Abbiamo bisogno di piangere

Povera Maria di Magdala: il suo pianto sconsolato è il pianto di tutta l’umanità, a cui è stato rubato Dio.

Povera umanità, le hanno tolto Dio, le hanno ucciso la speranza e persino la possibilità di piangere. Le hanno rubato Dio e persino il suo cadavere: ormai non se ne parla nemmeno, è stato obliato del tutto dalla vita degli uomini.

Povera umanità, se almeno avesse il coraggio di piangere! Maria è stata grande nel suo coraggio di stare lì a piangere. Si rifiutava di tornare alla normalità, di tornare “all’inganno consueto” (Montale). Si rifiutava di archiviare la sua speranza e il suo pianto. Senza di Lui non aveva più senso niente: lei lo sapeva e non voleva fare finta di non saperlo, come facevano tutti.

Povera umanità, le hanno detto che è nata dal caso. L’hanno convinta che tutte le stelle, il cielo azzurro, le montagne, gli alberi, i fiori, l’aria pura, l’acqua fresca, i mari, i fiumi, i laghi, le colline, le valli, le pianure, i frutti, i fiori, le rondini, i colori, la luce, le nubi bianche, le nevi immacolate, i giorni e le notti … tutto, tutto, era nato da un caos che non ne sapeva nulla. Non sapeva nulla, ma guarda un pò ha fatto l’intelligenza, la conoscenza, la scienza, la coscienza, la ragione, le idee …

Povera umanità, l’hanno convinta che l’uomo e la donna, con la loro bellezza, la loro intelligenza, la loro volontà, il loro amore, il loro desiderio di verità e di infinito, non sono altro che un paio di scimmioni autodidatti.

Povera umanità, le hanno detto che tutto è destinato alla morte: la morte di ciascuno e la morte del tutto, eterna e senza speranza. Le hanno detto che la sua fede in Dio era solo una illusione, una droga, una invenzione dei preti, una malattia della mente.

Povera umanità, se avesse almeno il coraggio di piangere! Ma no, le hanno detto che deve essere contenta, che deve essere finalmente felice di non avere più l’idea di Dio tra i piedi e di essere libera di decidere tutto da sè, anche il bene e il male, senza più dipendere da uno che le comanda. Le hanno detto che finalmente è libera e padrona di se stessa. Le hanno detto che il suo potere è assoluto.

Ma libera di che? Di non avere più un Padre? Di non avere più nemmeno un’anima? Di essere solo uno scherzo della materia cieca? Di essere malvagia? Di non essere più un ‘io’, ma un grumo di cellule? Di essere un fremito inutile, destinato alla morte eterna?

E’ libertà questa? A chi vogliono darla a bere? Qua nessuno è fesso, dicono i napoletani, e fanno bene.

Povera umanità, se almeno avessi il coraggio di piangere! Allora sentiresti la voce amata: “Donna, perchè piangi? Chi cerchi?”.

Chi cerchi? Chi cerchi? Chi cerchi? Cerchi l’Infinito, la vita, la verità, l’amore? O cerchi il finito, il tuo potere, la tua autodistruzione, la tua morte?

Chi cerchi, umanità? Non cerchi almeno te stessa, la tua anima, il tuo spirito, il tuo cuore, la tua felicità, il tuo desiderio? O cerchi di negare te stessa, di considerarti come un cane e meno del tuo cane, al quale dai oggi un valore immenso?

Povera umanità, ti hanno rubato Dio e tu nemmeno lo piangi. Piangi solo se ti viene a mancare la tua salute o il tuo comfort o la tua vita su misura. Povera disgraziata, ti credi la migliore fra tutte le generazioni, mentre sei la più sventurata, la più meschina e la più crudele: perchè non provi compassione ne per il Dio che hai perduto ne per i tuoi figli che uccidi a milioni prima della nascita per proclamare le tue ideologie, la tua libertà e i tuoi diritti.

Quando, quando, quando imparerai a piangere?

Ma Maria Maddalena ci insegna ancora una cosa. Lei è stata la grande peccatrice, posseduta da sette demoni. Una prostituta d’alto rango, probabilmente. Eppure è diventata una grande santa. L’unica ad essere lì, davanti al sepolcro, a piangere, ad amare, a non volere false consolazioni. L’unica a gridare al mondo che senza Cristo tutto era perduto. Più grande di tutti gli Apostoli.

