Venerdì di Passione. I Sette dolori di Maria secondo Papa Francesco

Prof. Roberto Filippetti, www.filippetti.eu

Sulla sua pagina di Facebook di Venerdì 3 Aprile, Roberto Filippetti (facile accesso a fb dal sito www.filippetti.eu) ha ricordato i Sette dolori di Maria sui quali al mattino, da Santa Marta, Papa Francesco aveva meditato con tanta commozione e devozione.

Tali misteri, al centro della secolare meditazione cristiana, indicano come l’anima, nella ricerca interiore di Cristo, abbia in Maria la guida all’unione con il Signore nell’Opera della Redenzione (1). Sicché, la meditazione teologica e affettiva di simili

dolori non è solo peculiare del periodo prossimo alla Settimana Santa o alla Quaresima precedente la Pasqua, ma abbraccia tutto l’arco dei misteri della salvezza, permeando di sé l’intera spiritualità cristiana.

Il Prof. Filippetti, ad ogni Dolore di Maria, ha congiunto una sacra immagine di grandi artisti, che dei Dolori hanno colto sia il valore emotivo e affettivo, che teologico.

Riproponiamo qui ognuno dei dolori e la Meditazione del Santo Padre

Primo Dolore di Maria

Beato Angelico, Profezia dell’anziano Simeone sul Bambino Gesù

Secondo Dolore di Maria

Giotto, La fuga in Egitto della Sacra Famiglia

Terzo Dolore di Maria

Giotto, La perdita del Bambin Gesù nel Tempio

Quarto Dolore di Maria

Duccio, L’incontro di Maria e Gesù lungo la Via Crucis

Quinto Dolore di Maria

Mosaico di San Clemente a Roma, Maria ai piedi della croce dove Gesù è Crocifisso

Sesto Dolore di Maria

Pietro Lorenzetti, Maria accoglie nelle sue braccia Gesù morto

Settimo Dolore di Maria

Duccio, Maria vede seppellire Gesù

Alcuni passaggi centrali dell’Omilia del Santo Padre

(…) Da secoli viene questa venerazione del popolo di Dio. Si sono scritti inni in onore dell’Addolorata: stava ai piedi della croce e la contemplano lì, sofferente. La pietà cristiana ha raccolto i dolori della Madonna e parla dei “sette dolori”. Il primo, appena 40 giorni dopo la nascita di Gesù, la profezia di Simeone che parla di una spada che le trafiggerà il cuore (cf. Lc. 2,35). Il secondo dolore, pensa alla fuga in Egitto per salvare la vita del Figlio (cf. Mt. 2,13-23). Il terzo dolore, quei tre giorni di angoscia quando il ragazzo è rimasto nel tempio (cf. Lc. 2,41-50). Il quarto dolore, quando la Madonna si incontra con Gesù sulla via al Calvario (cf. Gv. 19,25). Il quinto dolore della Madonna è la morte di Gesù, vedere il Figlio lì, crocifisso, nudo, che muore. Il sesto dolore, la discesa di Gesù dalla croce, morto, e lo prende tra le sue mani come lo aveva preso nelle sue mani più di 30 anni prima a Betlemme. Il settimo dolore è la sepoltura di Gesù. E così, la pietà cristiana percorre questa strada della Madonna che accompagna Gesù. A me fa bene, in tarda serata, quando prego l’Angelus, pregare questi sette dolori come un ricordo della Madre della Chiesa, come la Madre della Chiesa con tanto dolore ha partorito tutti noi … il Vangelo fa vedere che seguiva Gesù: con le amiche, pie donne, seguiva Gesù, ascoltava Gesù. Una volta qualcuno l’ha riconosciuta: “Ah, ecco la madre”, “Tua madre è qui” (cf. Mc. 3,31)… Seguiva Gesù. Fino al Calvario. E lì, in piedi (…) la gente sicuramente diceva: “Ma, povera donna, come soffrirà”, e i cattivi sicuramente dicevano: “Ma, anche lei ha colpa, perché se lo avesse educato bene questo non sarebbe finito così”. Era lì, con il Figlio, con l’umiliazione del Figlio. (…) ci farà bene fermarci un po’ e pensare al dolore e ai dolori della Madonna. È la nostra Madre. E come li ha portati, come li ha portati bene, con forza, con pianto: non era un pianto finto, era proprio il cuore distrutto di dolore. Ci farà bene fermarci un po’ e dire alla Madonna: “Grazie per avere accettato di essere Madre quando l’Angelo Te lo ha detto e grazie per avere accettato di essere Madre quando Gesù Te lo ha detto”. (…) – Citato da: CELEBRAZIONE MATTUTINA TRASMESSA IN DIRETTA
DALLA CAPPELLA DI CASA SANTA MARTA, OMELIA DEL SANTO PADRE FRANCESCO. “L’Addolorata, discepola e madre”. Venerdì, 3 aprile 2020 in www.vatican.va.

