In MEMORIA DI GILBERTO GOBBI

di Pino Morandini

Non ritengo importante ricevere l’approvazione della società. Dovrei essere” corretto culturalmente”: non lo sono”. Questo era Gilberto Gobbi. Con quelle parole chiosava l’introduzione ad un suo saggio sui valori antropologici. Esse mi pare scolpiscano l’uomo e lo studioso.Psicologo e psicoterapeuta, appassionato dei temi legati ai giovani – con particolare riferimento alle questioni sessuali e affettive – e alla famiglia, ha reso un servizio coraggioso e lucido alla verità sull’uomo.

Profondamente convinto che il comportamento sessuale debba radicarsi in un’antropologia autenticamente umana (dove ha sede la verità sull’uomo), ha documentato con onesta’ scientifica quanto si rivelino fondamentali, ai fini dell’identità psicosessuale, le relazioni, il vissuto, il clima psicoaffettivo della famiglia, unitamente alla dimensione biologica.

Per questo ha sempre considerato seria ricerca della verità sulla persona ogni onesto confronto sulla sessualità, che è il riflesso di un pensiero più ampio riguardante l’intera realtà umana. Perché – soleva affermare – la sessualità, come tendenza, “coinvolge tutto l’essere umano nei sentimenti e negli affetti”. Caratteristica, questa, che da realtà tipicamente umana la eleva ad una dimensione trascendente o valoriale. Analogamente, la vera essenza del matrimonio si radica in un’antropologia capace di rivelare all’uomo la sua reale natura e di collocare le proprie  dimensioni in un’unità integrale.

Coerentemente con la sua concezione dell’umano e di fronte al dilagare della cultura gender, soleva affermare come il bimorfismo sessuale sussista non solo per essere funzionale alla procreazione, ma pure per realizzare l’umano attraverso una dualità originaria in tutti gli ambiti della vita.Nei frequenti incontri pubblici che insieme abbiamo tenuto, non esitava ad affermare che “negando l’evidenza e omogeneizzando  i sessi non si da’ vita ad una pedagogia positiva di formazione della personalita’, fino al rischio di negare l’uomo e la sua lunga storia di umanizzazione“.

Per questa chiarezza cristallina nel pensiero e nella parola ha pagato un alto prezzo. Non solo nel remare incessantemente controcorrente, mai conformandosi alla mentalità del tempo, ma pure subendo l’umiliazione del doversi difendere dinnanzi al Consiglio dell’Ordine degli psicologi della sua regione.

L’accusa consisteva nell’asserita esposizione di non meglio precisate “teorie sull’omosessualita” che Gilberto avrebbe sostenuto in alcuni dibattiti pubblici. Dibattiti di cui il citato Ordine aveva esibito locandine e un resoconto giornalistico (!!).

Abbiamo condiviso le controdeduzioni a siffatta accuse, palesemente contraddittorie e inconsistenti, atteso che “per tabulas” non si rinveniva nei predetti allegati affermazione alcuna di quelle addotte dall’Ordine! Quanto al resoconto giornalistico, esso appariva pregno di  indebiti giudizi di valore verso l’accusato, nonché espressivo di una particolare disinformazione.Per non dire di quanto la comunità scientifica sia tutt’altro che univoca sulla teoria del gender….

Fino a quel punto Gilberto ha dovuto tutelare la propria dignità!Per tutto questo sono grato ai suoi cari – con i quali ha festeggiato 50 anni di matrimonio lo scorso giugno – che ce lo hanno donato e a lui, testimone coraggioso e culturalmente attrezzato della verità sull’uomo.

Qui i suoi libri: https://www.fedecultura.com/Verso-la-vita-p62551252

Un breve video: https://www.youtube.com/watch?v=Nc-RBUokcjg

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Patria e famiglia: insieme stanno, insieme cadono

      di Chiara Mantovani. XI Rapporto Van Thuân, il saggio del prof. Mauro Ronco L’XI Rapporto sulla Dottrina sociale della Chiesa nel mondo dell’Osservatorio Cardinale Van Thuân è dedicato a “Popoli, nazioni, patrie: tra natura e artificio politico” (Cantagalli, Siena 2020). Tra i saggi che lo compongono spicca il corposo studio del Prof. Mauro Ronco dal titolo: “La patria italiana nel nuovo millennio”, che qui viene recensito. Leggi il seguito…

    • Omofobia, la battaglia perdente dei cattolici

      di Stefano Fontana. Con la legge Zan sacerdoti e catechisti rischiano la galera, ma sacerdoti e catechisti si saranno chiusi la bocca da soli ben prima che la legge Zan gliela chiuda. Col senso di colpa di essere indietro di 200 anni, la Chiesa cerca di guadagnare il terreno perduto e limita la propria libertà prima che lo Stato gliela limiti. La lotta alla legge Zan basata sulla libertà di espressione deve fondarsi sulla verità e il bene e sul fatto che ci sono dei mali che l’autorità politica può al massimo tollerare a determinate condizioni ma mai approvare come forme di bene pubblico.   Leggi il seguito…

    • Da “assembramento” a risposta di governo, il percorso del centrodestra per non morire

      di Carlo Mascio. Il centrodestra è tornato in piazza. Unito. È questa di per sé è già una notizia. Dopo mesi di tentennamenti e silenzi sulle strategie anti Covid messe in atto dalla macchina orwelliana del governo Conte e dopo continue divisioni sul piano di aiuti economici per la ripresa post pandemia, ora i leader del centrodestra tornano a battere un colpo. Leggi il seguito…

    • Scuola, così il Governo crea una generazione di bimbi-robot

      di Giuseppe Leonelli. La questione economica è enorme, ma ancora più grave appaiono le modalità fuori dalla realtà con cui si è pensato di affrontare il problema. Il tema è la riapertura delle scuole a settembre e, in particolare, le regole annunciate due giorni fa dalla ministro Azzolina, annuncio frutto di un copia e incolla pedissequo – come sempre è avvenuto in questi mesi – di quanto suggerito dal famoso Comitato tecnico-scientifico del Ministero della Salute. Leggi il seguito…