Gli hacker fantasma, a scuola tutti promossi, reclusione a oltranza. Ma #andràtuttobene. Forse

Avevamo capito da un bel pezzo che una delle urgenze, quando questa storia finirà, sarà quella di riconvertire le terapie intensive in cliniche psichiatriche (oltreché in gastroenterologia). La nuova certezza è che una quota di posti letto andrà assegnata (coattamente) a buona parte della classe dirigente che sta guidando la povera Italia in mezzo a questa tempesta. Per andare dove, non s’è capito. Anche se qualche sospetto iniziamo ad avercelo.
Limitiamoci al bollettino quotidiano.

Uno. Pare ufficiale che a mandare in vacca il costosissimo sito dell’Inps nel giorno delle domande per l’indennizzo ad autonomi e partite Iva non siano stati gli hacker. Diciamo che lo avevamo intuito, ma ormai sembra una certezza acclarata. Il fatto che “hanno stati gli hacker” lo avessero solennemente proclamato il presidente del Consiglio e il presidente dell’Istituto nazionale di previdenza se lo ricorderà qualcuno? A quando le dieci domande a Conte e Tridico da parte di qualche giornale democratico?

Due. Dal ministero della Scuola è giunto l’annuncio, con tre mesi di anticipo, che quest’anno non ci saranno bocciati né rimandati. Un grande stimolo affinché i ragazzi si impegnino a studiare da casa, non c’è che dire… Su tanti aspetti questo governo dice dice e non fa, stavolta non ha capito che certe cose si fanno ma non si dicono. Speriamo solo che il team scientifico che li assiste per il contenimento della pandemia sia un po’ meglio della squadra di pedagogisti motivazionali che affianca l’ineffabile Azzolina.

Tre. Il capo della protezione civile, di fronte a un Paese al collasso economico e fra un po’ psicologico, prefigura con sconcertante leggerezza reclusioni a oltranza senza distinzioni. Unica attenuante: se i dati che usano per pianificare le riaperture sono quelli che la protezione civile diffonde ogni giorno alle 18, il lancio dei dadi sarebbe più attendibile. Ma se continuano con le parole in libertà, è già un miracolo se la reazione non sarà un’evasione di massa.
Comunque state tranquilli, #andràtuttobene e il 25 aprile potrete pure cantare Bella Ciao dal balcone.

Fonte: l’Occidentale

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Patria e famiglia: insieme stanno, insieme cadono

      di Chiara Mantovani. XI Rapporto Van Thuân, il saggio del prof. Mauro Ronco L’XI Rapporto sulla Dottrina sociale della Chiesa nel mondo dell’Osservatorio Cardinale Van Thuân è dedicato a “Popoli, nazioni, patrie: tra natura e artificio politico” (Cantagalli, Siena 2020). Tra i saggi che lo compongono spicca il corposo studio del Prof. Mauro Ronco dal titolo: “La patria italiana nel nuovo millennio”, che qui viene recensito. Leggi il seguito…

    • Omofobia, la battaglia perdente dei cattolici

      di Stefano Fontana. Con la legge Zan sacerdoti e catechisti rischiano la galera, ma sacerdoti e catechisti si saranno chiusi la bocca da soli ben prima che la legge Zan gliela chiuda. Col senso di colpa di essere indietro di 200 anni, la Chiesa cerca di guadagnare il terreno perduto e limita la propria libertà prima che lo Stato gliela limiti. La lotta alla legge Zan basata sulla libertà di espressione deve fondarsi sulla verità e il bene e sul fatto che ci sono dei mali che l’autorità politica può al massimo tollerare a determinate condizioni ma mai approvare come forme di bene pubblico.   Leggi il seguito…

    • Da “assembramento” a risposta di governo, il percorso del centrodestra per non morire

      di Carlo Mascio. Il centrodestra è tornato in piazza. Unito. È questa di per sé è già una notizia. Dopo mesi di tentennamenti e silenzi sulle strategie anti Covid messe in atto dalla macchina orwelliana del governo Conte e dopo continue divisioni sul piano di aiuti economici per la ripresa post pandemia, ora i leader del centrodestra tornano a battere un colpo. Leggi il seguito…

    • Scuola, così il Governo crea una generazione di bimbi-robot

      di Giuseppe Leonelli. La questione economica è enorme, ma ancora più grave appaiono le modalità fuori dalla realtà con cui si è pensato di affrontare il problema. Il tema è la riapertura delle scuole a settembre e, in particolare, le regole annunciate due giorni fa dalla ministro Azzolina, annuncio frutto di un copia e incolla pedissequo – come sempre è avvenuto in questi mesi – di quanto suggerito dal famoso Comitato tecnico-scientifico del Ministero della Salute. Leggi il seguito…