1.- Vedi tutto il trattato sulla forza del dolore salvifico nella Lettera Apostolica Salvifici doloris, di San Giovanni Paolo II, di recente ripubblicata da Padre Gianmarco Arrigoni, O.F.M. Conv. e Marcello Giuliano nel libro Mio Signore e mio Dio (Gv 20, 28) La forza del dolore salvifico. Percorsi nella santità e nell’arte, Mimep-Docete, Pessano con Bornago (MI) 2020.

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Guadagnerai il pane con il sudore della fronte. Dalla cultura della domanda alla cultura dell’impegno

      di Daniel Passaniti. Raggiungere la piena occupazione e un’equa distribuzione della ricchezza presuppone che l’economia cresca in termini reali, che vi sia produzione e aumento della ricchezza, dal momento che nulla può essere distribuito se non lo si è prima prodotto mediate lavoro e sforzo. Ed ecco uno dei problemi dell’Argentina: la successione di governi populisti e demagogici che hanno enfatizzato il paradigma distributivo, ingiustamente ingigantendo il bilancio statale per perpetuare programmi di aiuto sociale, soffocando il settore produttivo che genera ricchezza, hanno abituato gran parte della società a ricevere un reddito senza alcuna contropartita, a chiedere e rivendicare senza fare gli sforzi necessari per ottenere, con i propri mezzi, un discreto livello di sussistenza. In questo modo, la povertà è stata trasformata in miseria consentita, se non voluta dal governo di turno. La cultura della domanda ha sostituito la cultura dello sforzo e diverse generazioni di argentini ne sono state vittime Leggi il seguito…

    • Il pensiero greco è parte integrante della fede cristiana. La storia della filosofia greca di Stefano Fontana

      di Silvio Brachetta. È vero che «filosofia», per l’umile Pitagora, è l’«amore della sapienza». È anche vero che qualcuno si azzardò – il gruppo dei sofisti – ad omettere il «filo» e a indicare se stesso come sophistés, sapiente. Ma questi eccessi di umiltà o di orgoglio oscurano la verità forse più grande che il pensiero greco avrebbe voluto tramandare: l’uomo ha la dignità, la vocazione, di accostare e convivere abitualmente con nulla di meno della sapienza. La scienza è grande, così come l’arte o la tecnica, ma la sapienza è più grande di ogni disciplina ed è l’unico vero cibo spirituale con cui l’anima può sopravvivere. Leggi il seguito…

    • Ddl Zan: non si tratta solo di una minaccia alla libertà di opinione

      di Fabio Fuiano. Tavolo di Lavoro sul dopo-coronavirus. L’unico modo per vincere questa battaglia è adottare il principio dell’agere contra: per cui alla falsità si deve opporre la verità e al vizio la virtù. Senza una strategia del genere non metteremo mai in discussione le fondamenta su cui si basano certe proposte di legge e continueremo a subire cocenti sconfitte, come è già accaduto in passato. Se oggi siamo arrivati ad una tale dissoluzione morale e sociale, lo dobbiamo ad una rinuncia del mondo cattolico ad essere militante in virtù di una difesa incondizionata della libertà che però, senza la verità perde totalmente di significato e si tramuta in schiavitù Leggi il seguito…

    • Com’è buono (e inetto) il Comitato degli scienziatoni

      di Andrea Zambrano. Dai verbali desecretati del Cts emerge la volontà di imporre le norme del lockdown come esperimento di intruppamento sociologico. L'incredibie vademecum ai bambini: sveglia, bagno, colazione, igiene personale, attività domestiche e scolastiche. È l'insopportabile pretesa, tipica di uno Stato totalitario, di togliere la libertà insegnando a mamma e papà a fare i genitori. Questo daily plan andrebbe studiato nelle università di tutto il mondo perché è la prova che il Cts altro non era che una scusa per disporre della nostra libertà e intelligenza. È un insulto alla nostra pazienza, un’insopportabile e moralistica presa per il naso da parte di signorinessuno che hanno la grande responsabilità di aver dettato al governo l'azzoppamento di questo Paese Leggi il seguito…