“Francia Italia e Spagna non saranno in grado di superare la crisi rimanendo nell’euro”

Intervista all’economista Jacques Sapir

Di David Desgouilles – 18 aprile 2020

L’uso del protezionismo economico è tornato di moda grazie alla crisi sanitaria, come dichiarato perfino dal presidente Emmanuel Macron! Ma la volontà di istituire una pianificazione strategica dell’economia forzerà la voglia di liberazione della Francia dal giogo europeo. L’economista Jacques Sapir risponde alle domande di David Desgouilles.

________________________________________

David Desgouilles. Jacques Sapir. Certo che no. Innanzitutto gran parte del denaro raccolto dallo stato proviene dal settore privato. Le tasse sono generalmente un meccanismo di trasferimento. Questo è il motivo per cui la distinzione tra settore pubblico e privato può essere fuorviante, perché le spese di uno sono le entrate di altri. Quindi, se sei un commerciante, paghi le tasse; con queste tasse lo stato paga, per esempio, i dipendenti pubblici; questi funzionari che stanno spendendo i soldi sono i tuoi clienti. Il cerchio è completo. Anche quando le tasse sono utilizzate per pagare gli interessi sul debito, si tratta in realtà di un trasferimento (tranne quando questo debito è detenuto da non residenti). Perché l’assicurazione sulla vita, uno dei prodotti di risparmio preferiti dai francesi, contiene molti buoni del tesoro. L’interesse finisce anche per alimentare i consumi, e quindi il settore privato. Ciò che lo Stato raccoglie e poi restituisce per far funzionare le pubbliche amministrazioni, o indirettamente, attraverso gli stipendi dei dipendenti pubblici, che a loro volta generano un consumo.

L’attuale pandemia è uno shock considerevole, che è effettivamente paragonabile solo alla crisi del 1929.

Più in generale, si dovrebbe operare una distinzione tra entrate statali (imposte dirette e indirette, imposte varie) che rappresentano non il 56% ma circa il 42,5% del PIL, e i contributi previdenziali. Questi contributi, che rappresentano effettivamente circa il 13,5% del PIL, sono versati dai dipendenti e dai datori di lavoro che gestiscono congiuntamente i fondi. Se questi contributi possono in alcuni casi passare attraverso lo Stato, che in questo caso è solo un intermediario; non è il “proprietario” di quei soldi e non è perciò il “pagatore”. Funziona come una “banca” quando si paga un consumo tramite assegno bancario. Se lo stato paga denaro per questi fondi, è perché ha deciso unilateralmente di esentare determinate categorie da questi contributi (principalmente i datori di lavoro ed altri). Tutto ciò è richiesto dalla legge per compensare la mancanza di entrate. Questo è il caso del credito d’imposta denominato CICE, che l’anno scorso è stato consolidato come un’esenzione generale dai contributi per i datori di lavoro. È curioso vedere che le stesse persone che si lamentano dell’importo delle tasse non dicano nulla sui sussidi che lo stato concede loro, attraverso riduzioni fiscali o esenzioni dai contributi di sicurezza sociale, che sono considerevoli. Nel complesso, il sistema di contributi e benefici sociali costituisce quello che viene chiamato “stabilizzatore automatico” che, in tempi di crisi, consente di mantenere i consumi e quindi l’attività economica, come possiamo vedere oggi.

Veniamo ora alla situazione attuale. Il Ministero dell’Economia annuncia una recessione del 9% per il 2020. Bruno Le Maire fa riferimento alla grande crisi del 1929! Quanto gravi potranno essere le conseguenze di questo travaglio, che durerà almeno due mesi o anche di più, per un’intera sezione della nostra economia (ristorazione, hotel, cultura, sport professionistico, ecc.)?

È ovvio che le conseguenze di ciò che verrà partorito, e più in generale dell’epidemia, saranno ancora più gravi di quanto indicano Bruno le Maire e Gérald Darmanin, soprattutto dalla fine delle restrizioni, annunciate per l’11 maggio dal Presidente della Repubblica. Ciò non significherà un immediato ritorno alla normalità. L’economia sarà condizionata per una durata tra le sei settimane e i sei mesi in modo ridotto a causa della mancanza di forniture ma anche della mancanza di sbocchi. Possiamo quindi aspettarci un calo del PIL di almeno il 10% nel 2020, o anche di più. La Bank of England, che effettua calcoli più realistici, stima persino che il PIL del Regno Unito potrebbe scendere dal 12% al 13%. Questo è uno shock considerevole, che è effettivamente paragonabile solo alla crisi del 1929. Sarà necessario sostenere l’intera economia con sussidi diretti e indiretti alle imprese ma anche alle famiglie.

Alcuni settori sono fermi, come la ristorazione o il turismo, mentre altri sono a velocità ridotta. Parte del settore è ferma e un’altra parte sta funzionando a bassa velocità.

