Abbiamo bisogno di piangere

Povera Maria di Magdala: il suo pianto sconsolato è il pianto di tutta l’umanità, a cui è stato rubato Dio.

Povera umanità, le hanno tolto Dio, le hanno ucciso la speranza e persino la possibilità di piangere. Le hanno rubato Dio e persino il suo cadavere: ormai non se ne parla nemmeno, è stato obliato del tutto dalla vita degli uomini.

Povera umanità, se almeno avesse il coraggio di piangere! Maria è stata grande nel suo coraggio di stare lì a piangere. Si rifiutava di tornare alla normalità, di tornare “all’inganno consueto” (Montale). Si rifiutava di archiviare la sua speranza e il suo pianto. Senza di Lui non aveva più senso niente: lei lo sapeva e non voleva fare finta di non saperlo, come facevano tutti.

Povera umanità, le hanno detto che è nata dal caso. L’hanno convinta che tutte le stelle, il cielo azzurro, le montagne, gli alberi, i fiori, l’aria pura, l’acqua fresca, i mari, i fiumi, i laghi, le colline, le valli, le pianure, i frutti, i fiori, le rondini, i colori, la luce, le nubi bianche, le nevi immacolate, i giorni e le notti … tutto, tutto, era nato da un caos che non ne sapeva nulla. Non sapeva nulla, ma guarda un pò ha fatto l’intelligenza, la conoscenza, la scienza, la coscienza, la ragione, le idee …

Povera umanità, l’hanno convinta che l’uomo e la donna, con la loro bellezza, la loro intelligenza, la loro volontà, il loro amore, il loro desiderio di verità e di infinito, non sono altro che un paio di scimmioni autodidatti.

Povera umanità, le hanno detto che tutto è destinato alla morte: la morte di ciascuno e la morte del tutto, eterna e senza speranza. Le hanno detto che la sua fede in Dio era solo una illusione, una droga, una invenzione dei preti, una malattia della mente.

Povera umanità, se avesse almeno il coraggio di piangere! Ma no, le hanno detto che deve essere contenta, che deve essere finalmente felice di non avere più l’idea di Dio tra i piedi e di essere libera di decidere tutto da sè, anche il bene e il male, senza più dipendere da uno che le comanda. Le hanno detto che finalmente è libera e padrona di se stessa. Le hanno detto che il suo potere è assoluto.

Ma libera di che? Di non avere più un Padre? Di non avere più nemmeno un’anima? Di essere solo uno scherzo della materia cieca? Di essere malvagia? Di non essere più un ‘io’, ma un grumo di cellule? Di essere un fremito inutile, destinato alla morte eterna?

E’ libertà questa? A chi vogliono darla a bere? Qua nessuno è fesso, dicono i napoletani, e fanno bene.

Povera umanità, se almeno avessi il coraggio di piangere! Allora sentiresti la voce amata: “Donna, perchè piangi? Chi cerchi?”.

Chi cerchi? Chi cerchi? Chi cerchi? Cerchi l’Infinito, la vita, la verità, l’amore? O cerchi il finito, il tuo potere, la tua autodistruzione, la tua morte?

Chi cerchi, umanità? Non cerchi almeno te stessa, la tua anima, il tuo spirito, il tuo cuore, la tua felicità, il tuo desiderio? O cerchi di negare te stessa, di considerarti come un cane e meno del tuo cane, al quale dai oggi un valore immenso?

Povera umanità, ti hanno rubato Dio e tu nemmeno lo piangi. Piangi solo se ti viene a mancare la tua salute o il tuo comfort o la tua vita su misura. Povera disgraziata, ti credi la migliore fra tutte le generazioni, mentre sei la più sventurata, la più meschina e la più crudele: perchè non provi compassione ne per il Dio che hai perduto ne per i tuoi figli che uccidi a milioni prima della nascita per proclamare le tue ideologie, la tua libertà e i tuoi diritti.

