”. Il centrodestra deve ricominciare da una visione comune del futuro

      di Eugenio Capozzi. Il centrodestra è riuscito a non vincere elezioni che pure ha sostanzialmente vinto. Ha guadagnato il governo di una regione, quasi sicuramente due, ha aumentato i consensi per le sue liste, ma ancora una volta non è riuscito nella “spallata” che cerca da un anno, e cioè nel tentativo di destabilizzare il governo Conte bis, pur fragile e diviso, e pur gravato dai risultati disastrosi della gestione dell’emergenza Covid. Leggi il seguito…

    • Così Meloni e Salvini hanno regalato la vittoria a Di Maio

      di Gennaro Malgieri. Di Maio e compagnia cantante hanno potuto ottenere questo strepitoso risultato referendario grazie a vassalli e valvassori di destra e di sinistra, spiega Gennaro Malgieri. E la destra, rappresentata da Lega e FdI, non si capisce che cosa abbia ottenuto posto che ha regalato agli avversari pentastellati più che una vittoria, la resurrezione Leggi il seguito…