La famosa frase attribuita a Jacques Chirac “Le promesse sono vincolanti solo per coloro che ascoltano la promessa” non possono risuonare bene alle nostre orecchie! Tuttavia, si può pensare che la realtà, dopo l’epidemia, si imporrà nella sua evidenza a Emmanuel Macron.

Al momento disponiamo di 8,8 milioni di lavoratori parzialmente disoccupati, puntando al 44% della forza lavoro del settore privato. Il costo sul bilancio di questi benefici sociali sarà molto elevato, mentre il calo del PIL comporterà un calo significativo delle entrate fiscali. Nel mio centro di ricerca, CEMI, abbiamo stimato la necessità di finanziamenti dello stato, vale a dire il deficit di bilancio, oltre i 300 miliardi di euro, scommettendo su un 13,5% circa del PIL.

Si è potuto constatare come le tensioni tra gli stati del Nord e del Sud Europa si sono esacerbate in questa crisi. Ritiene che le iniziative della Banca centrale europea e il ritiro del patto di stabilità saranno garantiti per sostenere la zona euro?

La Commissione europea ha deciso di sospendere il patto di stabilità e la BCE ha istituito il PEPP, o programma di acquisto di emergenza pandemica. Queste decisioni devono essere accolte con favore, ma dobbiamo anche riconoscere che sono molto insufficienti. La somma dei disavanzi per gli stati della zona euro richiesta per la fine dell’anno è tra 1150 e 1300 miliardi di euro, mentre i meccanismi raggruppati nel meccanismo europeo di stabilità coprono solo 550 miliardi di euro. Inoltre, dovremmo aspettarci un disavanzo nella zona euro di circa 450-500 miliardi per anno 2021 a causa della crisi causata dal Covid-19. Gli Stati sopra citati hanno perciò bisogno di 1600 e 1850 miliardi, e questo senza nemmeno menzionare le garanzie dei debiti e concessioni al settore privato e il rifinanziamento di questi ultimi attraverso il programma LTRO della BCE. Le esigenze di finanziamento degli Stati non sono necessariamente compatibili con quanto pianificato dalle istituzioni europee.

Il problema del finanziamento è particolarmente grave per l’Italia, la Spagna, ma anche per la Francia. Il meccanismo europeo di stabilità non è adeguato per affrontarlo. Impone effettivamente delle condizioni che non dovrebbero esserci nelle circostanze attuali. La domanda diventa quindi come avremmo fatto se la BCE non fosse esistita? Bene, molto semplicemente, come farà la Banca d’Inghilterra, la Banca Centrale avrebbe prestato direttamente agli Stati! Questa è la famosa “valuta magica”, che esiste realmente, che piaccia o no a Emmanuel Macron, anche se il volume e la durata del suo utilizzo possono causare problemi di inflazione. Comprendiamo quindi che l’euro penalizzerà tre volte di più i paesi dell’Europa meridionale. Primariamente perché non possiamo procedere a una perequazione dei debiti, perché Germania e Paesi Bassi hanno rifiutato i famosi “coronabond”. In secondo luogo, perché l’euro ci impedisce di ricorrere al finanziamento monetario, che sarebbe comunque il modo più logico e più semplice per affrontare questa crisi. In terzo luogo, infine, perché l’euro – e questo è stato dimostrato dalle varie relazioni (relazioni del settore esteri) del FMI – porta a sottovalutare la valuta della Germania e sopravvalutare quella dell’Italia, Francia e Spagna La differenza tra i due movimenti, dal 25% al ​​43% a favore della Germania, spiega sia la salute insolente di questo paese, sia il motivo per cui Francia, Italia e Spagna che hanno già avuto così tante difficoltà prima che questa crisi, tanto che non sarà in grado di superarla rimanendo nell’euro.

Emmanuel Macron parla de “il giorno dopo”. Dice che vuole “reinventarsi”, lui “per primo” (Cosa? Forse la via d’uscita. Ndt). Qua e là parliamo della sua “Via Damasco” economica, sociale ed europea. Abbiamo visto la bandiera blu-bianca-rossa alle sue spalle solo lunedì scorso durante il suo discorso, sapendo che è molto difficile immaginare che questa inquadratura sia dovuta al caso … Credi nella sua sincerità e a un vero cambiamento nella politica del presidente della repubblica?

In linea di principio, non credo nella sincerità di un politico; Credo nelle sue azioni. Quindi, è vero che Emmanuel Macron ha avuto parole forti nel suo ultimo discorso. Quando il presidente dice: “il nostro mondo sarà senza dubbio frammentato”, quando parla di “ricostruzione dell’indipendenza agricola, sanitaria, industriale e tecnologica francese”, si potrebbe credere di sentire il generale de Gaulle ma anche i politici della 4a repubblica, in particolare Pierre Mendès France. Quando il presidente ricorda le parole contenute nella dichiarazione dei diritti dell’uomo e del cittadino, “le distinzioni sociali possono basarsi solo sull’utilità comune” (art. 1 della Dichiarazione dei diritti dell’uomo e del cittadino Nota dell’editore), aspetti e simboli della nostra storia che sono molto forti. Non è certamente una coincidenza. Poi, quando ha detto alla fine del suo discorso: “Dovremo costruire una strategia in cui troveremo la possibilità di pianificare sui tempi lunghi”, si potrebbe pensare di risentire parole Jean-Luc Mélenchon.