Quando, quando, quando imparerai a piangere?

Ma Maria Maddalena ci insegna ancora una cosa. Lei è stata la grande peccatrice, posseduta da sette demoni. Una prostituta d’alto rango, probabilmente. Eppure è diventata una grande santa. L’unica ad essere lì, davanti al sepolcro, a piangere, ad amare, a non volere false consolazioni. L’unica a gridare al mondo che senza Cristo tutto era perduto. Più grande di tutti gli Apostoli.

Allora anche la nostra povera umanità, che ha toccato ogni fondo possibile e immaginabile, che si è prostituita ad ogni pretendente, che ha rifiutato la sua storia e la sua fede, che ha creduto a tutte le ideologie del sedicente progresso, che ha accettato la scuola dell’odio, che è la più sventurata tra tutte le generazioni, può diventare una grande santa. Sì, può accadere anche per lei il miracolo. Forse è questo il preludio drammatico ad una epoca nuova di fede e di amore.

Dio vuole questo. E’ certo. Vuole questo grande miracolo. Basterebbe solo piangere per ottenerlo.

Pietro Robol

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Inizia l’era di Biden, il presidente del compromesso. Mentre Trump già prepara il ritorno in scena: come, si vedrà

      di Vito De Luca. D’accordo, Joe Biden è il nuovo presidente degli Stati Uniti, il 46°, e Donald Trump, il predecessore, è volato al caldo della Florida. Forse “The Donald” fonderà un suo partito, o un movimento, forse rimarrà all’interno del Gop, il Grand Old Party, forse darà vita ad un network tutto suo, forse si ricandiderà alla presidenza degli Stati Uniti nel 2024, forse lo farà uno dei suoi figli. Di sicuro, però, si ha che da un lato Biden sarà, sin da oggi, a partire dalla raffica degli ordini esecutivi sparati immediatamente (tra l’altro, l’unico e autentico potere governativo che hanno i presidenti americani), un presidente anatra zoppa, e dall’altro che Trump non sparirà. Leggi il seguito…

    • Perché la Chiesa ormai fa politica diretta

      Dottrina sociale di Stefano Fontana. I vertici ecclesiastici sia della Chiesa universale che di quella italiana ormai fanno politica diretta, appoggiano governi e uomini politici, ne condannano altri, sostengono formule politiche a danno di altre o addirittura collaborano a creare nuovi corsi politici. Gli esempi sono molteplici. L’appoggio a Biden, l’odio politico per Trump oppure per Salvini, l’appoggio a suo tempo al governo Monti e ora al governo Conte, il sostegno incondizionato per il governo dell’Unione Europea, la produzione di nuovi soggetti politici come per esempio il partito “Insieme” di Stefano Zamagni, l’invito ai parlamentari cattolici a sostenere un possibile nuovo partito di Conte in cui forse confluirebbe anche “Insieme”. Papa e Vescovi fanno i politicanti, non c’è dubbio. Leggi il seguito…

    • Ettore Gotti Tedeschi: la Scomparsa dei Matrimoni Religiosi in Italia

      di Marco Tosatti. Cari amici e nemici di Stilum Curiae, il prof. Ettore Gotti Tedeschi ha scritto per La Verità, che ringraziamo, questa riflessione estremamente interessante sul crollo, in termini numerici, dei matrimoni religiosi. Buona lettura.  Leggi il seguito…

    • Crisi di Governo, il day after. Nuovo bivio per Conte: o allarga maggioranza o punta egli stesso al voto

      di Giuseppe Leonelli. Il day after di Giuseppe Conte e del Governo si apre per il premier con la consapevolezza di avere sì vinto la battaglia del Senato ai punti, ma che il match è ancora in pieno svolgimento. Il presidente del Consiglio esce infatti legittimato a livello istituzionale dal voto di palazzo Madama, ma debolissimo a livello politico. Leggi il seguito…