In MEMORIA DI GILBERTO GOBBI

di Pino Morandini

Non ritengo importante ricevere l’approvazione della società. Dovrei essere” corretto culturalmente”: non lo sono”. Questo era Gilberto Gobbi. Con quelle parole chiosava l’introduzione ad un suo saggio sui valori antropologici. Esse mi pare scolpiscano l’uomo e lo studioso.Psicologo e psicoterapeuta, appassionato dei temi legati ai giovani – con particolare riferimento alle questioni sessuali e affettive – e alla famiglia, ha reso un servizio coraggioso e lucido alla verità sull’uomo.

Profondamente convinto che il comportamento sessuale debba radicarsi in un’antropologia autenticamente umana (dove ha sede la verità sull’uomo), ha documentato con onesta’ scientifica quanto si rivelino fondamentali, ai fini dell’identità psicosessuale, le relazioni, il vissuto, il clima psicoaffettivo della famiglia, unitamente alla dimensione biologica.

Per questo ha sempre considerato seria ricerca della verità sulla persona ogni onesto confronto sulla sessualità, che è il riflesso di un pensiero più ampio riguardante l’intera realtà umana. Perché – soleva affermare – la sessualità, come tendenza, “coinvolge tutto l’essere umano nei sentimenti e negli affetti”. Caratteristica, questa, che da realtà tipicamente umana la eleva ad una dimensione trascendente o valoriale. Analogamente, la vera essenza del matrimonio si radica in un’antropologia capace di rivelare all’uomo la sua reale natura e di collocare le proprie  dimensioni in un’unità integrale.

Coerentemente con la sua concezione dell’umano e di fronte al dilagare della cultura gender, soleva affermare come il bimorfismo sessuale sussista non solo per essere funzionale alla procreazione, ma pure per realizzare l’umano attraverso una dualità originaria in tutti gli ambiti della vita.Nei frequenti incontri pubblici che insieme abbiamo tenuto, non esitava ad affermare che “negando l’evidenza e omogeneizzando  i sessi non si da’ vita ad una pedagogia positiva di formazione della personalita’, fino al rischio di negare l’uomo e la sua lunga storia di umanizzazione“.

Per questa chiarezza cristallina nel pensiero e nella parola ha pagato un alto prezzo. Non solo nel remare incessantemente controcorrente, mai conformandosi alla mentalità del tempo, ma pure subendo l’umiliazione del doversi difendere dinnanzi al Consiglio dell’Ordine degli psicologi della sua regione.

L’accusa consisteva nell’asserita esposizione di non meglio precisate “teorie sull’omosessualita” che Gilberto avrebbe sostenuto in alcuni dibattiti pubblici. Dibattiti di cui il citato Ordine aveva esibito locandine e un resoconto giornalistico (!!).

Abbiamo condiviso le controdeduzioni a siffatta accuse, palesemente contraddittorie e inconsistenti, atteso che “per tabulas” non si rinveniva nei predetti allegati affermazione alcuna di quelle addotte dall’Ordine! Quanto al resoconto giornalistico, esso appariva pregno di  indebiti giudizi di valore verso l’accusato, nonché espressivo di una particolare disinformazione.Per non dire di quanto la comunità scientifica sia tutt’altro che univoca sulla teoria del gender….

Fino a quel punto Gilberto ha dovuto tutelare la propria dignità!Per tutto questo sono grato ai suoi cari – con i quali ha festeggiato 50 anni di matrimonio lo scorso giugno – che ce lo hanno donato e a lui, testimone coraggioso e culturalmente attrezzato della verità sull’uomo.

Qui i suoi libri: https://www.fedecultura.com/Verso-la-vita-p62551252

Un breve video: https://www.youtube.com/watch?v=Nc-RBUokcjg

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Ettore Gotti Tedeschi: la Scomparsa dei Matrimoni Religiosi in Italia

      di Marco Tosatti. Cari amici e nemici di Stilum Curiae, il prof. Ettore Gotti Tedeschi ha scritto per La Verità, che ringraziamo, questa riflessione estremamente interessante sul crollo, in termini numerici, dei matrimoni religiosi. Buona lettura.  Leggi il seguito…

    • Crisi di Governo, il day after. Nuovo bivio per Conte: o allarga maggioranza o punta egli stesso al voto

      di Giuseppe Leonelli. Il day after di Giuseppe Conte e del Governo si apre per il premier con la consapevolezza di avere sì vinto la battaglia del Senato ai punti, ma che il match è ancora in pieno svolgimento. Il presidente del Consiglio esce infatti legittimato a livello istituzionale dal voto di palazzo Madama, ma debolissimo a livello politico. Leggi il seguito…

    • L’italo-comunismo nacque cent’anni fa e non è morto

      di Marcello Veneziani. Cosa è vivo oggi del comunismo? La sua mentalità. La sinistra dem, liberal e radical ha ereditato dal Pci la presunzione di diversità e superiorità; la pretesa di giudicare il mondo senza essere giudicati; il razzismo etico, forma aberrante di suprematismo; l’egemonia della casta, l’Intellettuale Collettivo che decreta i valori e i disvalori della società. L’ideologia si è fatta etica e biopolitica. PC è ora la sigla di Politically Correct. Quel codice, derivato dal comunismo e dal giacobinismo, trasformò la sinistra in partito delle classi agiate, del potere global e degli apparati, degli intellettuali e dei magistrati Leggi il seguito…

    • L’allarme di Müller: il Papato corre un grave pericolo

      di Riccardo Cascioli. Grazie anche al potere dei media si è creata ormai una notevole confusione nella Chiesa riguardo al significato del Papato. Da una parte la rinuncia di Benedetto XVI ha dato l'idea dell'esistenza di "due Papi", cosa che non è assolutamente concepibile. E dall'altra papa Francesco, tra relativizzazioni del ruolo e "cambi di paradigma", rischia di predicare «una fratellanza umana senza Gesù Cristo» e intavolare un dialogo con l'islam all'insegna del relativismo religioso. Necessario ritrovare il carattere Cristocentrico del Papato. Il cardinale Gerhard L. Müller pubblica un intervento sul vero significato del Papato. Leggi il seguito…