Certamente, la famosa frase attribuita a Jacques Chirac “le promesse sono vincolanti solo per coloro che le ascoltano” non possono non risuonare nelle nostre orecchie! Tuttavia, si potrebbe pensare che le realtà dell’economia globale dopo l’epidemia si imporranno su Emmanuel Macron. Le catene di produzione internazionalizzate sono troppo fragili in caso di gravi perturbazioni, e questo è ormai riconosciuto da molti economisti. Sarà quindi ovviamente necessario trasferire le attività. La carenza di maschere, test, famaci e respiratori dimostra che non possiamo più fare affidamento esclusivamente sulle importazioni. Sarà quindi necessario ricostruire strumenti di produzione nazionale, per reindustrializzare la Francia. E questo non sarà possibile senza un minimo di protezionismo. Tuttavia, per fare tutto ciò, dovremo emanciparci da numerose norme e direttive dell’UE, riguadagnare la nostra sovranità monetaria, vale a dire uscire dalla zona euro e, in effetti, attuare una forma di pianificazione strategica.

Ma per questo, Emmanuel Macron avrebbe dovuto riprendere temi cari all’opposizione più radicale, da Mélenchon a Marine le Pen, il che è molto improbabile. Ma, almeno, in qualche modo ha legittimato le parole dei suoi oppositori più radicali nel suo discorso, e questo aspetto dovrebbe essere notato. In futuro, non sarà più in grado di screditare i suoi avversari con il pretesto che le loro proposte economiche sono incoerenti. Quindi, sì, con questo discorso ha anche suscitato immense speranze, e non solo annunciando una data per l’uscita dalla segregazione. Naturalmente, verrà giudicato in base alle sue azioni.

Fonte: https://www.causeur.fr/jacques-sapir-coronavirus-crise-economique-euro-175682

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Il lento smottamento dell’Europa dei Trattati senza Costituzione, senza radici e senza classe dirigente

      di Giulio Sapelli. Tutto sta franando. È un movimento lento, uno smottamento che investe tutto il mondo e trasforma insediamenti umani stabili in grumi di aggregazioni a frattali, sottoposti a quella polverizzazione argillosa che divide, biforca e che di fatto innerva di nuovo il tragico (perché disperato e sempre incompiuto) sogno gollista di un’Europa politica e militare dall’Atlantico agli Urali. Del resto rimane l’unico disegno per costruire un’Europa potenza marittima, ossia talassocratica, e quindi potenza mondiale non soffocata tra l’incubo dell’accerchiamento tedesco e il pescar nel mortaio di medie potenze regionali costrette a politiche internazionali di mediazione che altro non fanno che indebolire le medie potenze così costantemente divise. Questo significa multiple alleanze in contemporanea: è una gerarchia tra vassalli di media potenza senza un impero e senza un imperatore. Leggi il seguito…

    • Con Francesco il rovesciamento della sussidiarietà

      di Paolo Bellavite. Da un confronto tra quattro encicliche sociali che hanno affrontato il tema della sussidiarietà e quindi del rapporto fra Stato e corpi intermedi, si ricava che la concezione espressa in Fratelli Tutti è diametralmente opposta a quella proposta da Leone XIII, Giovanni XXIII e Giovanni Paolo II. Leggi il seguito…

    • La Federazione e il Centrodestra che verrà

      di Giovanni Toti. Bene ha fatto l’amico Matteo Salvini a cogliere il suggerimento che gli avevamo dato all’indomani delle elezioni regionali e a lanciare un sasso nello stagno di un centrodestra che ha bisogno di essere ripensato. Il tempo è giusto: dopo la guerra al Covid, arriverà il dopoguerra, con tutta la sua voglia di ricostruire, di cambiare, di tornare a crescere e lavorare, di costruire un Paese migliore. Leggi il seguito…

    • Ambientalismo e globalismo, le ideologie più pericolose

      di Stefano Fontana. L’ambientalismo è una grande bolla ideologica, il globalismo è un’etica dell’umanità con pochi e generici principi morali per una religione universale senza dogmi e dottrine. A questo progetto inquietante sta dando il proprio appoggio anche la Chiesa cattolica. Il dodicesimo Rapporto dell’Osservatorio Cardinale Van Thuân è dedicato a Ambientalismo e globalismo, le due ideologie più pericolose del momento, che puntano a convergere su un unico piano politico mondiale. Leggi il seguito…