Allora anche la nostra povera umanità, che ha toccato ogni fondo possibile e immaginabile, che si è prostituita ad ogni pretendente, che ha rifiutato la sua storia e la sua fede, che ha creduto a tutte le ideologie del sedicente progresso, che ha accettato la scuola dell’odio, che è la più sventurata tra tutte le generazioni, può diventare una grande santa. Sì, può accadere anche per lei il miracolo. Forse è questo il preludio drammatico ad una epoca nuova di fede e di amore.

Dio vuole questo. E’ certo. Vuole questo grande miracolo. Basterebbe solo piangere per ottenerlo.

Pietro Robol

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Caso Grillo, uno schifo che è lo specchio dell’Italia

      di Roberto Marchesini. Qualcuno, notando l’esasperazione del politico genovese, ha ipotizzato che fosse dovuta alla disperazione di chi ha sacrificato il partito per salvare il figlio e si è reso conto che si è trattato di un sacrificio inutile. Qualcun altro ha risposto alla domanda posta da Grillo («Mio figlio è su tutti i giornali come stupratore seriale insieme ad altri 3 ragazzi...io voglio chiedere chiedere veramente perché un gruppo di stupratori seriali non sono stati arrestati, la legge dice che vanno presi e messi in galera e interrogati. Sono liberi da due anni, ce li avrei portati io in galera a calci nel culo. Allora perché non li avete arrestati?») con velenose insinuazioni (clicca qui): «È una vicenda che è nata alla vigilia – credo un mese prima – che si creasse una nuova maggioranza tra PD e Cinque Stelle ed è una vicenda che ha avuto il suo epilogo due mesi dopo che quel governo è finito». Leggi il seguito…

    • Qualche dubbio sul Caso Grillo

      di Marcello Veneziani. A parte l’umana comprensione per un padre che vuol difendere e salvare un figlio, Beppe Grillo ha decisamente sbagliato col suo video, mostrando tutta la sua prepotenza aggressiva: ha sostenuto una tesi innocentista dopo anni di feroce giustizialismo solo perché era in ballo suo figlio, ha ferito e offeso la ragazza che ha denunciato di aver subito lo stupro, accusandola in pratica di fingere e quindi di speculare. E ha ripercorso il repertorio classico dei “maschilisti” che a un certo punto sfoderano la solita parola chiave: lei ci stava, era consenziente. Non starò lì a ripetere quello che dicono tutti. Vorrei però notare un’implicazione politica. Leggi il seguito…

    • Nuovi preti: sinodali, “moderni”, tutto ma non santi

      di Stefano Fontana. Ripensare il sacerdozio, questo l’obiettivo del Simposio teologico internazionale progettato dalla Congregazione dei Vescovi e presentato alla stampa dal cardinale Marc Ouellet nel segno dello stare al passo coi tempi e della sinodalità. Nessuno ha parlato della “santità” del sacerdote, la quale, in fondo, è l’unica cosa che conta e che sta alla base anche della soluzione dei cosiddetti problemi concreti. Leggi il seguito…

    • La disputa filosofica sul vaccino, oltre i No vax e i Dio vax

      di Marcello Veneziani. Nonostante l’avvento del colore da quasi mezzo secolo, la tv e i media dividono l’umanità in bianco e nero; il video come i social premia chi dice bianco o nero, senza sfumature. Infatti la rappresentazione dominante sul vaccino è perentoria: il vaccino è la salvezza per i saggi e la dannazione per gli stolti. Dio vax e No vax, e in mezzo il vuoto. E ambedue abusano della credulità popolare per spargere cieco ottimismo e ottuso allarmismo. Ma il mondo è più vario, non si ferma nemmeno al grigio, cioè a metà tra i due estremi; ma è colorato, a volte colorito. Basta sentire i discorsi veri della gente per accorgersi che sono pochi i credenti e i miscredenti radicali, nel mezzo i più sono esitanti, mutevoli, diffidenti, guardinghi, circostanziati o rassegnati. Lo scetticismo si è fatto ipotetico e selettivo: va bene ma non AstraZeneca. Oltre la fede dei dio vax e la sfiducia dei no vax, prevale lo spirito critico e vigile. Leggi il seguito…